Riepilogo della vita è un sogno

Pedro Calderón de la Barca.

Pedro Calderón de la Barca.

La vita è un sogno È considerato il pezzo più rappresentativo del teatro calderoniano. Quest'opera fu presentata per la prima volta a Madrid nel 1635. Durante quel periodo, le rappresentazioni nella capitale spagnola si svolgevano in cortili rettangolari aperti (larghi 15-17 metri e lunghi 30-40 metri), circondati da case con balconi.

Analogamente, quest'opera è un classico esempio di drammaturgia barocca, dominato da temi filosofici e deliberazioni sulla vita. Inoltre, in questo tipo di rappresentazioni la scenografia rifletteva il contrasto di pensieri antagonisti, nonché la prevalenza della civiltà sulla ferocia (ignoranza).

Sull'autore, Pedro Calderón de la Barca

Il suo nome completo è Pedro Calderon de la Barca e Barreda González de Henao Ruiz de Blasco y Riaño. Vide la luce per la prima volta a Madrid, il 17 gennaio 1600. Era il terzo di sei figli (due morti in giovane età) del matrimonio tra Diego Calderón e Ana María de Henao, entrambe di nobile famiglia. Ha studiato lettere, teologia, latino e greco presso il Collegio Imperiale dei Gesuiti a Madrid.

All'età di 14 anni si iscrisse all'Università di Alcalá, ma dovette abbandonare gli studi per problemi familiari. Dopo, Ha potuto riprendere la sua formazione educativa presso l'Università di Salamanca, dove ha conseguito la laurea in Diritto Canonico e Civile (1619). Nel 1621 entrò nel servizio militare per spalare i debiti familiari e aiutare i suoi fratelli.

Militare, pastore e drammaturgo

Sebbene alcune fonti puntino a La giungla confusa (1622) come il suo primo pezzo databile, la commedia Amore, onore e potere (1623) era il titolo che lo fece conoscere. Da allora, è stato in grado di combinare la sua carriera militare con la sua creazione drammatica. Fu infatti nominato Cavaliere dell'Ordine di Santiago e fu riconosciuto per il suo lavoro di soldato a Fuenterrabía (1638) e in Catalogna (1640).

inoltre, Fu ordinato sacerdote (1651), sacerdote di Reyes Nuevos de Toledo (1653) e cappellano onorario del re (1663). Inoltre, grazie alla sua creazione artistica varia, ricca e prolifica, negli anni Quaranta del Seicento divenne il drammaturgo più rispettato del suo tempo.

Il suo lavoro, in poche parole

Alcune fonti come Ruiza et. al (2004) dal portale Biografie e vite, affermano che Pedro Calderón de la Barca fece un conteggio delle sue creazioni poco prima della sua morte (maggio 1681). Il suo lavoro comprende "centodieci commedie e ottanta autos sacramentales, lodi, antipasti e altre opere minori".

Caratteristiche del teatro Calderoniano

La Composizione teatrale calderoniana è stato localizzato nel periodo barocco. È caratterizzato da un impressionante grado di perfezione tecnica, nonché da uno stile sobrio, con un numero ridotto di personaggi e un chiaro asse della trama attorno al protagonista. Il lacerato Sigismondo di La vita è un sogno è probabilmente il più universale tra tutti i suoi personaggi principali.

Riassunto di La vita è un sogno

La vita è un sogno.

La vita è un sogno.

Puoi acquistare il libro qui: La vita è un sogno

Questo lavoro rappresenta un adattamento al cristianesimo del precetto buddista del dormiente sveglio. Tuttavia, la morale riflette indubbiamente un dogma cristiano: l'effimero della vita terrena —Solo un sogno transitorio— rispetto alla vita nell'aldilà.

Questi temi sono presentati con un magistrale mix di filosofia seria e umorismo di Calderón de la Barca. Inoltre, durante la rappresentazione alcuni personaggi compaiono in diversi travestimenti con l'obiettivo di aumentare l'incertezza dello spettatore su quali eventi siano reali e quali siano eterei.

Il prigioniero

Basilio, monarca di Polonia, riceve tramite un oroscopo il presagio che suo figlio Sigismondo diventerà un tiranno. Per questo lo rinchiude nella prigione di una torre. Lì, il principe ereditario maledice la sua fortuna mentre è incatenato, sostenendo di non aver commesso alcun crimine. Per questo motivo è pieno di rancore e desidera assassinare due presunte spie che lo hanno avvicinato.

Non sono delle vere spie, sono la moscovita Rosaura - in costume da uomo - e Clarín, la sua serva. Quelli che hanno raggiunto le campagne a piedi perché il cavallo della donna è misteriosamente scappato. Dopo, Sigismondo prova compassione per Rosaura e accetta la sua richiesta di misericordia.

La guardia

Clotaldo, la guardia della torre, irrompe per punire gli estranei perché ogni contatto con il prigioniero è punibile con la morte. Ma il vigilante esita a eseguire il mandato reale quando Rosaura gli mostra una spada legata al passato di Clotaldo. Ebbene, l'ha dato alla sua amante Violette con la promessa di riconoscere suo figlio nel portatore di spada.

Sconvolto dalla possibilità di uccidere suo figlio (Rosaura travestito), Clotaldo porta i prigionieri davanti al re per chiedere pietà per loro. Nel frattempo, il re è felice per l'arrivo dei suoi nipoti Astolfo (Duca di Moscovia) ed Estrella per completare i suoi piani di successione. Quest'ultimo è molto sospettoso di un medaglione che il duca porta con l'immagine di una donna.

prova

Al momento della verità, il re Basilio rivelò presto ai nuovi arrivati ​​e alla corte l'esistenza di un figlio naturale. Allo stesso modo, il monarca dubita della previsione iniziale sul carattere tirannico del suo discendente. Decide quindi di fare un esperimento prima delle aspettative di tutto il suo popolo: addormentare Sigismondo, rivelare le sue vere origini e farlo sedere sul trono per un giorno.

L'onore di Rosaura

Basilio dichiara che il contatto con Sigismondo non è più punibile. In quel momento, Clotaldo vuole rivelarsi come il padre del portatore di spada, ma Rosaura (ancora sotto mentite spoglie) dice che è venuto a incontrare Astolfo per vendicare il suo onore. Poi, Rosaura rivela di essere una donna e se ne va con la sua domestica. Poi - già cambiata - finge di essere la nipote di Clotaldo.

Monarch per un giorno

Un Sigismondo assonnato viene condotto nella camera da letto reale e vestito con le vesti di un monarca. Quando si sveglia è molto disorientato e riconosce a malapena il guardiano della torre che desidera assassinarlo. In seguito, il principe ereditario tratta i servi in ​​modo molto sgarbato (ne butta persino uno dalla finestra) e Astolfo.

Il re viene a conoscenza del comportamento irascibile di suo figlio, di conseguenza, è prigioniero della disperazione perché si rifiuta di accettare le profezie sul suo erede. Comunque, Quando Basilio cerca di abbracciare Sigismondo, lo rifiuta mentre rivendica il suo inconfutabile diritto di governare. In quel momento Basilio gli dice che forse "è solo un sogno".

Torna alla torre

Sigismondo è abbagliato dalla bellezza di Rosaura e cerca di sedurla con frasi lusinghiere. Anche se quando lei lo rifiuta, il principe manda fuori tutti i servi del luogo a prenderla con la forza. L'abuso viene infine fermato da Clotaldo e ne segue una rissa che nemmeno Astolfo riesce a fermare. Solo il re riesce a terminare la gara.

Basilio ordina che il figlio venga rimesso a dormire. Una volta nella torre, anche Clarín viene messo dietro le sbarre perché sa troppo della questione. Allo stesso tempo, Clotaldo spiega a Sigismondo che la sua giornata sul trono è stata un'illusione. Da quel momento il principe non distingue bene il sogno dalla realtà, quindi capisce che deve comportarsi in modo più sensato.

Un trono conteso

Rosaura ed Estrella si allontanano da Astolfo quando scoprono i suoi trucchi d'amore dovuti al ritratto (del primo) che pendeva dal collo del duca. D'altra parte, una folla di cittadini comuni viene alla torre per liberare Clarín (credono erroneamente che sia il re). Di più, Quando appare Sigismondo, la folla afferma di augurare al vero successore sul trono e di essere pronta a combattere per lui.

Frase di Pedro Calderon de la Barca.

Frase di Pedro Calderon de la Barca.

Il principe ereditario riesce a controllarsi ea comportarsi correttamente (ancora senza sapere se sta sognando o meno), anche persona la vita di un rassegnato Clotaldo. Intanto, Nel palazzo Clarín informa Astolfo ed Estrella degli eventi. La popolazione è divisa tra coloro che rimangono fedeli a Basilio contro quei sostenitori di Sigismondo.

La risoluzione

Nei momenti della battaglia, Rosaura appare sulla scena per supplicare Sigismondo di aiutarla a uccidere Astolfo (e riscattare così il suo onore). Una volta che la lotta è iniziata, Clarín muore per uno sparo e Basilio capisce che non può affrontare suo figlio. Per questo si arrende ai tuoi piedi. Ma la profezia non si è adempiuta nel modo previsto.

Sigismondo non è un tiranno, si rivolge a suo padre e lo solleva. Infine, il figlio viene proclamato legittimo successore accettato dai coloni e dal tribunale.. Inoltre, il nuovo re lascia tutti felici: restituisce a Rosaura l'onore facendola sposare con Astolfo e chiede lui stesso la mano di Estrella, che l'accetta.

La vita è un sogno

Nell'atto finale, Sigismondo descrive le ragioni della sua sorprendente trasformazione: ha imparato ad essere un re giusto attraverso un sogno. Pertanto, se l'esistenza terrena dell'essere umano è un'illusione, egli desidera approfittare di quel guizzo che è la vita per agire da giusto sovrano.

Frammento

"Ma, sia vero o sogno,

fare bene è ciò che conta.

Se fosse vero, per esserlo;

se no, per conquistare amici

per quando ci svegliamo ”.


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

Un commento, lascia il tuo

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.

  1.   Gustavo Woltman suddetto

    Ottimo articolo, descrive perfettamente il lavoro che ha trasceso il nostro tempo e che oggi continua a sorprendere e deliziare.
    -Gustavo Woltman.