San Manuel Bueno, martire

San Michele Buono, martire.

San Michele Buono, martire.

Il 13 maggio 1931 apparve per la prima volta pubblicato San Manuel Bueno, martire, nel N ° 461 della rivista Il romanzo di oggi. È una nivola che riassume gran parte dei tratti caratteristici della vasta opera del filosofo e scrittore Miguel de Unamuno. Il testo riflette molte delle preoccupazioni che affliggevano costantemente un intellettuale anziano.

Queste riflessioni esistenziali si esprimono attraverso il suo personaggio principale, il sacerdote. Così come l'intenzione dello scrittore basco di scuotere la coscienza dei suoi lettori per incitarli a una vera ricerca spirituale. Dopo tutto, il confronto tra fede e ragione è diventato una lotta interna permanente in Unamuno.

Chi l'Autore

Miguel de Unamuno (Bilbao, 29 settembre 1864 - Salamanca, 31 dicembre 1936) è uno dei maggiori riferimenti della Generazione del '98. Il suo lavoro mostra un'esaltata padronanza di diversi stili di genere come saggi, romanzi, poesia e arti dello spettacolo. All'università di Salamanca è stato professore di greco, è stato anche rettore, ma è stato licenziato per motivi politici.

Andò in esilio in Francia durante la dittatura di Primo de Rivera. Al ritorno in Spagna, ha ricoperto nuovamente l'ufficio di rettore. Dopo il suo lancio nel 1931, San Manuel Bueno, martire è stato pubblicato sotto l'etichetta Espasa Calpe insieme ad altri due racconti nel 1993. Queste due storie complementari sono ugualmente dominate dai temi esistenzialisti che più interessano Unamuno.

La personalità, lo stile e il pensiero di Unamuno

Il suo temperamento duro contrasta in qualche modo con una percezione della vita piuttosto angosciante, inquadrato in una deliberazione filosofica permanente. Allo stesso modo, la condizione finita dell'essere umano era un'idea frequente nei suoi testi, contraddistinti da uno stile vivo e preciso, senza fronzoli. Il tutto espresso in una prosa rustica, espressiva, carica di antitesi, usata per rivelare il suo universo interiore.

Miguel de Unamuno.

Miguel de Unamuno.

Inoltre, la sua posizione su Spagna ed Europa è un segno del suo eventuale estremismo. Nei suoi primi decenni di vita Unamuno ha ritenuto necessario "europeizzare la Spagna", a causa dell'arretratezza della nazione iberica rispetto al continente. Ma verso la fine della sua vita ha ritenuto più imperativo "spagnolarizzare l'Europa". Con questo abbandona così il plauso di un tempo per il progresso europeo.

Argomento da San Manuel Bueno, martire

Ángela Carballino è la curatrice della storia di Don Manuel Bueno, il plebano del piccolo paese in cui vive, Valverde de Lucerna. Una successione di eventi fa sì che il parroco venga considerato "un santo vivente, fatto di carne e sangue" e un esatto archetipo di un servo di Dio. Con amore incondizionato e dedizione per confortare i più vulnerabili, aiutando "tutti a morire bene".

Un giorno il fratello di Angela, Lázaro, un libero pensatore con tendenze anticlericali, torna in città. Sebbene l'iniziale antipatia di Lázaro verso Don Manuel si trasformi rapidamente in ammirazione dopo aver sentito la sua abnegazione. Ma il sacerdote ha un lato nascosto: certo non crede in Lui. Desidera l'eternità, ma la sua mancanza di fede gli rende impossibile comprendere la risurrezione del corpo.

La giustificazione

Don Manuel confessa il suo segreto proprio a Lázaro e questo ad Angela. Spiega il suo comportamento finto nella sua intenzione di preservare "la pace tra i fedeli". Preferisce mantenere il confortante dogma di un'esistenza nell'aldilà tra i parrocchiani per non disturbarli. Quindi, Lázaro decide di dimettersi dalle sue idee progressiste, finge di convertirsi e collabora con la missione del padre.

Dopo pochi anni Don Manuel muore - ancora senza riacquistare la fede - con sufficienti meriti per essere beatificato. Solo Angela e Lázaro sono gli unici a conoscere il suo segreto. Alla fine, quando Lázaro muore, Angela finisce per interrogarsi sulla redenzione dei suoi cari.

Teorie filosofiche

In termini generali, Le creazioni letterarie di Miguel de Unamuno hanno un carattere chiaramente esistenzialista. Esplora la soggettività della libertà umana da una visione individualistica, in cui ognuno è responsabile delle proprie decisioni. Pertanto, un uomo unamuniano non suggerisce tutto a un'entità precedente capace di mettere o predestinare il suo percorso.

Paralleli tra Unamuno e i suoi protagonisti

Il personaggio di don Manuel vuole credere nell'eternità e riscattarsi nella sua fede, perché teme la sua condizione mortale. Nello stesso modo, Unamuno era congruente con il suo pensiero di trascendenza attraverso le sue azioni, esperienze e dedizione agli altri. Ma il sospetto derivato dalla ragione appare sempre come una grande lastra ineludibile sul suo cammino spirituale.

Alla fine, che l'afflizione religiosa è vinta dallo stesso Unamuno nel crepuscolo dei suoi giorni da un agnosticismo razionale invece che assoluto. A questo punto, la salvezza sarebbe disponibile per coloro che desiderano ardentemente raggiungere Dio. Per questo motivo - nonostante i dubbi dogmatici - le allusioni bibliche (dirette, testuali o indirette) sono molto rilevanti nell'opera.

Una questione di identità?

I nomi scelti da Unamuno in Don Manuel Bueno, martire denota i ruoli di ogni personaggio nel testo. Angela - Angel è il messaggero. Don Manuel - Emmanuel, il salvatore. Lazzaro, è alluso in modo simile alla figura biblica (che abbandona il suo pragmatismo per dedicarsi alla vita religiosa). Anche i paesaggi della città, del lago e della collina sono stati personificati, hanno un'anima.

Citazione di Miguel de Unamuno.

Citazione di Miguel de Unamuno.

Don Manuel vive sommerso in un costante dilemma identitario, il sé interiore contro l'identità pubblica costruita per gli altri. Tuttavia, grazie al sacerdote, i parrocchiani sentono che non c'è un solo motivo per vacillare nella fede. I fedeli non dubitano di essere sulla strada giusta. Sono sicuri di essere stati salvati.

San Manuel Bueno, martire: un capolavoro in tutti i sensi dell'espressione

La possibilità della santificazione diventa il veicolo verso l'immortalità di Don Manuel. Di conseguenza, le azioni del personaggio principale assumono una rilevanza eterna poiché sono custodite nell'amore incondizionato. Un sacrificio minore e disinteressato rispetto a una conseguenza veramente meritevole: la tranquillità degli abitanti del villaggio.

Perciò, Il genio di Unamuno è evidente quando ritrae in modo così fluido le grandi contraddizioni dell'essere umano. Con un approccio a favore della spiritualità come uno degli assi fondamentali della civiltà e del progresso. È il dubbio come elemento cruciale della crescita spirituale e della spiritualità come parte indispensabile dell'umanità moderna.


Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.