I migliori libri di saggistica

migliori libri di saggistica

Amiamo la fantasia, ma la realtà viene sempre a riportarci a terra, in un certo momento. In un mondo di lettere in cui la finzione sembra condurre il gatto in acqua, le ricordiamo migliori libri di saggistica  per capire meglio gli ingranaggi dell'anima e la storia di tutti quei piccoli microuniversi.

I migliori libri di saggistica

Una stanza tutta tua, di Virginia Woolf

La stanza di Virginia Woolf

Otto anni dopo alle donne è stato concesso il diritto di voto, Woolf è stata offerta nel 1929 l'opportunità di tenere diversi discorsi sull'indipendenza femminile. Il modo migliore per farlo che l'autore inglese ha trovato è stato attraverso A room of my own, un saggio in cui sostiene libertà economica delle donne quando si tratta di potersi sviluppare come artista. Da una prospettiva letteraria vorace e non priva di ironia, l'autore di Al Faro ha costruito una visione di coraggioso femminismo per un tempo in cui la rivoluzione rosa era timida ma determinata.

Storia di un naufrago, di Gabriel García Márquez

Storia di un naufrago di Gabriel García Márquez

Gabo sarà ricordato per il suo ruolo di scrittore di narrativa, anche se ciò non toglie nulla alla sua capacità giornalistica quando si tratta di storie come quella di cui abbiamo a che fare qui. Pubblicato nel 1959 da diverse parti della storia pubblicata sul quotidiano El Espectador, Story of a naway raccoglie la testimonianza di Alejandro Velasco Sánchez, unico sopravvissuto al naufragio della nave ARC Caldas, che ha subito varie riparazioni per otto mesi in Alabama e, secondo indiscrezioni, trasportava merce di contrabbando diretta in Colombia. Il libro preferito di Gabriel García Márquez Era considerato "il suo racconto più perfetto" dal quotidiano El País.

Il diario di Ana Frank

Il diario di Ana Frank

Scritto tra il 12 giugno 1942 e il 1 agosto 1944, data in cui sarebbe stata scoperta insieme al resto della sua famiglia dalle truppe naziste, il diario di Anne Frank è la testimonianza più devastante di quello che fu l'episodio più sanguinoso della storia del XNUMX ° secolo. Scritto nella soffitta del rifugio dove viveva con la sua famiglia, Anne Frank, una ragazza ebrea di 13 anni, Ha registrato il suo modo di vedere il mondo e le illusioni troncate di cui è ancora uno i migliori libri di saggistica di sempre.

Meditazioni, di Marco Aurelio

Marcus Aurelius Meditations

Redatte in greco tra il 170 e il 180 d.C., poco dopo la morte dell'imperatore, le meditazioni di Marco Aurelio evocano il monologo interiore di un patriarca il cui potente messaggio ha permesso a queste lezioni di trascendere nel tempo. Attraverso dodici volumi, le Meditazioni analizzano La frustrazione di Marco Aurelio e la sua visione del mondo, dove né la sua stoica missione di governare il popolo può raggiungere Dio o fermare la stupidità umana. Uno dei libri più rivelatori della storia.

Un'immagine dell'Africa, di Chinua Achebe

Un'immagine dall'Africa di Chinua Achebe

Un'immagine dell'Africa: il razzismo nel cuore delle tenebre di Conrad comprende uno dei le conferenze tenute dalla scrittrice nigeriana Chinua Achebe all'Università del Massachusetts nel 1975. In tutto questo, l'autore di Tutto va in pezzi attacca la visione dell'Africa attraverso il romanzo Nel cuore dell'oscurità di Joseph Conrad, che, secondo Achebe, rappresenta uno stereotipo errato di un continente considerato come complemento dell'Europa. Consacrato come uno dei più lucidi analisi postcolianesimoUn'immagine dell'Africa acquista maggiore notorietà in un momento in cui il continente nero alza, più che mai, la sua voce attraverso le lettere.

Così parlò Zarathustra, di Friedrich Nietzsche

Così parlava Zarathustra di Nietzsche

Sottotitolato come "Un libro per tutti e per nessuno", Così parlò Zarathustra è la grande opera del filosofo Nietzsche ed è stato pubblicato nel 1885. In tutte le quattro parti in cui è suddivisa l'opera, l'autore utilizza un personaggio di nome Zarathustra come modo di presentare le proprie idee, con particolare attenzione l'accettazione della vita come la conosciamo e la negazione dell'aldilà e delle dottrine religiose che indeboliscono l'essere umano. L'opera era considerata dal proprio Nietzsche come "il dono più grande di quello che l'umanità aveva ricevuto".

L'arte della guerra, di Sun Tzu

L'arte della guerra di Sun Tzu

Scritto alla fine del IV secolo a.C. su un supporto di strisce di bambù, The Art of War è diventato un libro senza tempo grazie alle molte strategie sperimentate dallo stratega militare cinese Sun Tzu più di 2.400 anni fa. Diviso in 13 capitoli come "lezioni", la natura strategica del libro, che include le arti per sconfiggere il tuo nemico, prepararsi alla guerra e raggiungere determinati obiettivi, ha trasceso in modo tale che nel XXI secolo è diventato uno dei grandi alleati per i programmi di leadership e amministrazione Aziendale.

Lettere a un giovane romanziere, di Mario Vargas Llosa

Lettere a un giovane romanziere di Mario Vargas Llosa

Pubblicato nel 2011, il miglior saggio di Mario Vargas Llosa racconta, in modo epistolare, l'idea globale dell'autore peruviano-spagnolo sull'argomento creazione di romanzi. Attraverso le sue pagine viene omessa la creazione dello scrittore in quanto tale, figura che si sviluppa da sola secondo il pensiero dell'autore, per accogliere l'origine di tutte quelle storie nate da un sentimento, un'immagine o una sfumatura che permette di trasformare l'ispirazione in un romanzo capace di sedurre tutti. Siamo sicuri che molti giovani (o meno) scrittori continuano a ringraziare l'autore di Pantaleón e i visitatori per aver creato questo libro.

De Profundis, di Oscar Wilde

De profundis di Oscar Wilde

Nato dal dolore, De Profundis è un'epistola scritta da Wilde durante i suoi due anni di lavori forzati dopo essere stato condannato per sodomia mantenendo una relazione con Lord Alfred Douglas, figlio del marchese di Queensberry. La lettura fu la terza prigione in cui fu emarginato uno degli autori più stravaganti e in anticipo sui tempi, più precisamente al crepuscolo di un diciannovesimo secolo in cui l'era vittoriana non tollerava ancora certi comportamenti "abominevoli".

Quali sono i migliori libri di saggistica che tu abbia mai letto per te?


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

Un commento, lascia il tuo

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.

  1.   Fernando suddetto

    Hai dimenticato "A sangue freddo" di Truman Capote e "Operazione Massacro" Rodolfo Walsh.