Personaggi letterari del giorno: Luis Cernuda e Sam Shepard

luis-cernuda-e-sam-shepard

A priori, Luis Cernuda e Sam ShepardNon hanno niente in comune, ma solo questo, a priori. Oltre alla comune passione per la letteratura, sono accomunati anche da un numero, il 5. Nello specifico oggi, 5 novembre. In questo giorno, uno è nato e l'altro è morto, sì, a molti anni di distanza. In questo giorno come oggi il sivigliano Luis Cernuda morì a Città del Messico nel 1963. Sam Shepard nacque il 5 novembre 1943 a Illionois, negli Stati Uniti.

Successivamente, presentiamo un po 'di ciascuno, a modo nostro e come un articolo speciale del sabato.

Luis Cernuda

Il poeta sivigliano una volta scrisse:

«La poesia per me è stare con chi amo. So bene che questa è una limitazione. Ma la limitazione per limitazione è la più accettabile dopo tutto. Il resto sono parole valide solo nella misura in cui esprimono ciò che non pensavo o non volevo dire. In altre parole, un tradimento. Se ti separi da me, lascia che sia per tradirmi. Il vento ti distrarrà con i suoi racconti. Dimenticherò la stessa cosa che si dimenticano anche un albero e un fiume ».

Luis Cernuda apparteneva a quel gruppo di poeti noto come il Generazione di 27. Laureato in giurisprudenza e sostenitore della Repubblica, è andato in esilio dopo la guerra civile in Inghilterra, Stati Uniti e Messico, dove sarebbe finalmente morto.

Nell'opera del poeta il conflitto tra "realtà e desiderio" è una costante, infatti, tutta la sua opera poetica dal 1936 è raggruppata sotto lo stesso titolo: "La realtà e il desiderio".

Questa evoluzione poetica può essere suddivisa in due fasi, in particolare quelle corrispondenti al prima e al dopo la guerra. Il primo mostra un'evoluzione da la poesia più pura («Profilo aereo», 1927) a influenza surreale ("Piaceri proibiti", 1931). È anche in questa fase che troviamo la sua celebre opera "Dove dimora l'oblio" (1932-1933). Dopo la guerra, il tema nazionale è notato nei suoi versi e sradicamento verso il paese in cui è nato. A poco a poco il suo lavoro ne trascende alcuni livelli più metafisici e filosofici. 

Luis Cernuda scriveva molto spesso al frustrazione d'amore, per vederlo come irraggiungibile e "proibito" di fronte alla società. Nei suoi versi si percepiscono anche i sentimenti di solitudine, mancanza di libertà e il passare del tempo. Da qui il suo famoso verso: "Quanto era bella la vita e quanto era inutile."

luis-cernuda-house

Frasi e versi del poeta

  • "Sappiamo solo invocare il freddo da bambini per paura di andare soli all'ombra del tempo".
  • «Giustifica la mia esistenza: se non ti conosco, non ho vissuto; se muoio senza conoscerti, non muoio perché non ho vissuto ».
  •  
     "Libertà Non so altro che la libertà di essere imprigionato in qualcuno di cui non riesco a sentire il nome senza rabbrividire."
  • «Qualcuno per cui dimentico questa meschina esistenza, per il quale il giorno e la notte sono ciò che voglio per me, e il mio corpo e lo spirito fluttuano nel suo corpo e nello spirito come tronchi perduti che il mare inondava o sollevava liberamente, con libertà amore, l'unico libertà che mi esalta, unica libertà perché muoio.
  • «Alcuni corpi sono come fiori, altri come pugnali, altri come nastri d'acqua; ma tutte, prima o poi, saranno ustioni che si allargheranno in un altro corpo, trasformando una pietra in un uomo in virtù del fuoco.

Sam Shepard

Viene considerato Sam Shepard (72 anni) uno dei più importanti drammaturghi contemporanei d'America. I suoi primi lavori sono nati negli anni '60 e oltre al teatro ha scritto sceneggiature per film, è attore e musicista. Due dei suoi film più noti sono "The Pelican Report" y "Scelto per la gloria".

È reale membro dell'American Academy of Arts and Letters e come onorevoli riconoscimenti che ha ottenuto sono i Theatre Pulitzer nel 1979 per il suo lavoro "Bambino sepolto" ("Bored Boy") e una borsa di studio Guggenheim.

Ha un buon rapporto con il recente Premio Nobel per la letteratura, Bob Dylan con chi ha lavorato nel film "Renaldo e Clara" e insieme a quella che ha scritto la canzone "Brownsville Girl", una delle migliori canzoni di Dylan.

La sua ultima commedia scritta è stata "Freddo a luglio" (2014).

sam-shepard-e-bob-dylan

Sam Shepard con Bob Dylan

Frasi di questo versatile autore

  • «Sicuramente è una domanda ingiusta, non credi? Chiedi a qualcuno perché è così infelice?
  • I cavalli sono come gli umani. Devono conoscere i loro limiti. Una volta scoperti, sono felici semplicemente di pascolare nei campi.
  • "Il mio ultimo rifugio, i miei libri, sono piaceri semplici come trovare cipolle selvatiche sul ciglio della strada o un amore reciproco."
  • "Il punto è che mia moglie si ingozza di pillole e io bevo, è l'accordo concordato, una clausola del nostro contratto di matrimonio."
  • “La democrazia è una cosa molto fragile. Devi prenderti cura della democrazia. Non appena smetti di renderne conto e lasci che si trasformi in tattiche spaventose, non è più democrazia, vero? È qualcos'altro. Potrebbe essere a un centimetro di distanza dal totalitarismo.

Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

8 commenti, lascia il tuo

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.

  1.   Valentina Ortiz-Urbina suddetto

    Ammiro molto le opere di coloro che osano criticare il sistema in cui vivono; o che esprimono sogni frustrati dalla sfortuna; che non possono fare altro che esprimere il loro dolore, la loro disperazione e la loro condanna. Tuttavia, mi fa male che trovino nella letteratura i mezzi per esprimere i loro sogni di provocare dolore, per il piacere di sentirsi grandi.

    1.    Carmen Guillen suddetto

      Ciao Valentina!

      Mi dispiace non sono d'accordo con quello che dici che lo fanno "per il piacere di sentirsi grandi" ... Almeno non per quanto riguarda Luis Cernuda.

      Un saluto!

      1.    Alberto suddetto

        Hey.

        Non sono d'accordo nemmeno con quello che dice Valentina. Non vogliono causare dolore, ma manifestare il proprio, incanalarlo attraverso la parola scritta. E alcuni vogliono sentirsi bene e cercare la gloria letteraria. Ma altri sicuramente no.

        Saluti.

  2.   Alberto suddetto

    Ciao carmen.
    Grazie per il tuo articolo, molto interessante. Ho appreso di alcuni problemi di cui non ero a conoscenza. Quanto sono belle le frasi di Luis Cernuda. Il suo status di poeta è chiaramente evidente in loro. Una delle cose più tristi che ti possono capitare è doverti esiliare.
    Un abbraccio letterario da Oviedo.

    1.    Carmen Guillen suddetto

      Ciao Alberto!

      Luis Cernuda è stato accompagnato da diverse disgrazie: l'esilio, il dover prendere la sua condizione sessuale sottoterra perché non era ben considerato o essere giudicato per questo, non essere in grado di esprimere liberamente i suoi ideali politici per paura di rappresaglie, ecc. Non conduco una vita molto felice ...

      Grazie per il tuo commento! Un abbraccio! 🙂

      1.    Alberto suddetto

        Ciao di nuovo, Carmen.

        Sì è vero. Ha avuto molti fronti aperti nella sua vita. Certo, che sfortuna ha avuto quel pover'uomo come tante persone, eccezionali o meno, nel corso della storia. Non so perché questa dannata mania di alcuni di non rispettare le idee politiche o religiose o la condizione sessuale degli altri. Come se dovessero essere costretti a fare o pensare lo stesso quando non lo sono.

        Non sapevo che non conducesse una vita molto felice, ma non sono sorpreso dopo aver letto il tuo commento.

        Grazie ancora a te.

        Un abbraccio da Oviedo.

      2.    Alberto suddetto

        Ho appena letto la poesia di Luis Cernuda dal titolo "Se l'uomo potesse dire" da cui hai tratto alcune tue frasi. Mi è appena arrivato via e-mail quando mi sono iscritto a un sito letterario. Che coincidenza che si tratti della stessa poesia e non di un'altra.

        Un abbraccio letterario da Oviedo.

  3.   alex suddetto

    Scusa Carmen, ma quello che accompagna Shepard nella foto non è Dylan, ma il suo amico Johnny Dark. Ti auguro il meglio!