Rosalía de Castro, autrice del romanticismo spagnolo

Ritratto Rosalía de Castro

Rosalia de Castro è nato a Santiago de Compostela nell'anno 1837 e insieme al poeta sivigliano Gustavo Adolfo Bécquer, ha formato quella coppia che ha dato una nuova impulso e sollievo al palcoscenico del romanticismo spagnolo. In questo articolo speciale a lei dedicato, ci addentriamo non solo nella sua vita, purtroppo piuttosto breve, ma anche nella sua opera letteraria, che è molto più completa di quanto divulgato a priori, ad esempio nelle scuole spagnole, dove la sua importanza non è certo menzionato nella letteratura del nostro paese, e se lo è, gli vengono attribuite solo le sue composizioni poetiche riferite al romanticismo.

In questo articolo, rimuoveremo questa spina e daremo il suo posto a questa grande scrittrice galiziana ... Speriamo di non lasciare nulla in cantiere e di trasmetterti a Rosalía de Castro nella sua interezza e in tutta la sua essenza.

Vida

La famiglia di Rosalía de Castro in pieno

Rosalía de Castro lo era figlia di una donna single e di un giovane che è stato fatto sacerdote. La tua condizione di figlia illegittima l'ha portata ad essere registrata come figlia di genitori sconosciuti, come segue:

Il XNUMX febbraio milleottocentotrentasei, María Francisca Martínez, vicina di San Juan del Campo, era la madrina di una ragazza che ho solennemente battezzato e messo gli oli santi, chiamandola María Rosalía Rita, figlia di genitori sconosciuti, di cui ha preso la ragazza La madrina, e lei va senza numero per non essere passata all'Inclusa; E per la cronaca, lo firmo. Certificato del battesimo firmato dal sacerdote José Vicente Varela y Montero.

Crescere così condizionerà fortemente anche la sua personalità e quindi la sua vita e la sua opera letteraria. Anche così, conosciamo i nomi dei genitori: María Teresa de la Cruz de Castro y Abadía e José Martínez Viojo. Sebbene la persona che inizialmente si prese cura del neonato fosse la sua madrina e serva della madre, María Francisca Martínez, parte della sua infanzia sarebbe stata trascorsa con la famiglia di suo padre, nella città di Ortoño, per poi trasferirsi a Santiago de Compostela, dove in in compagnia di sua madre, iniziò a ricevere nozioni di base di disegno e musica, frequentando regolarmente attività culturali in cui avrebbe interagito con parte del Gioventù intellettuale galiziana del momento, come Eduardo Pondal e Aurelio Aguirre. Sebbene sappiamo solo dai suoi anni scolastici che ha iniziato a scrivere poesie sin dalla giovane età, conosciamo anche il suo gusto per le opere teatrali, a cui ha partecipato attivamente durante la sua infanzia e adolescenza.

In uno dei suoi viaggi nella capitale spagnola, Madrid, incontrare chiunque fosse suo marito, Manuel Murguía, Autore galiziano e figura di spicco del 'Reburning'. Rosalía ha pubblicato un opuscolo di poesie scritto in spagnolo, che ha chiamato «Il fiore", e ripreso da Manuel Murguía, che ha fatto riferimento a lui in Iberia. Grazie ad un amico comune, i due si sono incontrati nel tempo, finalmente sposarsi nell'anno 1858, precisamente il 10 ottobre, nella chiesa parrocchiale di San Ildefonso. Avevano 7 figli.

Sebbene alcuni critici letterari affermino che Rosalía non avesse quello che si dice essere un matrimonio felice proprio nonostante amasse molto suo marito, è noto per certo che Manuel Murguía l'ha aiutata molto nella sua carriera letteraria, fino alla pubblicazione dell'opera era possibile, il più famoso della Galizia «Canzoni galiziane», essendo la massima responsabile dopo l'autore stessa, ovviamente, che quest'opera è conosciuta oggi e ha supponeva la rinascita della letteratura galiziana nel diciannovesimo secolo.

Se di per sé scrivere era difficile per le donne in quel periodo, non parliamo nemmeno di quanto fosse complicato farlo in galiziano e fartelo leggere. La lingua galiziana era molto screditata, sempre più distante da quel tempo in cui era stata la lingua prestabilita della creazione della lirica galiziano-portoghese. Dovevi ricominciare dall'inizio, da zero, poiché tutta la tradizione era andata perduta. Bisognava rompere con l'indifferenza e il disprezzo che si provava nei confronti della lingua, ma pochissimi erano coloro che consideravano il compito, poiché ciò costituirebbe motivo di discredito sociale e non recava affatto l'importanza di se lo faceste in Spagnolo. Quindi, Rosalía de Castro ha dato lustro al galiziano quando lo usi come lingua per «Canzoni galiziane», consolidando così la rinascita culturale della lingua galiziana.

Durante il tuo matrimonio, Rosalía e Manuel hanno cambiato più volte il loro indirizzo: sono passati attraverso l'Andalusia, l'Estremadura, il Levante e infine la Castiglia, prima di tornare in Galizia, dove l'autore è rimasto fino al giorno della sua morte. Si ritiene che questo andare e venire da un luogo all'altro, principalmente per motivi di lavoro ed economici, sia stato ciò che ha portato Rosalía ad essere costantemente pessimista. Finalmente, morì nel 1885 dovuto a cancro uterino che soffriva da molto prima del 1883. Dapprima fu sepolta nel cimitero di Adina, situato a Iria Flavia, per riesumare il suo corpo il 15 maggio 1891 per essere portata a Santiago de Compostela, dove fu nuovamente sepolta a il mausoleo creato appositamente per lei dallo scultore Jesús Landeira, situato nella Cappella della Visitazione del Convento di Santo Domingo de Bonaval, nell'attuale Pantheon degli Illustri Galiziani. Un posto, senza dubbio molto migliore, per una galiziana che ha dato tutto per la sua terra.

Caricatura di Rosalía de Castro

Lavoro

Il suo lavoro, come quello di Gustavo Adolfo Bécquer, fa parte di poesia intima della seconda metà dell'Ottocento, caratterizzata soprattutto da un tono semplice e diretto che dona un respiro nuovo, più sincero e autentico al movimento del romanticismo spagnolo.

La sua opera letteraria è nota soprattutto per la sua composizione poetica, che si compone di 3 opere pubblicate: Canzoni galiziane, Fanculo novas y Sulle rive del SarI primi due libri sono stati scritti in galiziano, e "Sulle rive del Sar", il suo lavoro poetico in spagnolo, presenta un'espressione che ruota attorno ai sentimenti personali e ai conflitti interni che abbiamo menzionato sopra, dell'autore: la solitudine, il dolore e una profonda nostalgia per il tempo passato sono le conseguenze più importanti del contatto del poetico voce con i luoghi della sua giovinezza.

Anche nel lavoro "Sulle rive del Sar", compaiono alcuni dei motivi che erano già nella sua precedente produzione in galiziano: "le ombre", la presenza di esseri defunti, o "i tristi", individui predestinati al dolore e perseguitati dalla sfortuna. Proprio l'incomprensibile sofferenza umana, davanti alla quale si ribella la sua coscienza, affronta talvolta la propria religiosità.

Rosalía de Castro coltiva una poesia che considera il senso della vita da una visione solitaria e desolata del mondo. Questa prospettiva avanza il carattere esistenziale che è percepito in alcuni autori come Antonio Machado o Miguel de Unamuno. È in questo modo anche, come il suo tono confessionale, la creazione di nuove stanze o l'uso del verso alessandrino (un verso di quattordici sillabe metriche composto da due emistichi di sette sillabe con un accento sulla sesta e tredicesima sillaba) prelude al tendenze formali della poesia modernista.

 

Statua di Rosalía de Castro in Galizia

«Canzoni galiziane»

Su opera più nota, pubblicato in 1863, è scritto nella sua lingua madre, il galiziano, per denunciare l'ingiustizia che viene commessa contro il popolo e la cultura galiziana in generale.

Questo libro di 36 poesie, compreso il prologo e l'epilogo, inizia con la voce di una giovane donna che viene invitata a cantare, chiedendo scusa, anche nell'ultima poesia, per la sua scarsa capacità di cantare della Galizia e della sua bellezza. Rosalía appare in loro come un personaggio in più, rendendo così chiara la sua passione per la suddetta comunità galiziana.

Nelle canzoni galiziane, 4 diversi temi sono chiaramente distinti:

  • Tema d'amore: Diversi personaggi della città in diverse circostanze e situazioni, vivono l'amore in modi diversi, secondo una prospettiva popolare.
  • Tema nazionalista: In queste poesie si rivendica l'orgoglio del popolo galiziano, si critica lo sfruttamento dei suoi abitanti in terre straniere a causa dell'emigrazione e infine si protesta l'abbandono a cui è esposta la Galizia.
  • Tema Costumbrista: descrizione e narrazione predominano per presentare credenze, pellegrinaggi, devozioni o personaggi caratteristici della cultura popolare galiziana.
  • Tema intimo: È l'autore stessa, Rosalía, che esprime i suoi sentimenti in alcune poesie.

In "Cantares gallegos" così come in "Follas novas", lo scrittore ha recuperato molti elementi della poesia popolare e del folclore galiziano che erano stati dimenticati per secoli. Rosalía canta la bellezza della Galizia nelle sue poesie e attacca anche coloro che attaccano il suo popolo. È a favore dei contadini e della classe operaia e lamenta continuamente la povertà, l'emigrazione ei problemi che ciò comporta. Questo esempio tratto da questo libro di poesie riflette il dolore dell'emigrante che dice addio alla sua terra:

Addio gloria! Arrivederci felice!

Lascio la casa dove sono nato

Lascio il villaggio che conosco

per un mondo che non ho visto.

Lascio gli amici per gli estranei 

Lascio la valle per il mare,

Finalmente lascio quanto di buono voglio ...

Chi non poteva andarsene! ...

«Folle nuove»

Questo è stato l'ultimo libro di poesie che l'autore ha scritto in galiziano, pubblicato nel 1880. Questa raccolta di poesie è divisa in cinque parti: Vagare, Intimo fare, Varia, Da terra e Come hai vissuto due vivi e come hai vissuto due morti, e le sue poesie appartengono al tempo in cui visse con la famiglia Simancas.

In queste poesie, Rosalía condanna l'emarginazione delle donne in quel momento e parla anche del passare del tempo, della morte, del passato come un tempo migliore, ecc

Come fatto curioso, diremo che nel suo preambolo, l'autore ha chiarito la sua intenzione di non scrivere più in galiziano con queste righe:

«Alá vai, pois, come Follas novas, come sarebbero carini si chiamerebbero vellas, perché o sono, e durano, perché pagati dal debito in cui mi sembrava di essere coa miña terra, è difficile per lui scrivere più versi nella madrelingua ».

Tradotto, dice quanto segue: "Ecco, allora, le nuove pagine, che sarebbe meglio chiamarle vecchie, perché sono, e ultime, perché il debito in cui mi sembrava di essere con la mia terra già pagato, mi è difficile scrivere più versi nel lingua madre ".

prosa

E sebbene nelle scuole ci facessero conoscere una Rosalia che ai suoi tempi non era molto degna di nota e solo una poetessa, la verità è che scriveva anche in prosa. Successivamente, ti lasciamo con i più importanti:

  • "La figlia del mare" (1859): interamente dedicata a suo marito Manuel Murguía. La sua argomentazione è la seguente: attraverso gli eventi della vita di Esperanza, la ragazza salvata dalle acque in strane circostanze, Teresa, Candora, Angela, Fausto e il depravato Ansot, entriamo in un universo rosaliano pieno di ombre, malinconia e crepacuore. La coesistenza del reale e del misterioso, la concezione pessimistica della vita, la supremazia del dolore sulla felicità nell'esistenza umana, l'estrema sensibilità verso il paesaggio, la difesa dei più deboli, la rivendicazione della dignità delle donne, il lamento per gli orfani e abbandonati ... sono motivi ricorrenti nell'opera dell'autore che scopriamo già ai suoi inizi letterari, di cui questo titolo è un buon esempio. Rosalía non è solo quella voce malinconica da un mondo di nebbia e nostalgia che ha plasmato la tradizione popolare nel tempo, ma anche una scrittrice energica e impegnata che, già alla sua prima incursione nella narrazione, annuncia lo spirito di un genio singolare, di una donna in anticipo sui tempi che, come le sue protagoniste, ha saputo contemplare il mondo con gli occhi di una sensibilità speciale. Puoi leggere il suo lavoro gratuitamente in questo link.
  • "Flavio" (1861): Rosalía definisce quest'opera un "saggio di romanzo" poiché ciò che vi racconta sono i suoi anni giovanili. In questo lavoro appare ricorrente il tema della delusione amorosa.
  • "Il signore con gli stivali blu" (1867): Secondo la stessa Rosalía de Castro, quest'opera è una sorta di "storia strana" piena di fantasia satirica, che crea un assortimento di storie lirico-fantastiche con tratti tradizionali che mira a satirizzare sia l'ipocrisia che l'ignoranza della società madrilena . Nonostante le sue rarità, è considerata dalla critica letteraria l'opera in prosa più interessante dell'autore galiziano.
  • «Conto Gallego» (1864), scritto in lingua galiziana.
  • "I letterati" (1866).
  • «Il Cadiceño» (1886).
  • "Rovine" (1866).
  • "Il primo pazzo" (1881).
  • "Domenica delle Palme" (1881).
  • "Padrón e le inondazioni" (1881).
  • «Usanze galiziane» (1881).

Il nome di Rosalía de Castro oggi

Casa-Museo di Rosalía de CastroOggi ci sono molti luoghi, tributi e spazi pubblici che ricordano il nome di Rosalía de Castro, per l'importanza che questo ha avuto nella rinascita della lingua galiziana nel nostro paese. Per citarne solo alcuni:

  • Centri educativi nelle comunità di Madrid, Andalusia, Galizia, come in altre regioni della Spagna e all'estero. Siti con il nome dello scrittore galiziano sono stati trovati in Russia, Uruguay e Venezuela.
  • Piazze, parchi, biblioteche, strade, ecc.
  • Un vino con denominazione di origine Rías Baixas.
  • Un piano della compagnia aerea Iberia.
  • Un aeromobili del salvataggio marittimo.
  • Targhe commemorative, scultureritratti, premi di poesia, dipinti, banconote Spagnolo, ecc.

E come sai che è stato un appuntamento fisso nei miei articoli, ti lascio con un rapporto video sull'autrice, circa 50 minuti, che parla sia della sua vita che del suo lavoro. Molto completo e divertente. Vi lascio anche un paio di citazioni che amo particolarmente:

  • su i sogni che nutrono l'anima:  «È felice chi, sognando, muore. Disgraziato che muore senza sognare ".
  • su giovinezza e immortalità: "Il sangue giovanile ribolle, il cuore è esaltato pieno di fiato, e un pensiero folle e audace sogna e crede che l'uomo sia, come gli dei, immortale."

Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

Un commento, lascia il tuo

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.

  1.   Isabel suddetto

    Molto