Poesie di Gil de Biedma

Poesie di Gil de Biedma.

Poesie di Gil de Biedma.

Le poesie di Gil de Biedma vengono regolarmente cercate in rete. Il tocco personale, colloquiale e intimo dei suoi testi - un mix potente e ben sviluppato - ha reso possibile una profonda relazione tra il poeta e un vasto pubblico di amanti della poesia in tutto il mondo nel corso degli anni. Tutto questo, sì, nonostante molti non sapessero nemmeno di lui mentre era ancora in vita.

Ma chi era Jaime Gil de Biedma? Perché questo impatto sulla poesia spagnola a metà del XX secolo e anche nel XXI secolo? Siamo il prodotto delle circostanze e quelle che hanno circondato la vita di questo poeta hanno permesso il perfetto terreno fertile per il suo lavoro di trascendere e segnerà non solo una generazione, ma un intero paese. Per questo e altro ancora viene ricordato ogni giorno della poesia in ogni centimetro del pianeta.

Un'altra vista su Jaime Gil de Biedma

Leggi la poesia o leggi il poeta ...

Leggere una o più poesie e credere di aver compreso la vita del poeta è, in generale, e per non dire altro, un atto di audacia. Tuttavia, leggere la vita del poeta, dal momento in cui riceve la sua coscienza fino alla fine del suo ultimo respiro, dà, in un certo modo, un certo potere di esprimere un'opinione sul significato dei suoi versi.

«Quello che succede in una poesia non ti è mai successo»

Lo stesso Biedma ha affermato che "ciò che accade in una poesia non è mai successo a nessuno". E questo non significa, letteralmente, che non ci sia una traccia esperienziale in ogni lettera, in ogni verso, in ogni strofa… no; in effetti, ce ne sono e molti. Tuttavia, la visione generale degli alberi non può essere dedotta dalle loro foglie recenti, ma dalle loro radici più profonde, dalla salvia che percorre il vecchio tronco resistendo alle termiti della vita e ai tanti parassiti che circondano il piccolo trambusto di luce che è stato conferito su ciascuno.

Cosa si dice di Gil de Biedma

È noto che Jaime Gil de Biedma è nato a Barcellona nel 1929. È arrivato il 13 novembre, come specificato dal suo documento di nascita. Tutti i portali rispondono che proveniva da una famiglia benestante e di lignaggio e che questo ha avuto un impatto definitivo sulla sua vita. Che i suoi primi studi e il liceo si siano svolti prima al centro educativo Navas de la Asunción, e poi al centro di studi generali Luis Vives.

Il bambino di 7 anni che si è divertito a leggere al Chisciotte

Martha Gil, sua sorella, ha commentato con gioia in un'intervista che Biedma, a soli 7 anni, “ha riso a crepapelle leggendo il Chisciotte". Già questo poteva prevedere un po 'che ci sarebbe stata in lui una certa inclinazione alle lettere. Non diciamo che si sarebbe saputo che sarebbe stato un poeta, ma c'era una passione per la letteratura, ed era già tanta.

Crisi dovute a contraddizioni, università, amicizie

Anche che nel suo sviluppo iniziò ad avere una crisi esistenziale a seguito di una continua negazione della sua opulenza da presepe e un'attrazione quasi incontrollabile per gli emarginati dalla società.. Questa situazione peggiorò a partire dal 1946, dopo l'ingresso all'Università di Barcellona, ​​il successivo passaggio all'Università di Salamanca (dove si laureò in giurisprudenza) e dopo aver letto il marxismo e aver iniziato ad andare d'accordo con le idee comuniste. È nell'ambiente universitario di Salamanca che Biedma incontra figure come:

  • José Angel Valente.
  • Juan Marse.
  • Gabriele Ferrater.
  • Jaime Salinas.
  • Carlo Barral.
  • Joan Ferrate.
  • José Agostino Goytisolo.
  • Angel González.
  • Claudio Rodriguez.

Prime opere

Questi sono stati, niente di più e niente di meno che gli scrittori che hanno dato vita alla cosiddetta "Generazione dei 50". In una parte importante, fu grazie alle continue conversazioni con questi avvocati e intellettuali che le idee letterarie di Biedma presero forma e colore. Di tutti loro, è stato con Carlos Barral con il quale ha creato un legame speciale e al quale dedica il suo primo lavoro Versi a Carlos Barral (1952). Successivamente pubblica Secondo la sentenza del tempo (1953).

La poesia inglese, l'ingrediente mancante

Oltre agli ingredienti sopra menzionati, c'è un altro fattore che ravviva la poesia di Biedma prima che raggiunga la sua forma finale. Questo elemento è decisivo nel suo stile - ed irrompe prima di pubblicare la sua terza opera - e non è altro che l'incrocio quasi obbligatorio della Barcelonia con la poesia inglese. Detto evento avviene dopo un viaggio a Oxford (1953) e per mano di Paco Mayans, che lo introduce alla lettura di TS Eliot. Questo incontro con la poetica anglosassone ha dato la sfumatura rimanente e necessaria al lavoro di Biedma.

L'ingresso alla Philippine Tobacco Company, le opere e la doppia vita

Dopo questo - già laureato e con penna neutra in due precedenti lavori, ma che pretendeva di essere utilizzato in un atto poetico più trascendentale - Jaime è entrato a far parte della Philippine Tobacco Company (l'azienda di famiglia) nel 1955. In questo momento ci troviamo davanti a un uomo di 27 anni con un intelletto enorme, un poeta con due libri al seguito, con una sessualità definita che viene rifiutata dalla società, e che, appartenente alla classe opulenta spagnola, sorride e abbraccia idee marxiste.

Sotto questo panorama di presunte contraddizioni e rifiuti (e con un innegabile talento prodotto della vita e della provvidenza) sorge una delle opere poetiche più pure e rappresentative della Spagna. negli ultimi anni.

I temi di Gil de Biedma

I suoi versi ruotavano intorno al tempo implacabile, alla vita di tutti i giorni e a come - davvero - la politica attuale non funzioni a favore dei cittadini. Avevano e hanno un file bel suono e ritmo, quindi molti cantanti cantano per loro.

La sua nostalgia per i giovani che se ne sono andati senza ritorno è evidente. Per non parlare dell'amore, quel bisogno di mostrarsi senza maschere, con la vera essenza che tutti temono, ma che tutti possiedono e segretamente amano.

Jaime Gil de Biedma.

Jaime Gil de Biedma.

Crollo

La sua vita ha continuato a fluire tra il lavoro familiare, le sue continue lotte interne sulle contraddizioni e un bisogno imperante di vivere la sua sessualità e la sua poesia in modo libero.

Tuttavia, nel 1974, e dopo una fruttuosa carriera di 8 opere letterarie, Biedma crollò. Le lotte nella sua mente si riflettevano nel suo corpo. L'impatto è stato tale che l'autore ha smesso di scrivere. Il rifiuto non è stato solo contro la società che ha definito "borghese", ma contro lo stesso movimento di sinistra e la sua poca forza di lottare per i diritti dei diseredati. Mentre veniva allevato, internamente si giudicava anche e si rifiutava per le sue origini ricche e per non aver mai veramente vissuto ciò per cui stava cercando di combattere.

L'AIDS e la luce che svanisce

Come se non bastasse, Jaime è infettato dall'AIDS. Le complicazioni intorno a questa malattia sono ciò che pone fine alla sua vita. La sua ultima apparizione davanti a un pubblico per recitare la sua opera è avvenuta alla Residencia de Estudiantes, a Madrid, nel 1988.

A causa delle complicazioni dell'AIDS, il poeta è deceduto l'8 gennaio 1990. Era a Barcellona e aveva 60 anni.

Fabbrica

  • Versi a Carlos Barral (edizione dell'autore, Orense, 1952)
  • Secondo la sentenza del tempo (1953).
  • Compagni di viaggio (Barcellona: Joaquín Horta, 1959).
  • A favore di Venere (1965).
  • Moralità (1966).
  • Poesie postume (1968).
  • Collezione particolare (Seix Barral, 1969).
  • Diario dell'artista gravemente malato (1974), Memoria.
  • Le persone del verbo (Seix Barral, 1975; 2a edizione: 1982).
  • Verbatim: saggi 1955-1979 (Critico, Barcellona, ​​1980).
  • Antologia poetica (Alliance, 1981).
  • Jaime Gil de Biedma. Conversazioni (The Aleph, 2002).
  • La trama dell'opera. Corrispondenza (Lumen, 2010).
  • Riviste 1956-1985 (Lumen, 2015).
  • Jaime Gil de Biedma. Conversazioni (Australe, 2015).

Poesie di Gil de Biedma

Triste notte di ottobre

decisamente

sembra essere confermato che questo inverno

che arriva, sarà difficile.

Sono avanzati

le piogge e il governo,

riunione in consiglio dei ministri,

non si sa se studia in questo momento

sussidio di disoccupazione

o il diritto di licenziamento,

o se semplicemente, isolato in un oceano,

aspetta solo che la tempesta passi

e arriva il giorno, il giorno in cui, finalmente,

le cose smettono di andare male.

Nella notte di ottobre

mentre leggo il giornale tra le righe,

Mi sono fermato ad ascoltare il battito cardiaco

il silenzio nella mia stanza, le conversazioni

dei vicini sdraiati,

tutte quelle voci

improvvisamente riguadagnare una vita

e un significato tutto suo, misterioso.

E ho pensato alle migliaia di esseri umani,

uomini e donne che in questo momento,

con il primo freddo,

si sono interrogati di nuovo sulle loro preoccupazioni,

per la sua stanchezza anticipata,

per la tua ansia per questo inverno,

mentre fuori piove.

In tutta la costa della Catalogna piove

con vera crudeltà, con fumo e nuvole basse,

annerimento delle pareti,

fabbriche che perdono, perdite

in officine scarsamente illuminate.

E l'acqua trascina i semi nel mare

incipiente, impastato nel fango,

alberi, scarpe zoppe, utensili

abbandonato e tutto confuso

con le prime lettere protestò.

Loca

La notte, sempre ambigua,

ti fa infuriare: il colore

di cattivo gin, lo sono

i tuoi occhi qualche bicha.

So che ti spezzerai

in insulti e in lacrime

isterico. A letto,

poi ti calmerò

con baci che mi rattrista

darli a te. E quando dorme

spingerai contro di me

Come una cagna malata

Non sarò mai più giovane

Frammento di una poesia di Gil de Biedma.

Frammento di una poesia di Gil de Biedma.

Quella vita era seria

si comincia a capire più tardi

—Come tutti i giovani, sono venuto

per prendere la vita davanti a me.

Lascia un segno che volevo

e lasciare agli applausi

—Per invecchiare, morire, erano giusti

le dimensioni del teatro.

Ma il tempo è passato

e la spiacevole verità si profila:

invecchiare, morire,

è l'unico argomento del lavoro.

Guardone

Occhi solitari, ragazzo sbalordito

che mi sono sorpreso a guardarci

in quel piccolo pinarcillo, vicino alla Facoltà di Lettere,

più di undici anni fa,

quando vado a separarmi,

ancora intontito dalla saliva e dalla sabbia,

dopo che noi due ci siamo rotolati a metà vestiti,

felice come bestie.

Mi ricordo di te, è divertente

con quale concentrata intensità di simbolo,

è legato a quella storia,

la mia prima esperienza di amore ricambiato.

A volte mi chiedo cosa ti sia successo.

E se adesso nelle tue notti accanto a un corpo

ritorna la vecchia scena

e continui a spiare i nostri baci.

Quindi mi torna dal passato

come un urlo sconnesso,

l'immagine dei tuoi occhi. Espressione

del mio desiderio.

Risoluzione

Decisione di essere felice

soprattutto contro tutti

e contro di me, di nuovo

"Soprattutto, sii felice"

Prendo di nuovo quella risoluzione.

Ma più che lo scopo dell'emendamento

l'angoscia dura.

Notti del mese di giugno

Mi ricordo mai

certe notti del giugno di quell'anno,

quasi sfocata, della mia adolescenza

(era nel millenovecento mi sembra

quarantanove)

perché in quel mese

Ho sempre provato un'irrequietezza, una piccola angoscia

lo stesso del caldo che ha avuto inizio,

niente di più

che il suono speciale dell'aria

e una disposizione vagamente affettiva.

Erano le notti incurabili

e febbre.

Solo le ore del liceo

e il libro inopportuno

accanto all'ampio balcone aperto (la strada

appena annaffiato è scomparso

sotto, tra il fogliame illuminato)

senza un'anima da mettere in bocca.

Quante volte mi ricordo

da te, lontano

notti del mese di giugno, quante volte

mi vennero le lacrime agli occhi, le lacrime

per essere più di un uomo, quanto volevo

morir

o ho sognato di vendermi al diavolo,

non mi hai mai ascoltato.

Ma anche

la vita ci trattiene perché appunto

Non è come ce lo aspettavamo.


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.

bool (vero)