Samuel Beckett

Paesaggio irlandese.

Paesaggio irlandese.

Samuel Barclay Beckett (1906-1989) è stato un famoso scrittore irlandese. Eccelleva in vari generi letterari, come la poesia, i romanzi e la drammaturgia. Nella sua performance in quest'ultimo ramo, il suo lavoro Aspettando Godot ha avuto un successo strepitoso, e oggi è un punto di riferimento all'interno del teatro dell'assurdo. Il notevole impegno nella sua lunga carriera - contraddistinta dall'originalità e dalla profondità dei suoi testi - gli è valso il Premio Nobel per la Letteratura nel 1969.

Becket si caratterizzava per ritrarre in modo crudo, oscuro e conciso la realtà dell'uomo, sottolineando l'irragionevolezza della sua esistenza. Quindi, molti critici lo hanno inquadrato all'interno del nichilismo. Sebbene i suoi testi fossero brevi, l'autore è riuscito a dare un'enorme profondità attraverso l'uso di varie risorse letterarie, dove le immagini risaltavano sopra ogni altra cosa. Forse il suo contributo più significativo alla letteratura fu la rottura con molti dei precetti stabiliti fino al suo arrivo.

Dettagli biografici dell'autore, Samuel Beckett

Samuel Barclay Beckett è nato venerdì 13 aprile 1906 nel sobborgo dublinese di Foxrock, Irlanda. Era il secondo figlio del matrimonio tra William Beckett e May Roe, rispettivamente un geometra e un'infermiera. Di sua madre, l'autore ha sempre ricordato la dedizione alla sua professione e la sua spiccata devozione religiosa.

Infanzia e studi

Fin dalla sua infanzia, Beckett ha fatto tesoro di poche esperienze piacevoli. Ed è che, contrariamente a suo fratello Frank, lo scrittore era molto magro e si ammalava continuamente. Riguardo a quel periodo, una volta disse: "Avevo poco talento per la felicità".

Durante la formazione iniziale ha avuto un breve approccio con la formazione musicale. La sua istruzione primaria si è svolta alla Earlsford House School fino all'età di 13 anni; successivamente fu iscritto alla Regia Scuola di Portora. In questo sito ha incontrato Frank, suo fratello maggiore. Fino ad oggi, quest'ultima scuola gode di molto prestigio, poiché anche il famoso Oscar Wilde ha visto le lezioni nelle sue aule.

Beckett, il poliedrico

La fase successiva nella formazione di Beckett è stata al Trinity College di Dublino. Lì sono emerse le sue molteplici sfaccettature, la sua passione per le lingue era una di queste. Per quanto riguarda questo hobby, è necessario evidenziare che l'autore è stato formato in inglese, francese e italiano. Lo fece appositamente tra il 1923 e il 1927, e successivamente si laureò in Filologia Moderna.

Due dei suoi tutor di lingua erano AA Luce e Thomas B. Rudmose-Brown; Fu quest'ultimo ad aprirgli le porte della letteratura francese e ad introdurlo anche all'opera di Dante Alighieri. Entrambi gli insegnanti hanno espresso il loro stupore per l'eccellenza di Beckett in classe, sia teoricamente che praticamente.

In questo campus di studi si notano fortemente anche le sue doti sportive, poiché Beckett eccelleva negli scacchi, nel rugby, nel tennis e, molto, molto, nel cricket.. La sua prestazione nello sport della mazza e della palla è stata tale che il suo nome compare sul Almanacco dei giocatori di cricket Wisden.

Oltre a quanto sopra, lo scrittore inoltre non era estraneo alle arti e alla cultura in generale. A questo proposito, nelle opere di James Knowlson - uno dei biografi più noti dell'autore - la poliedricità di Samuel è fortemente esposta. Ed è che la multidisciplinarietà di Beckett era nota, soprattutto per il modo superbo con cui si comportava in ogni mestiere che esercitava.

Beckett, il teatro e il suo stretto legame con James Joyce

Al Trinity College di Dublino accadde qualcosa di decisivo nella vita di Beckett: il suo incontro con le opere teatrali di Luigi Pirandello. Questo autore È stato un pezzo chiave nello sviluppo successivo di Samuel come drammaturgo.

Più tardi, Beckett fece il suo primo contatto con James Joyce. È successo durante uno dei tanti raduni bohémien in città, grazie all'intercessione di Thomas MacGreevy — L'amico di Samuel — che li ha presentati. L'alchimia tra loro fu immediata, e questo era normale, dal momento che erano entrambi amanti dell'opera di Dante e appassionati filologi.

L'incontro con Joyce è stato fondamentale per il lavoro e la vita di Beckett. L'autore è diventato un assistente del pluripremiato scrittore e una persona vicina alla sua famiglia. Come risultato del nesso, Samuel ha anche avuto un certo tipo di relazione con Lucia Joyce, la figlia di Jame.sì - ma non è finita molto bene - infatti, ha finito per soffrire di schizofrenia.

Immediatamente, a causa di quella "mancanza d'amore", ci fu un allontanamento tra i due autori; tuttavia, dopo un anno hanno fatto i passaggi. Di questa amicizia, era noto il reciproco apprezzamento e l'adulazione che Joyce arrivò a fare. sulle prestazioni intellettuali di Beckett.

Becket e la scrittura

Dante… Bruno. Vico… Joyce è stato il primo testo ufficialmente pubblicato da Beckett. Venne alla luce nel 1929 e fu un saggio critico dell'autore che sarebbe entrato a far parte delle righe del libro Il nostro esame intorno alla sua falsificazione per incaminazione dei lavori in corso —Un testo sullo studio dell'opera di James Joyce. Anche altri autori di spicco hanno scritto quel titolo, tra cui Thomas MacGreevy e William Carlos Williams.

A metà di quello stesso anno venne alla luce Il primo racconto di Beckett: Assunzione. Rivista transizione era la piattaforma che ospitava il testo. Questo spazio letterario d'avanguardia è stato decisivo per lo sviluppo e il consolidamento dell'opera dell'irlandese.

Nel 1930 pubblicò la poesia oroscopo, questo piccolo testo gli è valso un riconoscimento locale. L'anno successivo tornò al Trinity College, ma ora come professore. L'esperienza di insegnamento fu di breve durata, poiché rinunciò all'anno e si dedicò a girare l'Europa. Come risultato di quella pausa, scrisse la poesia Gnomo, che è stato ufficialmente pubblicato tre anni dopo nel Rivista di Dublino. L'anno successivo fu pubblicato il primo romanzo, Sogno donne che né si divertono né si fanno (1932).

La morte di suo padre

Nel 1933 accadde un evento che scosse l'esistenza di Beckett: la morte del padre. L'autore non sapeva come gestire bene l'incidente e ha dovuto consultare uno psicologo, il dottor Wilfred Bion.. Di quel periodo sono noti anche alcuni saggi scritti dall'autore. Tra questi, ce n'è uno in particolare che spicca: Quietismo umanistico (1934), nei cui versi fece un'analisi critica di una raccolta di poesie di Thomas MacGreevy.

Il processo "Sinclair v. Gogarty" e l'autoesilio di Beckett

Questo evento ha significato un enorme cambiamento nella vita dell'autore, poiché lo ha portato a una sorta di autoesilio. Era una controversia tra Henry Sinclair - lo zio di Samuel - e Oliver St. John Gogarty. Il primo calunniava il secondo, accusandolo di usuraio, e Beckett fu testimone al processo... un grave errore.

L'avvocato di Gogarty ha usato una strategia molto forte contro lo scrittore per screditarlo e distruggere le sue accuse. Tra i danni esposti, spiccano l'ateismo di Beckett e la sua dissolutezza sessuale. Questa azione ha avuto un enorme impatto sulla vita sociale e personale dell'autore, quindi ha deciso di andare a Parigi., quasi definitivamente.

Parigi: amori selvaggi, contatto con la morte e incontro con l'amore

Torre Eiffel

Torre Eiffel

Qualcosa che ha caratterizzato Beckett quando ha raggiunto i trent'anni, oltre alla sua enorme produzione letteraria, è stata la sua promiscuità. Per lui Parigi era il luogo perfetto per scatenare il suo fascino con le donne. Uno degli aneddoti più noti a questo proposito è sorto tra la fine del 1937 e l'inizio del 1938, nel bel mezzo dei festeggiamenti prima e dopo la fine dell'anno.

Da quel periodo si sa che Beckett ebbe relazioni amorose simultanee con tre donne. Uno di loro spicca in particolare, perché, oltre ad essere un'amante, era una mecenate dell'autrice: Peggy Guggenheim.

Un altro evento quasi tragico che si è verificato quando ero un nuovo arrivato a Parigi fu accoltellato (1938). La ferita era profonda e toccò leggermente il cuore di Beckett, che si salvò miracolosamente. L'aggressore era un uomo di nome Prudent, un protettore locale che in seguito in tribunale - e affrontato dallo scrittore - ha affermato di non sapere cosa gli fosse successo in quel momento, e che era molto dispiaciuto.

Beckett si salvò grazie alla pronta azione di James Joyce. Il pluripremiato scrittore ha spostato le sue influenze e ha prontamente assicurato una stanza per il suo amico in un ospedale privato. Lì, Samuel si riprese gradualmente.

Suzanne Dechevaux-Dumesnil —Musicista e atleta riconosciuto— sapeva cosa è successoCosì, in breve tempo, l'incidente divenne noto in quasi tutta Parigi. Lei fatto un'approssimazione a Beckett sarebbe definitivo, allora non si separarono mai più.

Due anni dopo, nel 1940, Beckett si incontrò per l'ultima volta -non sapendo- con l'uomo che le ha salvato la vita, il suo caro amico e mentore James Joyce. Il pluripremiato scrittore irlandese morì poco dopo, all'inizio del 1941.

Beckett e la seconda guerra mondiale

Beckett non era estraneo a questo conflitto bellico. Non appena i tedeschi occuparono la Francia nel 1940, lo scrittore si unì alla Resistenza. Il suo ruolo era fondamentale: portare il corriere; Tuttavia, nonostante fosse un lavoro semplice, era comunque pericoloso. Infatti, mentre svolgeva questo lavoro, Samuel ha confessato di essere stato sul punto di essere catturato dalla Gestapo in più occasioni.

Dopo che l'unità a cui era collegata è stata esposta, lo scrittore deve essere fuggito rapidamente con Suzanne. Andarono a sud, più precisamente alla villa de Roussillon. Era l'estate del 1942.

Per i due anni successivi, entrambi - Beckett e Dechevaux - si finsero residenti della comunità. Tuttavia, in modo molto furtivo si sono dedicati a nascondere le armi per mantenere la loro collaborazione con la Resistenza; Inoltre, Samuel aiutò i guerriglieri in altre attività.

La sua azione coraggiosa non è passata invano agli occhi del governo francese, così Beckett In seguito ricevette la Croix de Guerre 1939-1945 e la Médaille de la Résistance. Nonostante il fatto che dei suoi 80 compagni solo 30 siano rimasti in vita, ed essendo stato più volte in pericolo di morte, Beckett non si considerava degno di tali riconoscimenti.. Egli stesso ha descritto le sue azioni come "cose ​​di boy scout".

Citazione di Samuel Beckett

Citazione di Samuel Beckett

Fu in questo periodo - tra il 1941-1945 - che Beckett scrisse Watt, romanzo che è stato pubblicato 8 anni dopo (1953). Dopo tornò brevemente a Dublino, dove —tra il suo lavoro con la Croce Rossa e la riunione con i parenti- ha scritto un'altra delle sue opere famose, il dramma teatrale L'ultimo nastro di Krapp. Molti esperti dicono che si tratta di un testo autobiografico.

Gli anni Quaranta e Cinquanta e l'effervescenza letteraria di Beckett

Se qualcosa ha caratterizzato l'opera letteraria degli irlandesi rispettivamente negli anni 'XNUMX e 'XNUMX, quella era la loro produttività. Ha pubblicato un numero considerevole di testi in diversi generi: racconti, romanzi, saggi, commedie. Da questo momento, per citare alcuni pezzi, spicca il suo racconto "Suite", il romanzo Mercier et Camier, e il gioco Aspettando Godot.

La pubblicazione di Aspettando Godot

Questo pezzo arriva due decenni dopo il suo "risveglio letterario" iniziato sulla rivista transizione. Aspettando Godot (1952) —Uno dei riferimenti fondamentali del teatro assurdo e che ha segnato un prima e un dopo nella sua carriera—, fu scritto sotto la notevole influenza delle vicissitudini della guerra, della perdita ancora pesante del padre e di altri dissidi nella vita stessa.

Beckett: l'essere umano fallibile

Apparentemente, tutto il genio è caratterizzato da eccessi e comportamenti che vanno oltre le norme stabilite. Beckett non è sfuggito a questo. Il suo alcolismo e la sua promiscuità erano noti. In effetti tuuna delle sue relazioni romantiche più note era la che tenuto con Barbara Bray. A quel tempo lavorava per la BBC a Londra. Era una bella donna di lettere dedita all'editing e alla traduzione.

Si potrebbe dire, a causa dei loro atteggiamenti, che la loro attrazione fosse istantanea e inarrestabile. Riguardo a questa relazione, James Knowlson ha scritto: “Sembra che Beckett sia stato subito attratto da lei, come lei per lui. Il loro incontro è stato molto significativo per entrambi, poiché è stato l'inizio di una relazione parallela a quella di Suzanne, che sarebbe durata tutta la vita”.

E senza dubbio, nonostante l'esistenza di Suzanne, Beckett e Bray hanno sempre mantenuto un legame. Tuttavia, l'importanza di Suzanne nella vita di Beckett non fu irrilevante —lo stesso scrittore lo dichiarò in più di un'occasione—; Anche poco dopo, nel 1961, la coppia si sposò. La loro unione arrivò quasi all'ultimo respiro tre decenni dopo.

"Devo tutto a Suzanne", si può trovare nella sua biografia; Questa frase forte è stata pronunciata quando la sua morte era vicina.

Samuel Beckett e Suzanne Dechevaux

Samuel Beckett e Suzanne Dechevaux

Il Nobel, viaggio, riconoscimento e partenza

Il tempo rimanente della vita di Beckett dopo il suo matrimonio è stato speso tra viaggi e riconoscimenti. Tra tutto il suo vasto lavoro, come affermato,Alla ricerca di Godot era l'unico ha rappresentato la maggior parte di tutti i suoi riconoscimenti, compreso il premio Nobel per la letteratura nel 1969. Qualcosa di non così strano nella personalità dell'autore è stata la sua reazione dopo aver appreso di aver vinto un così grande premio: si è separato dal mondo e non ha fatto sapere loro nulla di lui. Diciamo che Beckett non era al passo con quel tipo di convenzioni.

Dopo 28 anni di matrimonio, si è adempiuta la premessa davanti alla quale hanno deciso di unirsi in matrimonio: "Finché morte non vi separi". Suzanne è stata la prima a morire. La morte è avvenuta morì lunedì 17 luglio 1989. Beckett, nel frattempo, ha lasciato alla fine di dlo stesso anno, venerdì 22 dicembre. L'autore aveva 83 anni.

I resti della coppia riposano nel cimitero di Montparnasse a Parigi.

Commenti sul lavoro di Becket

  • “Beckett ha distrutto molte delle convenzioni su cui si basano la narrativa e il teatro contemporanei; si dedicò, tra l'altro, a screditare la parola come mezzo di espressione artistica e creò una poetica delle immagini, sia scenico che narrativo ”Antonia Rodríguez-Gago.
  • “Tutta l'opera di Beckett ritrae la tragicommedia della condizione umana in un mondo senza Dio, senza legge e senza significato. L'autenticità della tua visione, la sobria brillantezza della loro lingua (in francese e inglese) ha influenzato i giovani scrittori di tutto il mondo" Enciclopedia della letteratura mondiale nel XX secolo.
  • “Beckett ha rifiutato il principio Joyce secondo cui conoscere di più era un metodo di comprensione creativa e controllo del mondo. Da lì in poi Il suo lavoro avanzò lungo il sentiero dell'elementare, del fallimento, esilio e perdita; dell'uomo ignorante e distaccato”, James Knowlson.
  • Circa Aspettando Godot: “Aveva realizzato un'impossibilità teorica: un dramma in cui non accade nulla, che tuttavia tiene lo spettatore incollato alla sedia. Inoltre, poiché il secondo atto non è praticamente altro che un'imitazione del primo, Beckett ha scritto un dramma in cui, due volte, non succede nulla”, Vivian Mercier.

Opere di Samuel Beckett

Teatro

  • Eleutheria (scritto 1947; pubblicato 1995)
  • Aspettando Godot (1952)
  • Agire senza parole (1956)
  • Fine del gioco (1957)
  • L'ultimo nastro (1958)
  • Ruvido per il teatro I (fine anni '50)
  • Ruvido per il teatro II (fine anni '50)
  • Giorni felici (1960)
  • play (1963)
  • Vieni e vai (1965)
  • Respiro (pubblicato nel 1969)
  • Non io (1972)
  • Quella volta (1975)
  • passi (1975)
  • Un pezzo di monologo (1980)
  • Rockaby (1981)
  • Ohio Improvviso (1981)
  • Disastro (1982)
  • Cosa dove (1983)

Novelas

  • Sogno di donne giuste per le donne mediocri (1932; pubblicato 1992)
  • Murphy (1938)
  • Watt (1945)
  • Mercier e Camier (1946)
  • Molloy (1951)
  • Malone muore (1951)
  • Il senza nome (1953)
  • Com'è (1961)

Romanzo breve

  • gli espulsi (1946)
  • il calmante (1946)
  • La Fine (1946)
  • I Lost Ones (1971)
  • Società (1979)
  • mal visto mal detto (1981)
  • Peggiore Ho (1984)

storie

  • Più punture che calci (1934)
  • Storie e testi per niente (1954)
  • Primo amore (1973)
  • sfrigola (1976)
  • Mescolando Still (1988)

poesia

  • oroscopo (1930)
  • Ossa di Echo e altri precipitati (1935)
  • Poesie raccolte in inglese (1961)
  • Poesie raccolte in inglese e francese (1977)
  • Qual è la parola? (1989)

Saggi, colloqui

  • Proust (1931)
  • Tre dialoghi (1958)
  • Disject (1983)

Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.