La liberazione di Miguel Delibes nel cyberspazio

Miguel Delibes

Miguel Delibes (Valladolid, 1920) è stato un autore che ha sempre sigillato con sospetto molte delle sue esperienze e abitudini creative, in particolare, abbastanza da riempire il 59 scatole che la Fondazione Miguel Delibes è riuscita a comprimere 2.2 terabyte di informazioni dopo due anni di lavoro e 221mila euro investiti dalle cantine Vega Sicilia.

Dal 4 maggio la vita e l'opera di Miguel Delibes saranno trasferite nel cyberspazio per il totale godimento dei seguaci del più illustre scrittore del dopoguerra.

Nel cyberspazio ci sono i cipressi

"Mio padre non ha scritto le sue memorie perché si vergognava", ha detto poche ore fa Elisa Delibes Castro, la primogenita dell'autore di Valladolid. Presidente della Fondazione Miguel Delibes, un'istituzione che negli ultimi due anni ha cercato di trasferire nel cyberspazio forse il più grande archivio digitalizzato relativo a uno scrittore di tutta la storia.

L'assenza di quella biografia citata da Elisa è compensata, però, dai 59 cofanetti in cui furono distribuiti 14.352 documenti dell'autore di Five Hours with Mario, compresi i propri articoli scritti per El Norte de Castilla o El País con annotazioni, biglietti di condoglianze per la morte di sua moglie, Ángeles de Castro, nel 1974, fotografie, negativi e persino cambiali del prestito annullato dopo vince il Premio Nadal nel 1947 per L'ombra del cipresso si allunga.

Questo tesoro è stato digitalizzato grazie a l'investimento di 221 migliaia di euro effettuato dalle cantine Vega Sicilia, produttore di uno dei vini più internazionali in Spagna e che Delibes ha menzionato in una parte dei suoi lavori.

Il capitale investito è stato suddiviso in 66mila euro destinati all'identificazione e ordinazione di tutti i documenti, mentre i 115mila euro dei ristoranti hanno coperto le spese di digitalizzazione del materiale, permettendo alla Fondazione di comprimere tutte queste informazioni fino al recente annuncio del rilascio di lo stesso su Internet dal prossimo 4 maggio.

Delibes: l'uomo che non simpatizzava con la città

Miguel_Delibes_cine_espaol.jpg

Nonostante sia nato a Valladolid il 17 ottobre 1920, Miguel Delibes era un amante della campagna castigliana, della caccia e dei valori provinciali che non erano compatibili con la vita nella grande città, tema centrale di una delle sue opere più importanti. , El camino, pubblicato nel 1950.

Prima delle avventure di Daniel the Owl, Delibes lo era editorialista e poi direttore del quotidiano El Norte de Castilla, opera che ha unito alla stesura di alcune opere giovanili, tra le quali spicca La sombra del ciprés es lenggada, vincitrice del Premio Nadal 1947.

La tua condizione di primo scrittore riconosciuto del dopoguerra ha reso Delibes uno degli autori spagnoli più influenti della seconda metà del XX secolo, periodo i cui mutamenti hanno occupato parte delle pagine di un'opera in cui prevaleva la difesa dei propri valori, la preoccupazione per il deterioramento della natura come prodotto di questa "evoluzione", ovvero la rottura tra le due spagnole, asse centrale di quella che sarebbe diventata la sua opera più famosa: Cinque ore con Mario, pubblicato in 1966.

Gli anni '70 sono stati il ​​palcoscenico più amaro per l'autore dopo aver lasciato El Norte de Castilla a causa dei suoi disaccordi con Manuel Fraga e, soprattutto, a causa della morte della moglie, Ángeles de Castro, un evento che avrebbe segnato un prima e un dopo nella vita dall'autore.

Membro della Royal Academy dal 1973Negli anni successivi, Miguel Delibe ha sperimentato il riconoscimento rappresentato dall'influenza totale del suo lavoro in Spagna e all'estero.

L'autore è morto a causa di un cancro al colon emerso nel 1998 e al quale infine ha ceduto nel 2010, data in cui uno degli autori contemporanei più apprezzati nel nostro paese poteva ancora poco sospettare che tutta la sua vita sarebbe stata disponibile in un cyberspazio anch'esso realizzabile. per tutti quei popoli castigliani e nudi che l'autore ha difeso.

La biografia di Miguel Delibes in foto, documenti e articoli è stata compressa in 2.2 terabyte di informazioni che verranno iniettate nel cyberspazio durante la prossima settimana, in modo che tutti possano godersi la vita di uno dei nostri grandi autori con un solo clic da mercoledì 4 maggio.

Saremo in attesa.

Qual è il tuo lavoro preferito di Miguel Delibes?

 


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.