Aloja, la bevanda dei teatri dell'età dell'oro

Né tinto de verano, né birre sulle terrazze. La bevanda protagonista della stagione estiva, durante l'età dell'oro, è stata l'ospite: una soda che si può gustare mentre si contempla la maestria Lope con la sua Nuova arte.

Era il padrone di casa che era incaricato di distribuirlo. Aveva anche frutta, acqua e altre merci nella loggia, originariamente situata al piano terra. commedia corral in cui sono state rappresentate le opere teatrali. Senza dubbio, il venditore ha contribuito alla vivacità dell'atmosfera: «[uomini e donne] attraverso la« foresteria »(...) si scambiarono qualcos'altro che ospitarla con la neve che veniva consumato con tanto gusto nei caldi pomeriggi estivi », come racconta il libro La messa in scena nei teatri commerciali dell'età dell'oro.

Foto di una bevanda con ghiaccio

Stock Muffet / liz ovest.

In cosa consisteva questa bevanda? Acqua, miele e cannella sembrano gli elementi baseSebbene, poiché ogni insegnante ha il suo libro, ci sono quelli che aggiungono altre spezie ad esso. E a volte veniva persino, anche se una cosa del genere non era consentita nei recinti delle commedie. Nel blog gastronomico del quotidiano Il nord della Castiglia Forniscono la seguente ricetta: «Per una brocca (16 litri) prendi 15 litri di acqua, mezzo chilo di lievito, 4 libbre di miele buono e mezzo chilo di spezie divise in una parte di zenzero, una parte di pepe, due parti di cannella, uno di chiodi di garofano e un altro di noce ».

Sembra però che sia una delle tante ricette di questa bevanda, chiamata anche in vari modi. Il professore e dottore Gerónimo Pardo, in Trattato sul vino annacquato e l'acqua envinata del 1661 chiarisce che "c'erano diversi nomi tra gli antichi, a significare la bevanda che oggi chiamiamo alloggio così com'è, hydromel, melicratum, acua mellis, ecc., c'erano anche diversi modi di comporla. E per raffreddarlo, il più comune era usare ghiaccio e neve nelle mense, realizzati con materiali come rame, stagno o argento. Perché l'essenziale era servirlo freddo. "Sarà messo in cantina, bene o in una parte più fresca di quanto possa essere", ha raccomandato Prado.

Il legame tra la casa e i recinti della commedia, qualcosa di simile a quello tra i popcorn e il cinema, è evidente quando si verifica che, per estensione, alcune stanze erano chiamate con il nome di "inquilini" (è successo nel Corral del Príncipe). Anche come nel caso dei popcorn e dei film, sicuramente Né lo ospita né i suoi venditori fonentano con precisione il silenzio, usanza che non aveva il pubblico situato nel cortile dei recinti e che lo differenziava dagli spettatori nel palco.

Riferimenti


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

Un commento, lascia il tuo

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.

  1.   Ania VT suddetto

    Si, la neve o il ghiaccio si ottenevano grazie alle fosse della neve, con i rifugi in cima se non erano in alta montagna, che c'erano, ma quello che non capisco, è che durante il trasporto di molti km. dalle alte montagne a quei pozzi, come quelli di Valladolid, Cadice, ecc, ecc ... la neve non si scioglieva, e al momento ho solo speculazioni, perché forse era neve molto compatta che era isolata con la paglia quindi che non è stato disfatto durante il viaggio….