Pierre Reverdy. Anniversario della sua morte. poesie

Pierre reverdy era un poeta francese nato a Narbonne. È stato uno degli ispiratori del movimento surrealista e Ha avuto una relazione con artisti e scrittori importanti come Picasso o Apollinaire. È morto in un giorno come oggi a Solesmes nel 1960. Questo è un selezione di poesie per leggerlo, ricordarlo o conoscerlo.

Pierre Reverdy - Selezione di poesie

Il vento e lo spirito

È una chimera straordinaria. La testa, più alta di quel piano, si trova tra i due fili e si distende e rimane, niente si muove.
La testa sconosciuta parla e io non capisco una parola, non sento un suono - giù a terra. Sono sempre sul marciapiede davanti a me e guardo; Guardo le parole che lancerà ulteriormente. La testa parla e non sento niente, il vento disperde tutto.
O grande vento, beffardo o cupo, ho augurato la tua morte. E perdo il cappello che hai preso anche tu. non ho più niente; ma il mio odio dura, guai più di te!

***

Durezza del cuore

Non avrei mai voluto rivedere la tua faccia triste
Le tue guance infossate e i tuoi capelli al vento
ho fatto il cross country
Sotto quelle foreste umide
Notte e giorno
Al sole e sotto la pioggia
Sotto i miei piedi scricchiolavano le foglie morte
A volte splendeva la luna

Ci siamo incontrati di nuovo faccia a faccia
Guardarci senza dire niente
E non avevo abbastanza spazio per andarci di nuovo

Sono stato legato a lungo contro un albero
Con il tuo terribile amore davanti a me
Più sconvolto di un incubo

Qualcuno più grande di te mi ha finalmente liberato
Tutti gli sguardi in lacrime mi perseguitano
E questa debolezza che non puoi combattere
fuggo presto al male
Verso la forza che alza i pugni come armi

Del mostro che mi ha strappato alla tua dolcezza con i suoi artigli
Lontano dalla morbida e morbida tensione delle tue braccia
Sto respirando a pieni polmoni
Attraversare la campagna per attraversare la foresta
Alla città miracolosa dove batte il mio cuore

***

Faccia a faccia

Fa un passo avanti e la rigidità della sua timida andatura tradisce il suo portamento.
Gli sguardi non lasciano i tuoi piedi. Tutto ciò che brilla in quegli occhi
da dove scaturiscono i cattivi pensieri, illumina il suo cammino esitante.
Sta per cadere.
In fondo alla stanza si staglia un'immagine familiare. La tua mano tesa
va al tuo. Lui vede solo quello; ma all'improvviso inciampa
contro se stesso.

***

invidia

Visione vaga e variopinta nella sua testa, tu scappi dalla mia. Possiedi le stelle
e gli animali della terra, i contadini e le donne per usarli.
L'Oceano ha cullato lui, il mare ha cullato me, ed è stato lui a ricevere tutti i francobolli.
Spazzola leggermente i detriti che trova, tutto è ordinato e sento
la mia testa pesante che schiaccia i fragili steli.
Se avessi creduto, destino, che potevo partire, mi avresti dato le ali.

***

Notte

La strada è completamente buia e la stazione non ha lasciato il segno.
Mi sarebbe piaciuto uscire e tenere la porta. Eppure lassù
qualcuno guarda e la lampada è spenta.
Mentre i riverberi non sono altro che ombre, gli annunci
continuano lungo le palizzate. Ascolta, non puoi sentire il passo di nessuno
cavallo. Tuttavia, un gigantesco cavaliere si precipita su a
ballerino e tutto si perde girando, dietro un terreno incolto. Solo la notte
sapere dove si incontrano. Quando arriverà il mattino si vestiranno
i suoi colori splendenti. Ora tutto tace. Il cielo tremola e la luna
si nasconde tra i camini. Il muto e non vedendo niente agenti di polizia
mantengono l'ordine.

***

Orizzonte

Il mio dito sanguina
Con il
ti scrivo
Il regno dei vecchi re è finito
Il sogno è un prosciutto
pesante
Che pende dal soffitto
E la cenere del tuo sigaro
Contiene tutta la luce

Sulla curva della strada
Gli alberi sanguinano
Il sole assassino
Maledetti i pini
E quelli che passano per il prato umido

Il pomeriggio il primo gufo si è addormentato
ero ubriaco
I miei arti lassisti pendono lì
E il paradiso mi tiene
Il cielo in cui mi lavo gli occhi ogni mattina

Fonte: Web de A mezza voce


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.

bool (vero)