Perché gli scrittori usano uno pseudonimo?

Blue Jeans è lo pseudonimo scelto per la serie di romanzi per ragazzi di Francisco Fernández de Paula. "Paco Fernández non era molto commerciale."

Blue Jeans è lo pseudonimo scelto per la serie di romanzi per ragazzi di Francisco Fernández de Paula. "Paco Fernández non era molto commerciale."

Quando parliamo di scrittori con uno pseudonimo, vengono in mente autori classici e moderni, da Fernán Caballero a Blue Jeans passando per Pablo Neruda. Ognuno ha o ha avuto le proprie motivazioni, dal fare di più il proprio nome commerciale, con essere in grado di postare nel caso delle donne in passato, con motivi familiari e molti altri.

Qui vedremo alcuni esempi di scrittori che usavano uno pseudonimo femminile, scrittrici che si atteggiano a uomini y altri hanno semplicemente cambiato il loro nome per le ragioni più diverse. Questo elenco non è affatto esaustivo, ha lo scopo di raccogliere esempi dei motivi che spingono uno scrittore a utilizzare pseudonimi.

Pablo Neruda

Vero nome Ricardo Eliecer Neftali Reyes Basoalto, il nome è stato cambiato per pubblicare al fine di non mettere in imbarazzo tuo padre per avere un figlio poeta.

George Orwell:

Con lo stesso motivo del precedente, ha cambiato il suo vero nome Eric Arthur Blair di George Orwell per non disturbare i suoi genitori con il suo romanzo Nessun bianco a Parigi e Londra, dove racconta la sua esperienza di vita per strada, da senzatetto.

JK Rowling:

La creatrice del famoso Harry Potter, ha camuffato il suo vero nome Joanne, per sembrare un uomo, per imposizione editoriale, che lo considerava gli adolescenti maschi non comprerebbero libri scritti da una donna. Il incomprensibile è che, dopo essere stato uno scrittore di fama mondiale, sceglierei ancora una volta un file pseudonimo maschile, Robert Galbraith, per la sua saga di romanzi gialli. Le ragioni che ha addotto sono che voleva raggiungere i lettori senza essere preceduto dalla sua fama, anche se ciò non chiarisce il motivo dello pseudonimo maschile.

Jill sanderson

L'autore di romanzi romantici famoso in tutto il mondo è in realtà un uomo: Roger sanderson. Motivi di lavoro. Il romanzo rosa vende di più se ha il nome di una donna.

Blue Jeans

Motivi di lavoro. Come dice lo stesso autore:

"Paco Fernández non era molto commerciale."

EL James

Il creatore della serie di successo 50 Shades of Grey si chiama in realtà Erika leonard e adotta anche uno pseudonimo sfocato, che indica un autore maschio di motivi di lavoro.

Magnus Flyte:

Di nuovo lo sono motivi di lavoro quelli che portano Christina Lynch e Meg Howrey scegliere il suo pseudonimo, anche maschile e, in verità, scelto con grande successo perché attira l'attenzione dei lettori.

Amelia drake

Dietro questo pseudonimo femminile están Pierdomenico Baccalario e Davide Morosinotto, scrittori di romanzi giovanili di un taglio fantastico, la saga l'Accademia. Il libro scritto a quattro mani è L'Accademia, che è già stato pubblicato per due volumi e dove il protagonista è una ragazza orfana chiamato Dodici. Entrambi gli scrittori sono conosciuti ed è la prima volta che pubblicano sotto uno pseudonimo.

Motivi di lavoro e una prova per entrare in un nuovo genere senza compromettere il tuo marchio personale.

Frankestein è stato pubblicato in forma anonima per non rivelare che il suo autore era una donna: Mary Shelley.

JT Leroy

Una descrizione più ampia merita questo caso recente, in cui uno pseudonimo per motivi di lavoro: La società di New York dell'inizio del ventesimo secolo impiegò sei anni per scoprirlo dopo il giovane Jeremiah Terminator Leroy, una celebrità dopo la pubblicazione di  Sarah,  romanzo presumibilmente autobiografico dove tossicodipendenza e prostituzione erano gli stimoli principali per il lettore, in realtà lo era Laura Alberto. In questo caso lo pseudonimo è stato cambiato in caratterizzazione come JT Leroy si è confrontato con grandi personalità a New York. su 2005 non si sapeva che fosse effettivamente un file donna vestita da uomo, ma non fu nemmeno la stessa autrice a caratterizzare il giovane scrittore tormentato, se non sua cognata, Savannah Knopp.

Il motivo di Laura Albert? Era convinta che nessuno avrebbe voluto leggere i libri di un quarantenne.

Yasmine Khadra

È lo pseudonimo di Mohamed Moulessehoul, uno scrittore, membro dell'esercito algerino che ha deciso di utilizzare uno pseudonimo per evitare ritorsioni. L'autore l'ha detto finse onora la donna algerina per il coraggio e la speranza che hanno dimostrato di fronte ai tanti conflitti subiti in una società restrittiva come quella algerina.

Harper Lee

L'autore Uccidi un Mockingbird, è stato lo scrittore Nelle Harper Lee. Motivi di lavoro ed estrema timidezza sono i motivi per cui ha nascosto il suo nome, anche se mai chi era.

SK Tremayne

Dietro uno pseudonimo che vuoi indicare il nome della donna, è lo scrittore Sean Thomas Knox, anche per motivi di lavoro, in un mercato editoriale in cui le donne iniziano ad avere sempre più peso.

Lisbeth Werner

Motivi commerciali ancora una volta in questo pseudonimo femminile per gli autori del Serie per ragazzi Puck rivolte principalmente a un pubblico femminile giovane: Carlo Andersen e Knud Meister.

Jessica stirling

Il vero nome dello scrittore di una saga di libri romantici è Hugh C. Rae. La cosa divertente di questo caso è che anche quando won del Premio Edgar per il miglior romanzo, mantenne segreto il suo vero nome.

Giorgio Eliot:

Mary ann evans ha scelto lo pseudonimo di George Eliot per convincerli a prendere sul serio il suo lavoro, che non la considererebbero un'autrice romantica perché è una donna. Anche per evitare lo scandalo sulla sua relazione con un uomo sposato con chi è stato fino alla sua morte.

Fernan knight

Pseudonimo dello scrittore Cecilia Böhl De Faber e Larrea, che dopo essere cresciuto nell'amore per la letteratura per la sua sacerdote, quando decide di dedicarsi alla scrittura, trova solo rechazo.

"Mi strappava i testi davanti alla faccia e mi diceva di non fare lavori maschili"

Supportato da sua madre, decide di diventare una scrittrice professionista, sotto uno pseudonimo che nasconde la sua identità.

altro:

Altri noti esempi di questo tipo di pseudonimi per necessità, su cui molto è già stato scritto e non vale la pena insistere vista la mole di materiale disponibile in materia, sono quelli di altri mujeres che come i due precedenti, il tuo l'unica opzione per vedere i suoi lavori pubblicati era farli sembrare scritti da un uomo con erano le sorelle Charlotte Brontë, Emily Brontë e Anne Brontë che ha pubblicato come Currer, Ellis e Acton Bell rispettivamente, dopo il poeta Robert Southey rispondere a Charlotte quando ha presentato il suo lavoro,

"La letteratura non può essere una questione di vita di una donna, e non dovrebbe essere così."

anche il caso di Frankenstein, che è stato pubblicato nel anonimo per non rivelare che la sua autrice era una donna, Mary Shelley. Tutti presumevano che l'autore del romanzo fosse Percey B. Shelley, suo marito. A quel tempo le scrittrici erano una minoranza ed erano disprezzate da critici, scrittori e lettori se si rivolgevano a un genere diverso dal romantico.


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.