Rabindranath Tagore. 77 anni senza il più famoso dei poeti indiani.

Oggi sono soddisfatte 77 anni della morte di Rabindranath Tagore, il più famoso dei poeti indiani. Sicuramente in molte case c'è un'edizione delle sue opere scelte. Nel mio è il più noto, quello del Editoriale Aguilar (Nobel Prize Library), con la versione di Zenobia Camprubi, moglie del poeta Juan Ramón Jiménez.

Quell'edizione molto caratteristica, con pasta flessibile blu, lettere in rilievo e dorso d'oro, mi ha attratto fin dalla tenera età. Fu uno dei motivi per prendere in mano il libro e leggere le poesie di Tagore anche se capiva molto poco. Oggi salvo 4 delle sue poesie d'amore per ricordare questo scrittore che ha vinto il Premio Nobel nel 1913.

Rabindranath Tagore

Nacido en Calcuta nel 1861, oltre ad essere un poeta, lo era anche Tagore filosofo e pittore. Il più giovane di quattordici fratelli, apparteneva a un famiglia benestante dove c'era una grande atmosfera intellettuale. Andò in Inghilterra all'età di diciassette anni per completare la sua educazione, ma tornò in India prima di finire gli studi.

Ha scritto Tagore racconti, saggi, racconti, libri di viaggio e opere teatrali. Ma senza dubbio la sua fama gli è arrivata per la bellezza speciale delle sue poesie, alle quali ha anche messo musica. Era difensore dell'indipendenza indiana e nel 1913 gli fu conferito il Premio Nobel per la letteratura in riconoscimento di tutta la sua carriera e anche per il suo impegno politico e sociale. E nel 1915 fu nominato cavaliere di Re Giorgio V. Negli ultimi anni della sua vita si dedicò anche alla pittura.

Tra la sua vasta produzione spicca Canzoni dell'alba, ispirato da alcune esperienze mistiche che ha avuto; Il movimento nazionale, un saggio politico sulla sua posizione a favore dell'indipendenza del suo paese; L'offerta lirica, tra i più noti; Il postino del re, giocare. O i libri di poesie Il giardiniere, New Moon o Il fuggitivo. 

4 poesie

Mi disse dolcemente: «Amore mio, guardami negli occhi ...

Mi disse dolcemente: «Amore mio, guardami negli occhi.
"L'ho rimproverato, aspro, e ho detto:" Vattene ". Ma non è andato via.
È venuto da me e mi ha tenuto le mani ... Gli ho detto: "Lasciami".
Ma non è andato via.

Mi ha portato la guancia all'orecchio. Mi sono allontanato un po '
Lo fissai e dissi: "Non ti vergogni?"
E non si è mosso. Le sue labbra mi sfiorarono la guancia. Ho rabbrividito,
e ho detto: "Come ti permetti di dire?" Ma non si vergognava.

Mi ha appuntato un fiore tra i capelli. Ho detto: "È inutile!"
Ma non si mosse. Mi tolse la ghirlanda dal collo e se ne andò.
E piango e piango, e chiedo al mio cuore:
"Perché, perché non torna?"

***

Mi sembra, amore mio, che prima del giorno della vita ...

Mi sembra, amore mio, che prima del giorno della vita
stavi sotto una cascata di sogni felici,
riempiendo il tuo sangue con la sua turbolenza liquida.
O forse il tuo percorso era attraverso il giardino degli dei,
e l'allegra moltitudine di gelsomini, gigli e oleandri
cadde a mucchi tra le tue braccia e, entrando nel tuo cuore,
c'era un trambusto lì.
La tua risata è una canzone, le cui parole stanno annegando
nell'urlo delle melodie; un rapimento del profumo di alcuni fiori
non indossare; È come se la luce della luna irrompesse
Dalla finestra delle tue labbra, quando la luna si nasconde
nel tuo cuore. Non voglio altre ragioni; Ho dimenticato il motivo.
So solo che la tua risata è il tumulto della vita in ribellione.

***

Perdonami oggi la mia impazienza, il mio amore ...

Perdonami oggi la mia impazienza, amore mio.
È la prima pioggia d'estate e il boschetto del fiume
Ella è giubilante, e gli alberi kadam, in fiore,
Tentano i venti di passaggio con bicchieri di vino aromatico.
Guarda, per tutti gli angoli del cielo il fulmine
i loro sguardi saettano e il vento si alza tra i tuoi capelli.
Perdonami oggi se mi arrendo a te, amore mio. Cosa di ciascuno
giorno è nascosto nell'indeterminatezza della pioggia; tutti i
i lavori si sono fermati nel villaggio; i prati sono
abbandonato. E l'arrivo della pioggia ha trovato nel tuo
occhi scuri la sua musica, e luglio, alla tua porta, aspetta, con
gelsomino per i tuoi capelli nella sua gonna blu.

***

Prendo le tue mani, e il mio cuore, ti cerco ...

Prendo le tue mani e il mio cuore, cercando te,
che mi sfugge sempre dopo parole e silenzi,
sprofonda nell'oscurità dei tuoi occhi.
Eppure so che devo accontentarmi di questo amore,
con quello che arriva a raffiche e fugge, perché abbiamo trovato
per un momento al bivio.
Sono così potente da poterti portare attraverso questo
sciame di mondi, attraverso questo labirinto di sentieri?
Ho del cibo per sostenerti attraverso l'oscuro passaggio che sbadiglia,
di archi di morte?


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.