Ramón Gómez de la Serna

Palencia paesaggio

Palencia paesaggio

Ramón Gómez de la Serna è stato uno scrittore spagnolo prolifico e innovativo, considerato uno dei più importanti esponenti letterari del mondo di lingua spagnola. Si caratterizzava per il suo stile unico e irriverente; a lui si deve l'istituzione del genere de “las greguerías”. Con questo genere di testi spontanei, l'autore ha prodotto un buon numero di libri, che sono considerati un preambolo al surrealismo; tra questi spiccano: Greguerías (1917) y Totale di greguerías (1955).

Sebbene le sue greguerías gli abbiano dato riconoscimento, anche loro Si è distinto per la pubblicazione di 18 romanzi - caratterizzati dal contenere dettagli fittizi della sua vita -. Il primo è stato La vedova in bianco e nero (1917), una storia in cui si vocifera che ci siano dettagli della sua relazione con Carmen de Burgos. Già esiliato a Buenos Aires, pubblicò una delle sue opere autobiografiche più importanti: Automoribundia (1948).

Riassunto biografico di Gómez de la Serna

Martedì 3 luglio 1888 - nella città di Rejas, Madrid - nacque Ramón Javier José y Eulogio. I suoi genitori erano l'avvocato Javier Gómez de la Serna e Josefa Puig Coronado. A seguito della guerra ispano-americana (1898), la sua famiglia decise di trasferirsi a Palencia. In quella provincia iniziò i suoi studi presso la scuola scolopica di San Isidoro.

Tre anni dopo, suo padre fu eletto deputato liberale. Successivamente, Tornano a Madrid, dove Ramón ha continuato la sua formazione presso l'Instituto Cardenal Cisneros. Nel 1902, all'età di 14 anni, iniziò la pubblicazione di El Postal, rivista di difesa per i diritti degli studenti, una rivista con illustrazioni e vari testi manoscritti.

Prime opere letterarie

Dopo aver terminato il liceo, si iscrive alla Facoltà di Giurisprudenza, pur non avendo alcuna affinità per la carriera. Nel 1905, e grazie al finanziamento del padre, pubblicò il suo primo libro: Andare nel fuoco. Nel 1908 proseguì gli studi di giurisprudenza presso l'Università di Oviedo. Allo stesso modo, appassionato di scrittura, pubblicò quello stesso anno il suo secondo lavoro: morbilità.

Rivista Prometeo

Nei suoi primi giorni di scrittore, Gómez de la Serna si è avventurato nel giornalismo; lì ha dimostrato la sua originalità, caratterizzato dall'essere critico nei confronti della società. Ha creato la recensione Prometeo, in cui scrisse sotto lo pseudonimo di "Tristán". Le pubblicazioni che ha fatto in quel mezzo hanno favorito le politiche di suo padre. È stato molto rimproverato per i suoi articoli, era considerato: “… iconoclasta, anarchico delle lettere, bestemmiatore”.

Creazione di «las greguerías»

Si tratta di opere letterarie uniche, frutto della loro originalità, intelligenza e determinazione. Li pubblica formalmente nel 1910 e li descrive come una "metafora più umorismo". Sono, di per sé, brevi espressioni aforistiche che espongono circostanze abituali usando sarcasmo e umorismo. Per fare questo, ha usato fatti insoliti, testi spiritosi o giochi concettuali.

Morte di Gómez de la Serna

Citazione di Ramón Gómez de la Serna

Citazione di Ramón Gómez de la Serna

Nel corso della sua vita, l'autore ha costruito un solido portfolio letterario contenente romanzi, saggi, biografie e opere teatrali. I suoi testi sono serviti da esempio alle generazioni successive. I critici lo considerano uno dei più importanti scrittori spagnoli. Dopo i conflitti armati del 1936, Gómez de la Serna si trasferì in Argentina, dove visse fino alla sua morte, avvenuta il 12 gennaio 1963.

Alcuni libri di Ramón Gómez de la Serna

La vedova in bianco e nero (1917)

È una narrativa psicologica ambientato a Madrid. Ha due personaggi principali: l'edonista Rodrigo e la vedova Cristina. Un giorno, l'uomo assisteva alla messa ed era preoccupato per una donna enigmatica che stava per confessarsi. Dopo aver corteggiato la signora, è stato ricambiato, e poco tempo dopo hanno iniziato ad essere amanti. Da lì, Rodrigo si è incaricato di visitare Cristina nel suo appartamento ogni pomeriggio.

Donne -prodotto delle sue ferite precedente matrimonio- era diventato un essere oscuro. Rodrigo lo percepì, e per questo, incontro dopo incontro, cominciò ad essere pieno di paura. Tale era il suo stato, che l'uomo era invaso dalla speculazione sulle cause della vedovanza del suo amante. Tutto ciò ha creato un clima di sospetto che lo ha destabilizzato mentalmente, riempiendolo di insicurezze e dubbi.

L'incongruente (1922)

In questa narrazione vengono presentati alcuni aneddoti della vita di Gustavo, un individuo affetto da il cosiddetto male del secolo: "incongruenza”. Si tratta di un giovane nato prematuro e il cui sviluppo fisico è stato segnato dalla presenza di tratti fantastici. La cosa comune nella loro esistenza è il cambiamento costante, infatti, ogni giorno sperimentano una sorta di storie diverse. Dà l'impressione che sia tutto un sogno, una realtà assurda in cui l'amore è costantemente ricercato.

Julio Cortázar, autore di Hopscotch

Julio Cortázar

Quest'opera è unica ed è considerata un precursore del genere surrealista, poiché è stata pubblicata prima dei primi manifesti e delle opere di Kafka. È un testo elaborato con intelligenza; Le sue qualità includono modernità, poesia, umorismo, progresso e paradosso. La narrazione ha un testo di apertura di Julio Cortázar dedicato all'autore, dove sostiene: "Un primo grido di evasione nella letteratura narrativa comune".

La donna d'ambra (1927)

È un romanzo breve ambientato a Napoli, basato sulle esperienze dell'autore in quella città italiana. Il testo è narrato in terza persona e racconta la storia di Lorenzo, un uomo di Palencia che si reca nella città napoletana e incontra Lucia. Appassionati da subito, entrambi vivono infinite emozioni in mezzo al romanticismo. Tuttavia, la famiglia di Lucía rifiuta la relazione, perché uno dei suoi antenati è morto a causa di uno spagnolo.

Il cavaliere del fungo grigio (1928)

È una narrazione in formato seriale con protagonista Leonardo, un truffatore professionista. Quest'uomo, a causa del suo lavoro criminale, vive in fuga, vagando per varie città d'Europa. In uno di questi viaggi arriva a Parigi, entra in un bazar e si imbatte in una bombetta grigia; affascinato, lo compra. Quando esci dal negozio, ti accorgi che le persone ti vedono in modo diverso, proprio come se fossi una persona benestante.

Da quel momento, Leonardo decide di sfruttare la bombetta e partecipa alle riunioni dell'alta società per portare a termine le sue truffe. Per lui questo semplice oggetto è diventato un portafortuna che gli permette di compiere le sue malefatte ad un livello superiore.

Automoribundia (1948)

È un'opera autobiografica che l'autore ha realizzato e pubblicato in Argentina all'età di 70 anni. I critici dell'epoca lo considerano il suo lavoro più rilevante. Il testo descrive un periodo di 60 anni della sua vita (tra il 1888 e il 1948). Le sue quasi 800 pagine contengono fotografie e disegni realizzati dagli spagnoli. È un racconto della sua giovinezza, della sua vita di scrittore e di come è invecchiato senza accorgersene.

Nella sua prefazione, l'autore ha affermato: “Ho solo proposto al completamento della mia autobiografia di dare il grido dell'anima, scopri che vivo e che muoio, sveglia l'eco per sapere se ho una voce. La mia coscienza è stata più sollevata e calma dopo aver scritto questo libro, in cui mi assumo tutte le responsabilità della mia vita”.


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.