Cos'è l'Illuminismo

Copri ciò che è Illustrazione

L'Illuminismo è stato il movimento culturale che ha dato vita alla ragione. È comunemente noto come l'età dell'Illuminismo, il XNUMX°. Fu un movimento che non solo cambiò la letteratura, ma comprendeva anche arti, scienza, filosofia e politica e incoraggiava i movimenti sociali, come la Rivoluzione francese.

Durante la seconda metà del XVIII e l'inizio del XIX secolo, l'Illuminismo si diffuse nelle sale di studiosi e pensatori e contribuì a migliorare il mondo. Tuttavia, forse era anche colpa sua. Da un lato ha promosso la demolizione delle barriere, ma ne sono state formate anche di nuove. Insomma, era un movimento borghese.

Origine e contesto dell'Illuminismo

Fu chiamata Età dell'Illuminismo perché nata con lo scopo di dare luce ai fondamenti oscurantisti su cui si basava ancora la vita politica e pubblica, con la religione che godeva di un posto preferenziale. Questa antica società era caratterizzata da ignoranza e superstizione. Le antiche credenze, l'analfabetismo e la gerarchia di classe e militare continuarono a predominare fino ad allora. Da cima a fondo. Anche il potere monarchico era indiscutibile, perché i re governavano e lo facevano perché scelti da Dio.

E sebbene l'Illuminismo abbia promosso molti cambiamenti trasformativi, ha accelerato un continuismo che ha continuato a separare i decisori dalle persone. Pertanto, il potere è stato concepito di nuovo verticalmente. Volevano fare un percorso di miglioramento per tutti, ma senza contare su tutti gli strati sociali. Per questo motivo, sicuramente lavorerà al momento per realizzare una successiva transizione culturale e sociale. L'Ottocento, dunque, porterebbe nuovi mutamenti in varie direzioni sociali molto più trasversali.

Il salone di Madame Geoffrin

Il salone di Madame Geoffrin (1812), dipinto di Charles Gabriel Lemonnier.

Caratteristiche

  • Il dispotismo illuminato: i poteri caddero in una sorta di paternalismo con il popolo. Volevano educare le persone attraverso i dettami dell'Illuminismo con la convinzione di fare ciò che era meglio per i cittadini, ma senza coinvolgerli. E il potere rimase assoluto per il re.
  • antropocentrismo: Dio è sostituito dall'uomo.
  • Razionalismo: la ragione prevale sulla fede.
  • pragmatismo e la conseguente linea filosofica dell'Utilitaria. Strettamente legato alla pedagogia e all'importanza di apprendere solo materie che possono essere messe in pratica.
  • Imitazione: tentativi di ritorno agli autori classici (neoclassicismo).
  • Idealismo: fingendo di prendere le distanze dalla realtà e dal crudo e cercando l'estetica, prendono le distanze anche dalle persone e dai loro bisogni autentici. È un rifiuto del popolare.
  • Universalismo: ritorna all'origine classica della letteratura e della filosofia. Ciò che è universale nella cultura occidentale, ma ancora una volta non affronta la reale situazione delle persone.

L'Illuminismo in Europa

Parlare di Illuminismo è parlare di enciclopedia (Encyclopédie) Denis Diderot e Jean le Rond d'Alembert, responsabili del coordinamento. Chiamato anche Dizionario ragionato di scienze, arti e mestieri È un testo ampio che cerca di abbracciare la conoscenza delle lettere e quella del campo scientifico da un punto di vista pragmatico. Grandi personaggi come Voltaire o Rousseau hanno collaborato a questo testo. Fu pubblicato nel 1751 in Francia ed è sicuramente l'opera più importante del XNUMX° secolo.

La lingua francese era il veicolo per trasmettere le idee in questo momento.. Considerate molto bene, le grandi opere sono state scritte in questa lingua. Tuttavia, oltre alla Francia, l'Illuminismo ebbe una rilevanza speciale anche in Inghilterra e Germania. Inglese, tedesco o spagnolo sono saturi di gallicismi.

In Letteratura, i generi più frequenti appartenevano al classicismo: tragedia e commedia in teatro e tante favole e satira che incoraggiavano l'apprendimento attraverso insegnamenti morali. Tuttavia, molte delle opere di grande spessore parlavano di Economia e Filosofia; tra i suoi autori più importanti ci sono Adam Smith (La ricchezza delle nazioni), Immanuel Kant, David Hume, Montesquieu, Voltaire e Rousseau, Certo. René Descartes o John Locke sono stati una fonte di ispirazione per tutti loro.

Narrativa illustrata europea

È giusto citare anche gli altri autori che hanno scritto narrativa e che con le loro opere hanno contribuito anche al Settecento e successivi. Perché erano loro ha sviluppato il romanzo moderno:

  • Daniel Defoe: Robinson Crusoe (1719). È la famosa storia di un uomo che trascorre quasi 30 anni su un'isola deserta dopo che la nave su cui viaggiava è naufragata.
  • Jonathan Swift: i viaggi di Gulliver (1726). Molto famoso è anche un romanzo d'avventura, il paese di Lilliput, dove si svolge l'azione e i suoi abitanti, i lillipuziani.
  • Laurence Stern: Vida e opinioni del signore Tristram Shandy (1759) è un classico che si distingue per la tecnica narrativa che utilizza con monologhi interni e interrogativi ironici.
  • Pierre Choderlos di LaclosAmicizie pericolose (1782) è un romanzo epistolare.
  • Donatien Alphonse Francois de Sade, meglio conosciuto come Marchese de Sade: è uno degli scrittori più controversi di tutti i tempi. Il suo nome è servito ad aggiungere una nuova parola al dizionario, sadismo (aggettivo: sadico), per i dettagli spietati dei suoi testi, nonché per le sue argomentazioni piene di perversioni. Ma i suoi libri, per quanto controversi, con ironia o senza, cercano anche a loro modo di istruire il lettore. Si distinguono: Justine o le disgrazie della virtù (1791) Filosofia sulla toeletta (1795) o I 120 giorni di Sodoma o la scuola della dissolutezza scritto nel 1785, ma pubblicato molti anni dopo.
Accademia Reale Spagnola

Sede a Madrid dell'Accademia Reale di Spagna.

L'Illuminismo in Spagna

Il contesto politico in Spagna durante la seconda metà del XVIII secolo era il seguente: i regni borbonici di Carlo III (1759-1788) e Carlo IV (1788-1808). Monarchi assolutisti nelle cui reggenze le idee illuminate e progressiste dell'Europa più avanzata non permearono con sufficiente forza. Non come in Francia, almeno. In Spagna, le dottrine più tradizionaliste e la religione cattolica erano troppo radicate nella mentalità e nei costumi del popolo spagnolo., che non ha mai promosso il cambiamento.

Bisognerebbe aspettare fino al XNUMX° secolo perché avvenga l'effettiva abdicazione di Carlo IV, e che ci sia una monarchia progressista in Spagna con un tocco francese, che gli spagnoli più raffinati si francesizzino e che tutto finisca finalmente in una guerra d'indipendenza e il ritorno dell'assolutismo più ferreo per mano del "Desiderato", Fernando VII.

Inoltre, In ambito culturale spicca la creazione dell'Accademia Reale di Spagna (1713), che da allora si occupa di "pulire, aggiustare e dare splendore" alla nostra lingua, così come l'Accademia Reale di Belle Arti di San Fernando (1752), l'Accademia di Storia (1738) o quello che oggi è il Museo Nazionale di Scienze Naturali, tra le altre istituzioni di enorme importanza e prestigio. Allo stesso modo, la Società Economica degli Amici del Paese era un gruppo elitario e intellettuale formato da alcuni nobili dell'epoca e che attraversò diverse fasi, ma non abbandonò mai il suo carattere aristocratico.

Jovellano di Goya

Dipinto di GM de Jovellanos (1798), di Goya.

Autori spagnoli del XVIII secolo

  • Fray Benito Jeronimo Feijoo (1676-1764). Frate benedettino, fu figura fondamentale per la saggistica e il pensiero critico. Le sue opere più importanti sono Teatro critico universale (1726) y Lettere accademiche e curiose (1742).
  • Gregorio Maya (1699-1781). Come storico illuminato, fu molto importante nel saggio storico e le sue opere si distinguono per il loro rigore. La sua opera più importante: Origini della lingua spagnola (1737).
  • Gaspare Melchor de Jovellanos (1744-1811). Oltre a scrivere vari saggi di economia o agricoltura (molto importante è il suo lavoro Relazione sulla legge agraria), ha contribuito alla corrente illustrata spagnola una commedia classica scritta in prosa, Il criminale onesto (1787), inquadrato all'interno di questo raffinato teatro dell'Illuminismo.
  • José de Cadalso (1741-1782). Grande narratore spagnolo del XNUMX° secolo. Evidenziano il loro Carte marocchine (1789), ottimo trattato in forma epistolare attraverso un ospite spagnolo e un elegante straniero di origine marocchina che cerca di apprendere le usanze curiose e un po' rustiche degli spagnoli. È anche essenziale notti cupe (1789-1790), squisito e triste canto funerario, sebbene più vicino al preromanticismo spagnolo.
  • Juan Melendez Valdes (1754-1814), il grande rappresentante della poesia spagnola del Settecento.
  • Tommaso d'Iriarte (1750-1791) e Felice Maria Samaniego (1745-1801) rappresentano la favola pedagogica della letteratura illustrata spagnola.
  • Leandro Fernandez de Moratin (1760-1828) è stato il più importante drammaturgo del XNUMX° secolo in Spagna. Spiccano le sue commedie Il vecchio e la ragazza (1790) Il sì delle ragazze (1805), nonché la nuova commedia (1792)

Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

2 commenti, lascia il tuo

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.

  1.   Vladimir Portela suddetto

    Completamente sopravvalutato. A quel tempo non si sapeva che l'intelligenza (iq) fosse normalmente distribuita. Per questo oggi sappiamo che fu un gruppo di nerd francesi a pensare che attraverso un calcolo razionale fosse possibile una vita migliore. Celebriamo che oggi quello che sappiamo è che non è così. Noi ispanici non avevamo le luci. Erano ciondoli importati.
    Non crediamo alla Francia. Mai.

    1.    Belen Martin suddetto

      Ciao Vladimir! Grazie per il tuo commento. Ho infatti cercato di trasmettere il messaggio che l'Illuminismo non era un movimento per tutti e che, come tutto il resto, si poteva anche fare meglio. Inoltre, le luci in America Latina erano molto fioche! Certo. Ti auguro il meglio.