Opere di Juan Valera

Citazione di Juan Valera

Citazione di Juan Valera

Juan Valera è uno degli autori preponderanti della letteratura spagnola del XIX secolo. Il suo stile era unico e incomparabile, caratterizzato dal mostrare la vita reale, ma in modo adornato e idealizzato. È così che ha creato Pepita Jimenez (1874), una storia che abbagliò lettori e critici dell'epoca, diventando un'opera notevole in Spagna e nel mondo.

Nella sua prolifica carriera di scrittore, Valera si cimentò in diversi generi letterari, arrivando a dominare la poesia, i racconti, l'epistola, il romanzo e il teatro.. Molte di queste opere sono state ristampate e persino adattate per il cinema, il teatro o la televisione. Allo stesso modo, nel tempo sono state presentate diverse compilation della sua opera completa, la più recente delle quali è stata presentata per la prima volta nel 1995.

Opere di Juan Valera

Pepita Jimenez (1874)

È la prima opera degli spagnoli, che iniziò a scrivere nel 1873 e fu pubblicata un anno dopo. L'autore ha affermato di aver preparato il romanzo da un documento scoperto in un tempio in Andalusia. Il testo contiene due segmenti: uno raccontato come testo epistolare (lettera del protagonista allo zio) e un altro romanzato in terza persona.

Nel 1895, l'importante musicista spagnolo Isaac Albéniz compose un'opera basata sulla trama di Pepita. Allo stesso modo, è stato adattato al cinema in quattro occasioni: 1927, 1946, 1975 e 1978. Quest'ultima versione è stata diretta da Manuel Aguado e presentata in episodi da TVE. Fu prodotta anche una versione teatrale presentata per la prima volta nel 1896 al Teatro del Liceo di Barcellona.

Sinossi

luigi de vargas era un studente per sacerdote ventenne È tornato a casa per un'ultima vacanza prima di esprimere il proprio voto. quando si incontra recentemente con suo padre -Signor Pedro- lo presentò alla sua fidanzata, Pepita Jiménez. Abbagliato dalla giovane donna, il seminarista cominciò a dubitare della sua vocazione ad ogni incontro con la sua futura matrigna.

Luis iniziò con una grande lotta spirituale tra l'amore divino e quello umano, che espresse nelle lettere allo zio Dean. Alla fine, la passione era più forte della ragione ei due giovani si innamorarono perdutamente.. È allora che Pepita fa pressioni su Luis perché riveli tutto a suo padre, che li sorprenderà con la sua reazione.

Signora Luce (1879)

Questo è il quinto romanzo dell'autore, pubblicato per la prima volta nel Rivista contemporanea tra novembre 1878 e marzo 1879. Come in Pepita Jimenez (1874), il suo protagonista è combattuto tra l'amore carnale e quello celeste. Tuttavia, il corso degli eventi non ha portato a un lieto fine. A differenza del predecessore, il risultato è piuttosto tragico.

Sinossi

Luz è stata cresciuta esclusivamente da suo padre, il marchese di Villafría, poiché sua madre, donna di dubbia origine, morì quando lei aveva due anni. Nonostante appartenga all'alta società di Madrid, entrambi dovettero trasferirsi in una piccola città dell'Andalusia. Il motivo: l'aristocratico sperperò la sua fortuna durante le sue peregrinazioni nella capitale spagnola

Una volta installato Villafria, il marchese, che era già finanziariamente rovinato, si ammalò e morì. Prima della sua morte, lasciò a Don Acisclo —gestore della famiglia— la responsabilità di Luz. Così, la giovane donna è diventata una donna istruita senza progetti matrimoniali. Ma tutto è cambiato quando ha incontrato il frate Dominico Enrique e il militare don Jaime Pimentel.

Juanita la Lunga (1895)

È una narrativa romantica pubblicata in L'imparziale tra ottobre e dicembre 1895. Gli eventi riportati si svolgono a Villalegre, alla fine dell'Ottocento. La trama ruota attorno alla storia d'amore tra un uomo più anziano e una ragazza.. Il romanzo si distingue per i suoi tocchi di umorismo, con espressioni colte e colloquiali, insieme a una magistrale descrizione della Spagna di quel tempo.

Sinossi

Juanita è uno dei Jóvenes più bello della cittàpertanto, tutti gli uomini lì vogliono conquistarla. Tuttavia, a lei importa solo una persona: Don Paco, Oms, nonostante triplicare la sua età, corrisponde anche ad esso. Nel frattempo, entrambi devono lottare per difendere il loro amore da una società ipocrita che li considera privi di morale.

Genio e figura (1897)

È uno dei libri più apprezzati dell'autore per l'entusiasmo letterario causato dal suo tema vicino ai romanzi erotici francesi. In questa occasione, l'azione si svolge tra Rio de Janeiro e Parigi, dove prende parte l'alta società di entrambi i luoghi. In complemento, la storia è ispirata alle esperienze e agli amori dell'autore iberico durante il suo soggiorno nella città brasiliana.

Sinossi

Rafaela è una donna andalusa detta "La Generosa", una signora che, per astuzia e carattere, ottenere un buon matrimonio La suddetta alleanza gli ha permesso di distinguersi nell'élite sociale di Rio de Janeiro e Parigi.. Tuttavia, ciò non ha cambiato le abitudini che l'hanno portata ad ottenere quella posizione, non invano è stata conosciuta come una "ragazza ovviamente".

morsamor (1899)

È l'ultima opera dello scrittore cordoviano, pubblicata a Madrid nel 1899. È un romanzo d'avventura storico con alcuni tocchi di letteratura fantasy. Il protagonista è Fray Miguel de Zuheros, un anziano abitante di un monastero dal carattere imbronciato, arrabbiato e insoddisfatto. Ma un giorno inizia a lasciarsi alle spalle le sue frustrazioni quando si sveglia giovane per l'azione di un intruglio.

Nessun prodotto trovato.

Sinossi

Fray Ambrosio de Utrera, medico magico, regala al protagonista un elisir paralizzante. al risveglio, Fray Miguel de Zuheros si ritrova ringiovanito. Con questa trasformazione, l'uomo decide di avventurarsi in giro per il mondo accompagnato da Fray Tiburcio.

Nel tuo viaggio, i frati vivono infinite situazioni tra amori, crepacuore, trionfi e sconfitte. Passano così gli anni fino al ritorno del protagonista nel convento da cui era partito. Lì puoi chiudere il ciclo della tua vita in pace e impregnato dell'amore divino.

Circa l'autore, Juan Valera

Giovanni Valera

Giovanni Valera

Juan Valera e Alcalá-Galiano Nacque lunedì 18 ottobre 1824 nel comune spagnolo di Cabra, appartenente alla provincia di Córdoba. I suoi genitori erano l'ufficiale della Marina José Valera y Viaña e la Marquesa de la Paniega Dolores Alcalá-Galiano y Pareja. Quando il futuro scrittore era bambino, la famiglia si trasferì a Madrid e subito dopo a Malaga a causa degli obblighi militari del padre.

Tra il 1837 e il 1840, Valera ha studiato Lingua e Filosofia al seminario di Malaga. Nel 1841 iniziò i suoi studi al Sacromonte di Granada, dove si laureò in Filosofia e Giurisprudenza all'Università di Granada nel 1846. Durante il periodo universitario iniziò a pubblicare le sue prime poesie ed era un fedele seguace della poesia romantica.

Carriera diplomatica e politica

Nel 1847 iniziò come diplomatico quando si unì all'ambasciata a Napoli di Ángel de Saavedra, duca di Rivas. Grazie a questo viaggiò in Europa e in America, dove lavorò in importanti ambasciate spagnole. Undici anni dopo, decise di risiedere a Madrid e lascia provvisoriamente il corpo diplomatico per dedicarsi alla politica.

Carriera letteraria

iniziato il suo carriera letteraria come poeta con il suo primo libro Saggi poetici (1844), di cui furono vendute solo 3 copie. Era il 1874 quando si avventurò nel genere narrativo con Pepita Jimenez (1874). Successivamente, ha continuato con altri romanzi di successo come: Le illusioni del dottor Faustino (1875) y Comandante Mendoza (1877).

Questa prima fase come romanziere si è chiusa con Signora Luce (1879), prendendo poi una pausa a causa della sua crescente cecità. Nonostante circostanze così dure, sedici anni dopo riprese il suo lavoro letterario con quattro nuove narrazioni completate prima della sua morte (avvenuto il 18 aprile 1905). Tra queste opere spiccano Juanita la Lunga (1895) y Genio e figura (1897).

Romanzi di Juan Valera

  • Pepita Jimenez (1874)
  • Le illusioni del dottor Faustino (1875)
  • Comandante Mendoza (1877)
  • fatti furbo (1878)
  • Signora Luce (1879)
  • Juanita la Lunga (1895)
  • Genio e figura (1897)
  • morsamor (1899).

Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.