Paul Jenkins fa risaltare i colori della Marvel e della DC

L'uionista Paul Jenkins dice addio ai due grandi (Marvel e DC), rendendo chiara la situazione che esiste oggi nel fumetto USA

Ebbene, la scorsa settimana la lepre è saltata come si suol dire. Non che tutti credessero che i fumettisti e gli scrittori che lavorano per DC e Marvel fossero estremamente contenti di come stavano accadendo a seconda delle cose negli ultimi tempi, ma sembra che le cose siano più serie di quanto potrebbero fare i più pessimisti (dove includo me stesso) immaginare. La scatola del tuono è stata aperta con una lettera aperta dello sceneggiatore Paul Jenkins (Hellblazer, Inhumans, The Incredible Hulk, Spectacular Spider-man, Witchblade, Sentry and a long etc.), dopo aver annunciato il suo desiderio di non lavorare di nuovo per DC e Marvel, e di farlo ai BOOM Studios per i quali sviluppa Fata ricerca con Humberto Ramos e Deadmatch con Carlos Magno. La lettera è stata seguita da un'intervista con CBR dove è stato spiegato più in dettaglio quello che a suo avviso è un trattamento indegno che gli autori stanno ricevendo dagli editori dei due big.

Vi lascio con alcuni estratti dei più succosi che Jenkins ha rilasciato attraverso la sua bocca e che è stato distaccato da molti colleghi:

Nel corso della mia carriera in questo settore ho avuto l'opportunità di lavorare con tutti i grandi personaggi della Marvel e della DC, e per la maggior parte del tempo è stato molto divertente. Ma onestamente, il mezzo merita più di quello che gli stiamo dando. E anche i fan, quelle persone che pagano $ 4 per ogni fumetto. Abbiamo eliminato tutte le conseguenze delle storie che vi stiamo raccontando, e penso che il fumetto mainstream sia diventato un potingue omogeneo di "meh" *. Non ho alcun desiderio di incoraggiare l'indifferenza del lettore o di essere coinvolto in un prodotto in cui non credo abbastanza.

Per continuare a leggere le parole di Paul Jenkins non ti resta che cliccare su Continua a leggere:

So quando tutto era molto più semplice, ed è tornato ai tempi dei Marvel Knights. A quei tempi, la Marvel era fallita e non avevano altra scelta che dare a noi creatori la libertà e la fiducia che tanti di noi meritano. Mi guardo indietro e me ne accorgo Negli umani y La sentinella, nel mio Spidey con con Bucky [Mark Buckingham] e Humberto [Ramos], e altri successi come Wolverine: origine, e so - perché ero lì - che hanno avuto successo in gran parte perché mi hanno dato la libertà di creare senza essere ostacolato dai mandati editoriali.

Non è così per un po '. Negli ultimi anni, ho visto gli editori impotenti apportare modifiche inutili e distruttive alle sceneggiature e ai disegni in cui non erano intervenuti in precedenza. Mi dà fastidio che i creatori fossero l'obiettivo principale quando i principali editori ne avevano bisogno, e ora che le grandi società sono in carica, le decisioni creative vengono prese di nuovo dagli azionisti. Voglio creare fumetti nel modo in cui dovrebbe essere fatto. Voglio che i personaggi muoiano e rimangano morti, o almeno mi assicuri che le decisioni creative in uno spettacolo portino a qualcosa di più di un inevitabile ritorno allo stesso status quo.

Non dimenticherò mai quello che ci ha detto fattura jmas durante uno dei primi incontri editoriali (Joe [il primo di Quesada, in realtà): disse ai redattori di fare buone serie, e che il compito del reparto marketing sarebbe stato quello di pubblicizzare e vendere quelle serie. Ha detto a tutto lo staff di essere coraggiosi e di credere nella qualità dei lavori. Ha chiarito che la commercializzazione della serie non avrebbe interferito con le decisioni creative. Bene, è andato molto bene in quei tempi entusiasmanti, ma alcuni anni dopo ho notato un cambiamento molto evidente. E quel cambiamento, ora me ne rendo conto, ha coinciso con i negoziati della Marvel con la Disney. All'improvviso la cosa importante erano grandi eventi e crossover, e probabilmente non sono tagliato per questo.

Ho avuto un rapporto editoriale con la Marvel che dura da molti anni. Non è sempre stato un rapporto perfetto, come io e la Marvel sappiamo. E anche se non siamo sempre stati d'accordo, questo rimane tra me e la Marvel. I fan farebbero bene ad avere un problema con me se stessi semplicemente trasmettendo pubblicamente le mie lamentele quotidiane senza avere una buona ragione per farlo. Ma La DC è una questione completamente diversa. Perché sono disposto a descrivere alcuni dettagli specifici accaduti durante il mio breve incontro con loro nel New 52? Perché sono sconvolto dal modo in cui i creatori vengono intimiditi e un po 'sbalordito dalle cose che ho visto durante il mio tempo lì. Mi sono imbattuto in più bugie e minacce velate - e tentativi di giustificare un sistema e un comportamento disfunzionali - di quanti ne abbia mai visto nella mia carriera.

DC è andato giù per il cesso. Mi ricorda com'era la Marvel poco prima Cavalieri Marvel. […] E la cosa peggiore è che intimidiscono i loro autori. Hanno cercato di intimidirmi e ho detto loro di andare all'inferno. Le storie dell'orrore sono molte e varie. Ne ho alcuni, e ho sentito troppi autori diversi che sono stati picchiati in conformità, sempre con la minaccia di perdere il lavoro se non seguono il flusso. La DC sembra aver sviluppato una cultura in cui pensano che la "professionalità" sia in qualche modo scopare un autore, e poi fingere di essere amici a una convention. La professionalità consiste nel fornire un lavoro di qualità in tempo, o essere gentili con i fan alle convention, o lavorare per un obiettivo reciprocamente vantaggioso. [...] Questo è ciò che mi preoccupa di questa situazione: non devo essere Genius per vedere che ci sono molti autori molto infelici a Washington ultimamente. Bene, puoi immaginare quanti altri là fuori che non sappiamo perché sentono che se parlano saranno nella lista nera? […] Il punto è che la DC ha iniziato a comportarsi come un bullo, per costringere le persone ad accettare condizioni di lavoro di merda come se stessero facendo loro un favore. […] Ho molti altri interessi, come il cinema, i videogiochi e il mio primo romanzo.

Maggiori informazioni - Fairy Quest: Jenkins, Ramos e il crowdfunding

Fonte - Zona negativa


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.