Rileggere. 5 motivi per cui lo facciamo. O no.

Tutto l'anno è l'ideale per la lettura, ma il estate forse è il momento delle stelle. Tempo libero, tranquillità, luoghi favorevoli per portarli letture che abbiamo sospeso per secoli. O perché no? Per creare un file rileggendo di quei libri che un giorno ci sono arrivati ​​in modo speciale. E quello motivi ci diamo per riprenderli o ricordarli? O forse non abbiamo mai riletto. Vediamo.

età

Era quel libro di infanzia o giovinezza. Uno che siamo rimasti sorpresi, sopraffatti o sbalorditi. Eravamo bambini o adolescenti che iniziarono a scoprire letture di tutti i generi. Quello ci è stato regalato da una zia, un cugino, un amico. Quello doveva essere letto nel file cole per obbligo e si è rivelata un'ottima scoperta. Hanno parlato di lui nel istigare, oppure dovevi leggerlo anche nell'elenco di quelli di Letteratura.

Forse era un classicoAnche se quelle erano difficili e la maggior parte di noi era noiosa, ma ... chi lo sa. Forse era il file bomba editoriale di quell'anno. Ho letto me stesso Profumo, di Patrick Süskind, in un pomeriggio d'estate del 1987. E Jean-Baptiste Grenouille è andato in cima alla lista di quei primi personaggi affascinanti che stanno cominciando a risaltare nel mio lettore immaginario.

E col passare del tempo può succedere che vogliamo recuperare quei momenti. Riscoprilo sensazione setacciata per età.

Effetto sorpresa

A volte non ci vogliono anni per rileggere un buon libro. E sebbene il l'effetto sorpresa è già andato perduto, è possibile che in quella rilettura troveremo nuovi. Quel capitolo, carattere, passaggio o semplice frase che avevamo cancellato o dimenticato e che salta dalla memoria con a nuovo tratto, aroma, immagine o retrogusto.

O semplicemente ci sorprende il modo in cui i nostri occhi leggono ora quella che all'epoca era una rivelazione. Per il meglio o il peggio. Ma abbiamo riavuto quella sorpresa.

la magia

La magia è un concetto che tende a tirarsi indietro al momento di una rilettura. Ancora una volta, forse la memoria può giocarci brutti scherzi con i contenuti. PMa la magia è rimasta allora e desideriamo sentirla ancora. Lo ricordiamo. Quel titolo lo aveva. Non devi perderlo. Devi solo recuperarlo o individuarlo in altre sfumature, altri paragrafi o altri caratteri.

Anche se è più possibile che sia irrimediabilmente perso in quella rilettura. Poi arriva delusione o tristezza. Ma la magia esisterà sempre. Verrà una nuova lettura e quell'incantesimo tornerà di nuovo.

Ansia e fretta

Perché ci sono quei libri che leggiamo in un sospiro. O perché lo volevamo e siamo volati in libreria per prenderlo e battere il record di letture in un paio di giorni. Per finire, può succedere che conoscici un po ' e abbiamo quasi ricominciato tutto da capo per divorarlo di nuovo. Ci sono quelli che sono forti e possono resistere per un po ', ma sanno che prima o poi quel pezzo di libro cadrà di nuovo.

In modo impeccabile

Ed è che ci sono proprio quelli pezzi di libri. Quella telenovela che ti aspettavi come l'acqua di maggio e non ti ha deluso. Recente o passato. Ci sono quei libri che non falliscono e quelli che tornano ancora e ancora. E il tempo tra le riletture non ha importanza. Hanno tutto e riescono a mantenere la magia e la sorpresa. Non c'è fretta o ansia perché c'è solo piacere. I passaggi preferiti, i personaggi ammirati, la trama rotonda ...

Nulla cambia, solo il piacere di svagarsi in quel piacere. Torna a quel momento eccitante o terrificante, il momento più romantico o più tragico. Rileggi più e più volte gli avatar dei protagonisti, i loro dolori o le loro gioie. Raggiungi quel climax e sento che è la stessa emozione Oppure, se non quello, ancora più grande perché il tempo ei tuoi occhi lo ricreano in un altro modo.

Allora cosa ne dici? ¿Riletto? ¿Non? Quali sono i tuoi libri di mille riletture? O quelli non toccherai mai più?


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

4 commenti, lascia il tuo

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.

  1.   Araceli Riera Ferrer suddetto

    Ottimo articolo !!!! Hai colto nel segno con uno dei motivi per cui ho riletto certi titoli: Ansia e fretta. Per quanto posso ricordare, ci sono stati due libri che ho appena finito e ricominciato.

    1.    Mariola Diaz-Cano Arevalo suddetto

      Sì, i motivi sono generalmente concordati, giusto?

  2.   Ruth Dutruel suddetto

    Nel mio caso è l'età. Ho letto libri "per obbligo". A quel tempo mi ripromisi di leggerli di nuovo, con un criterio già formato, ovviamente. E mi sono piaciuti moltissimo di più.

    1.    Mariola Diaz-Cano Arevalo suddetto

      Sì, anche a me è successo una volta. Grazie per il tuo commento.