Cos'è un romanzo storico?

Cos'è un romanzo storico?

Cos'è un romanzo storico?

Il romanzo storico è un sottogenere narrativo circoscritto a eventi reali inalterati come l'ancora della sua trama., essere in grado o meno di utilizzare e combinare personaggi reali con elementi di fantasia. La sua origine risale al XIX secolo, durante il periodo del romanticismo europeo. Dalla mano di autori come Víctor Hugo, Fontane o James Fenimore Cooper, tra gli altri.

Sul romanzo storico ispano-americano, Ana García Herranz (2009) sottolinea:

“… Comprende quasi due secoli di romanzi che attingono alla storia per la loro configurazione, ma che mantengono poche somiglianze formali tra di loro; L'episodio nazionale e il romanzo storico postmoderno ispano-americano si distinguono soprattutto per la loro singolarità, che dovrebbe formare due sottogeneri all'interno del genere del romanzo storico ”.

Natura

A questo proposito, Kurt Spang (s / f) spiega:

“Il romanzo storico, per la sua natura ibrida, pone un problema specifico in quanto va oltre l'ambito strettamente letterario, cioè, in un certo senso, partecipa al primo livello, quello delle comunicazioni verbali non letterarie generali. Ma non è pura storiografia e nemmeno una pura narrativa o romanzo: costituisce una "pausa tra finzione e storia".

È, in parte, un tipo di comunicazione verbale non fittizia con un certo livello di astrazione. In esso, il quadro degli eventi raccontati è interamente basato su ricerche formali, documentate e ben supportate. Sebbene la narrazione corrisponda al punto di vista dello scrittore, gli elementi di fantasia non dovrebbero prevalere sul nucleo degli eventi reali.

Caratteristiche

Oggi, il romanzo storico è un genere di discreto successo, con autori adattati a un'ampia varietà di romanzi formali.. Come tratto comune racchiudono sempre un periodo di tempo riconoscibile all'interno di un'epoca. Pertanto, può rappresentare una proiezione realistica del passato con dispositivi letterari di meta-fiction e carattere popolare.

Romanzo storico a episodi nazionali

Descrivono un episodio storico attraverso personaggi eroici o, per lo meno, con qualità associate al coraggio. Allo stesso modo, nei romanzi storici nazionali il riferimento è al passato contemporaneo dell'autore, dove il narratore è un testimone oculare con una prospettiva soggettiva. Queste caratteristiche sono chiaramente palpabili negli argomenti di Episodi nazionali di Galdós o L'anello iberico di Valle-Inclán.

Allo stesso modo, il nucleo del romanzo storico a episodi nazionali tende ad essere lontano dalle narrazioni romantiche o misteriose. Lì, eventi storici verificabili vengono imposti allo sviluppo della trama immaginaria. Per questo motivo manifesta uno scopo educativo politico, con caratteristiche chiaramente didattiche.

Romanzo storico postmoderno

In questo tipo di romanzo storico segmenti più frequenti sono intenzionalmente distorti dalla presenza di risorse estemporanee, iperboli o omissioni. Cioè, il suo scopo è più vicino a fare una lettura critica del passato invece di mostrare una narrazione coerente con la storiografia ufficiale.

Inoltre, utilizza personaggi storici noti (di prim'ordine) e applica abbondanti riferimenti intertestuali. Le "false cronache" sono valide se non alterano sostanzialmente l'essenza dell'evento storico a cui si fa riferimento. Tuttavia, a differenza del romanzo storico a episodi nazionali, la parodia è abbastanza frequente.

Io, Claudio.

Io, Claudio.

Tipi di romanzo storico

Romanzo storico illusionista

Nel romanzo storico illusionista, l'autore cerca di coprire gli eventi descritti con un velo di legittimità e veridicità. Di conseguenza, l'intenzione è quella di indurre un senso di autenticità dal punto di vista del narratore. Per questo non sono strani i passaggi preparati dall'autore con prove che riaffermano la sua versione dei fatti. Tuttavia, queste prove potrebbero supportare solo una parte della narrazione.

Inoltre, la componente teologica viene presa in considerazione per determinare la posizione (e il coinvolgimento) del narratore negli eventi. Importante è anche la capacità induttiva dell'autore di presentare i fatti in modo più o meno coerente. In Spagna, titoli come Doña Blanca di Navarra di Navarro Villoslada o Il signore di Bembibre de Gil e Carrasco, sono rappresentativi di questo sottogenere.

Romanzo storico anti-illusionista

Il romanzo storico anti-illusionista è apparso con forza in Europa alla fine del XIX secolo con una diffusa accettazione fino ai giorni nostri. In esso, lo storico mostra solitamente un pregiudizio significativo negli eventi descritti a causa della reinterpretazione di eventi isolati. Quindi, lo scrittore deve necessariamente assemblare la trama includendo segmenti puramente fittizi.

Tuttavia, rispetto al romanzo storico illusionista, questo sottogenere presenta un narratore molto più soggettivo. Dove la posizione del relatore è distante e meno influenzata dallo sviluppo degli eventi. Questo aspetto può essere osservato in Le idi di marzo di Wilder o in Le imprese del signor Giulio Cesare di Brent.

Cinque romanzi storici universali

La guerra della fine del mondo di Mario Vargas Llosa

In questo romanzo, Varga Llosa prende come contesto la rivoluzione dei Canudos avvenuta in Brasile alla fine del XIX secolo. Lì, le ingiustizie e l'ambiente precario hanno portato alla cosiddetta “insurrezione dei diseredati” grazie alle indicazioni dell'Assessore. Dove religione e misticismo diventano un unico elemento capace di sollevare gli oppressi contro il potere.

Il clan degli orsi delle caverne di Jean Marie Auel

Il giornalista prosegue l'azione fino all'ultima fase dell'era glaciale, quando un terremoto ha causato la separazione di una bambina di cinque anni, Ayla, dalla sua tribù. Riesce a sopravvivere grazie a un gruppo di Neanderthal che gli offrono rifugio e protezione. Ma il futuro leader del clan non finisce di accettare la sua presenza e minaccia l'esistenza della bambina. Tuttavia, è protetta dallo spirito del Leone delle caverne.

Talos di Sparta di Valerio Massimo Manfredi

La guerra della fine del mondo.

La guerra della fine del mondo.

Talos è stato salvato da un vecchio ilota (un gruppo etnico sottoposto a schiavitù) quando è stato lasciato in sacrificio ai lupi da suo padre, Aristarcos, un nobile di Sparta.. Ciò è stato determinato dall'antica tradizione degli Spartani. Talos cresce e diventa l'incarnazione di una profezia: Aristodemo, l'ultimo re ilota destinato a liberare il suo popolo.

Io, Claudio di Robert Graves

L'autore ha preso le opere di Tacito, Plutarco e Svetonio come base del suo famoso argomento, che emula un'autobiografia dello stesso Tiberio Claudio. Ricrea i tempi sanguinosi della dinastia Giulio-Claudio e dell'Impero Romano, dall'assassinio di Giulio Cesare (44 a.C.) all'assassinio di Caligola (41 a.C.). È uno di i romanzi storici più notidi tutti i tempi.

Cronache del signore della guerra di Bernard Cornwell

In seguito all'espulsione dei romani dalla Gran Bretagna, scoppiò una lotta per colmare il vuoto di potere creato. Mordred, l'erede (ancora bambino) del re supremo, Uther Pendragon, è protetto da un guerriero di nome Arthur, protetto dal mago Merlino. Quest'ultimo è un rampollo illegittimo di Pendragon che desidera preservare l'unità del regno e impedire che cada sotto il giogo dei Sassoni.

Questo titolo è una trilogia, composta dai seguenti libri:

  • Il re dell'inverno.
  • Il nemico di Dio.
  • Excalibur

Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.