Parole di Eduardo Mendoza durante la raccolta del Premio Cervantes

Oggi lo scrittore Immagine segnaposto Eduardo Mendoza, aveva un appuntamento obbligatorio con la sua carriera letteraria. Raccolse dalle mani del re Felipe VI il Premio Cervantes 2016, un premio che è ben meritato e che è stato anche ampiamente sostenuto dalla critica letteraria.

C'era grande attesa per ciò che questo perspicace autore avrebbe commentato nel suo discorso e ora possiamo trasmettere tutte le sue parole una per una. Con il suo caratteristico senso dell'umorismo, già all'ingresso ha lasciato la sua prima "perla" umoristica. Ha detto che era accompagnato dalla sua famiglia, per criticarlo, e anche dai suoi amici, per farlo salutare ... Se vuoi conoscere il resto delle sue parole, unisciti a noi con il resto dell'articolo.

Discorso di Eduardo Mendoza

Eduardo Mendoza è uno di quegli autori che non sono noiosi, che meritano di essere ascoltati, che sai che non appena avrai la minima distrazione avrà rilasciato una frase che potrebbe benissimo essere incorniciata o incisa su un piatto di quelli da ricordate sempre. Quindi abbiamo voluto proporvi il suo discorso nella sua interezza, parola per parola ... Giudicate voi stessi:

Dopo aver rivisto una ad una le 4 volte che ha letto Don Chisciotte e le ragioni che lo hanno portato a farlo, ha finalmente detto:

«La mia conclusione è che don Chisciotte è davvero pazzo, ma sa di esserlo, e sa anche che gli altri sono sani di mente e, di conseguenza, gli lascerà fare tutte le sciocchezze che gli vengono in mente. È esattamente l'opposto di quello che mi succede. Penso di essere un modello di buon senso e penso che gli altri siano come una doccia, e per questo motivo vivo perplesso, spaventato e scontento di come va il mondo.

Successivamente ha parlato un po 'del cambiamento radicale che la cultura in generale stava subendo:

"La tecnologia ha cambiato il supporto della famosa pagina bianca, ma non ha eliminato il terrore che suscita o lo sforzo necessario per affrontarlo".

Ha detto addio affermando che continuerà ad essere quello che è sempre stato: "Eduardo Mendoza, di professione, il suo lavoro."


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.