Vita e poesie di Pablo Neruda: un poeta universale

Vita e poesie di Pablo Neruda.

Vita e poesie di Pablo Neruda.

Per parlare di Pablo Neruda bisogna risalire alla doppia nascita dello stesso poeta. Cioè, proprio come c'era un Ricardo Neftalí Reyes, c'era anche un Pablo Neruda, due nomi diversi con due modi diversi di parlare. Non sarebbe sufficiente affermarlo Ricardo Eliécer Neftalí Reyes Basoalto è nato il 12 luglio 1904 e che Pablo sia morto il 23 settembre 1973, devi andare molto più in profondità ed esplorare gli infiniti dettagli di questo poeta universale.

Ricardo Neftalí ha deciso di andare nella capitale portando la sua giovinezza nella penna e portando una musa incline all'amore, alla gioia e alla nostalgia. Il padre del poeta non amava il suo talento per la poesia, che portava differenze tra loro. A seguito dell'impasse con suo padre, Ricardo ha deciso di adottare il nome di Pablo Neruda, uno pseudonimo che lo ha accompagnato fino in fondo e che in quel momento lo ha liberato dalle cause familiari. Il talento del poeta era noto, al punto che, a soli 16 anni, nel 1921, vinse il suo primo concorso di poesia.

I suoi primi lavori

Lo stile di Pablo Neruda Fu esplosivo, il giovane iniziò a scrivere selvaggiamente, e l'esagerazione che lo caratterizzava in quel momento era la sua stella per la vita. Per esempio, crepuscolo (1923) nasce nel bel mezzo di quella scoperta delle sue emozioni e dei suoi sentimenti.

Successivamente, il giovane poeta ha stupito la comunità letteraria con una delle opere più vendute in lingua spagnola: 20 poesie d'amore e una canzone disperata (1924). Questo lavoro è penetrato profondamente nel mondo delle lettere e ha aperto le porte del successo al giovane scrittore.

Il poeta d'avanguardia

I lineamenti nerudiani cominciarono lentamente a mostrare un volto innovativo. L'avanguardia di Neruda si rifletteva nella gestione delle strutture poetiche, nel disordine della propria creatività, nella libertà di pensiero e nella profonda preoccupazione per le questioni sociali. Lo stesso poeta, nella sua autobiografia, ha assicurato: "Non era possibile chiudere la porta della strada nelle mie poesie". A questo punto, Ricardo Reyes iniziò a capire che Neruda era diventato qualcosa al di là di un nome: una fama.

Un cambiamento di ambiente, un cambiamento di visione della vita

Bene, Mentre passava dalla tranquillità di Parral, la sua città natale, al nitrito che l'arrivo della sua carriera diplomatica in giro per il mondo gli aveva regalato, il poeta mondiale emerse, il collezionista di cose, il poeta dallo sguardo gonfio, il latinoamericano che scriveva Il generale canta e il destinatario del Premio Nobel per la letteratura nel 1971. In altre parole, da un Ricardo dimenticato si è fatto un salto a un Pablo consacrato.

Le quattro fasi creative di Neruda

La vita di Pablo Neruda è stata caratterizzata da quattro fasi creative, ciascuna condizionata dalle circostanze che lo circondavano.. Inizialmente, la sua infanzia a Parral ei suoi primi anni a Santiago, che descrivevano un poeta d'amore influenzato dal modernismo di Rubén Darío. In una seconda fase, la fase del suo lavoro: Residenza sulla terra (1937), che identifica la sua permanenza in Birmania, Colombo e Olanda dove contrasse il primo dei suoi tre matrimoni. Terzo, la sua fase politica che, dal 1937, durò fino alla sua morte. In quest'ultima fase il libro dei libri si distingue dall'opera nerudiana: Il generale canta (1950).

In questo stesso senso, quando si parla di un quarto periodo dell'opera di Neruda, va catalogata la particolare attenzione che dava alle cose più "insignificanti". I temi ricorrenti nel lavoro di Neruda ruotano attorno alla realtà quotidiana, al domestico, agli eventi di strada, a tutto. La sua poesia in questo senso si svolge nel Odi elementali. Ad esempio, in "Ode to the Carichoke", non chiunque trasforma una pianta in un guerriero che sogna la milizia e finisce nella pace di una pentola. Il genio di Neruda, senza dubbio, ha ballato sulle note del suo contesto. Possono anche essere denominati: Ode all'aria, Ode alla cipolla, Ode all'edificio, Ode all'invidia, Ode alla tristezza, Ode ai numeri, Ode a un orologio di notte, tra gli altri.

Neruda e le sue tre mogli

Neruda aveva tre mogli: María Antonieta Hagenaar, che ha incontrato a Giava, Delia del Carril, che nonostante i suoi 50 anni è riuscita ad affascinare il 30enne Pablo e Matilde Urrutia, l'infermiera e casalinga che si è presa cura di lui per la flebite mentre era in Messico. A quest'ultimo ha dedicato la sua raccolta di poesie I versi del capitano, un libro che si divide in sette parti e in cui ognuna descrive le sequenze, secondo il poeta, di ogni relazione d'amore: "Love", "Desire", "Furies", "Lives", "Ode and germinations", " Epitalamio "e" La lettera in viaggio ".

Poesie di Pablo Neruda

Di seguito sono tre delle poesie di Pablo Neruda, questo genio del verso:

Angela Adonica

Oggi mi sono sdraiato accanto a una giovane donna pura
come sulla riva di un oceano bianco,
come al centro di una stella ardente
spazio lento.

Del suo lungo sguardo verde
la luce cadeva come acqua secca,
in cerchi profondi trasparenti
di nuova forza.

Il suo petto come un fuoco di due fiamme
ardeva in due regioni rialzate,
e in un doppio fiume arrivò ai suoi piedi,
grande e chiaro.

Un clima d'oro stava appena maturando
le lunghezze diurne del suo corpo
riempiendolo di frutta spalmata
e fuoco nascosto.

Amor

Donna, sarei stato tuo figlio, per averti bevuta
il latte dei seni come una sorgente,
per guardarti e sentirti al mio fianco e averti
nella risata dorata e nella voce cristallina.
Per sentirmi nelle vene come Dio nei fiumi
e ti adoro nelle tristi ossa di polvere e calce,
perché il tuo essere passerà senza dolore al mio fianco
e uscì nella strofa -clean of all evil-.

Come potrei sapere come amarti, donna, come potrei saperlo
ti amo, ti amo come nessuno ha mai saputo!
Muori e ancora
ti amo di più.
E ancora
ti amo di più
e altro ancora.

Citazione di Pablo Neruda.

Citazione di Pablo Neruda.

Quartiere senza luce

Va la poesia delle cose
o la mia vita non può condensarla?
Ieri - guardando l'ultimo crepuscolo -
Ero una macchia di muschio tra alcune rovine.

Le città -sole e vendetta-,
il grigio sporco dei sobborghi,
l'ufficio che piega le spalle,
il capo dagli occhi annebbiati.

Sangue di un rosso sulle colline,
sangue nelle strade e nelle piazze,
dolore di cuori spezzati,
Marcirò di noia e di lacrime.

Un fiume abbraccia il sobborgo
come una mano gelida che tenta nell'oscurità:
sulle sue acque si vergognano
per vedere le stelle.

E le case che nascondono i desideri
dietro le finestre luminose,
mentre fuori dal vento
porta un po 'di fango a ciascuna rosa.

Via ... la nebbia dell'oblio
-Fumo denso, acque tagliate rotte-,
e il campo, il campo verde! in cui ansimano
i buoi e gli uomini sudati.

Ed eccomi germogliato tra le rovine,
mordendo solo tutta la tristezza,
come se il pianto fosse un seme
e io sono l'unico solco nella terra.

Neruda, la penna che ha poeticizzato tutto

Pablo Neruda è stato un poeta universale perché ha scritto su tutto ciò che esiste, alle domande, alle risposte, alle certezze, alle bugie, alle incomprensioni, alla giustizia, ai valori. Allo stesso modo, non ha omesso nei suoi versi le esperienze del suo passato, l'angoscia del suo presente e le illusioni del suo futuro.

anche cantava alle cause, alla politica, all'uomo, all'infanzia, all'adolescenza, alla gioia e alle crudeltà. Tuttavia, la cosa più incredibile è aver lasciato alle sue creazioni immagini indecifrabili che continuiamo a scoprire anche oggi. È quest'ultimo che lo rende un poeta impossibile da catalogare.

L'epistolare di Pablo Neruda

Una menzione speciale dovrebbe essere fatta delle sue lettere, in essa ci sono le lettere inviate all'amore della sua tenera età, Albertina Azocar, le lettere alla sua famiglia, all'amico Héctor Eandi e le lettere d'amore a Matilde Urrutia. In relazione alla persona che fu l'ultimo grande amore della sua vita, gli scrisse una lettera del 21 dicembre 1950 e disse: “Se vieni, puoi contare su di me per togliermi la rabbia. Ho veramente bisogno di te. Ora non scrivermi più in privato. Rispondimi in modo generale sulla tua vita e sui tuoi progetti ”. Chiaramente è stato notato che non voleva più continuare a nascondere questa relazione con Urrutia.

Isla Negra, il suo porto finale

Oltre alle opere già citate si possono citare: Crepuscolo, Addio e singhiozzi, Il fionda entusiasta, L'uva e il vento, Estravagario, Navigazioni e ritorni, Cento sonetti d'amore e Memoriale di Isla Negra. Riguardo a Isla Negra, dove sono sepolte le sue spoglie mortali, è lì che scrisse: "Questo sono io, dirò, per lasciare questo pretesto scritto: questa è la mia vita".. Chiaramente questa raccolta di poesie ha iniziato la sua fase finale e spetta ai lettori entusiasti del XNUMX ° secolo continuare ad esplorare l'enorme universo nerudiano.

Poeta Pablo Neruda.

Pablo Neruda in un indirizzo.

Neruda e l'elevazione di sostanze ed elementi

Con la poesia di Pablo Neruda tutto ha assunto un nuovo significato, i versi della neve si alzarono, i colori blu strariparono e le lumache dell'Oceano Pacifico furono catapultate. Con Neruda, gli uomini semplici continuano a sorgere, gli occhi smunti, le case distrutte, le ovaie fermentate. Quindi, non è possibile catalogare un poeta che ha scritto quasi tutto e che continua ancora a scrivere senza scrivere.


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.