I migliori libri di realismo magico

I migliori libri sul realismo magico

Sebbene molti paesi e scrittori abbiano combinato fantasia e realtà nel corso della storia, il realismo magico è emerso come il segno distintivo della letteratura latinoamericana e in seguito si è espanso nel resto del mondo. Una capacità di fondere il sonno e la vita di tutti i giorni attraverso questi i migliori libri di realismo magico che ci riportano in quelle città di fantasmi erranti e famiglie infestate.

Pedro Páramo, di Juan Rulfo

Pedro Páramo di Juan Rulfo

Nel 1953 il messicano Juan Rulfo pubblicò una serie di storie ambientate nella città immaginaria di Comala sotto il nome di El llanero en llamas. Un primo schizzo dell'universo misterioso che racchiude Pedro Páramo, uno dei romanzi che ha cementato il realismo magico come genere per le masse e che è stato scritto in soli cinque mesi dall'autore. Pubblicata nel 1955, la storia racconta l'arrivo del giovane Juan Preciado in una città di Comala dove giace suo padre, Pedro Páramo. Silenzi negli angoli e vecchie storie di un popolo vengono a cementare meno questa storia considerata come una di i libri di punta delle lettere latinoamericane.

Aura, di Carlos Fuentes

Aura di Carlos Fuentes

Ambientato a Città del Messico nel 1962, aura seguire le orme di Felipe Montero, un giovane storico che decide di accettare l'incarico di finire le memorie di un generale che vive a casa sua. Per mesi vivrà con la moglie Consuelo e la nipote Aura, due donne che vivono sommerse dalle tenebre per non riconoscere la casa che ricorda loro tanto il malato. Un viaggio ipnotico tra le passioni, le tensioni e le intenzioni oscure dei suoi personaggi dove non mancano riti spiritualistici e passioni segrete. Uno dei romanzi più ricordati di Carlos Fuentes che è stato pubblicato nel calore del punto di ebollizione del realismo magico.

Cent'anni di solitudine, di Gabriel García Márquez

Cent'anni di solitudine di Gabriel García Márquez

Dicono che quando Gabo ha scritto questo romanzo, era in bancarotta. Ha venduto la sua auto, si è rifugiato in un appartamento a Città del Messico e, infine, ha inviato un manoscritto alla casa editrice Sudamericana nel 1967. Ciò che il Premio Nobel non poteva prevedere era il immenso successo che Cent'anni di solitudine sperimentato durante le prime settimane di rilascio, molto meno la condizione di capolavoro della letteratura latinoamericana che alla fine avrebbe raggiunto. Raggi X di un continente di magie, influenze familiari e straniere, la storia di la famiglia Buendía e la città di Macondo divenne la pietra angolare di un boom latinoamericano che conquistò il mondo negli anni '60.

La casa degli spiriti, di Isabel Allende

La casa degli spiriti di Isabel Allende

Cilena di nascita e venezuelana di adozione, Allende ha sempre saputo tessere le realtà del suo continente, e in particolare del Cile, unendole alla magia di un realismo magico latente in questo romanzo pubblicato nel 1982 con grande successo di critica e di pubblico. La casa degli spiriti ci presenta le quattro generazioni della famiglia Trueba e le loro storie intervallate dagli eventi politici che affliggono il Cile postconiale. Considerato il lavoro più rappresentativo dell'autore, il romanzo aveva un adattamento cinematografico nel 1994 con Jeremy Irons, Meryl Streep e Antonio Banderas.

Come l'acqua per il cioccolato, di Laura Esquivel

Come l'acqua per il cioccolato di Laura Esquivel

Quando sembrava che la "mania" per il realismo magico fosse finita, è arrivata Come l'acqua per il cioccolato per fornire la glassa necessaria. Navigando nella tradizione messicana per entrare nelle loro cucine e fischiare alla loro magia, il romanzo di Laura Esquivel pubblicato nel 1989 è diventato un grande venditore grazie all'utilizzo degli ingredienti giusti: una storia d'amore nel rivoluzionario Messico, il dramma di una donna che non ha diritto di innamorarsi e le migliori ricette messicane per conquistare amanti e lettori. La seconda parte del romanzo, Il diario di Tita, è stato pubblicato nel 2016.

Kafka on the Shore, di Haruki Murakami

Kafka on the shore di Haruki Murakami

Sì, il realismo magico rappresenta le lettere latinoamericane, ma ciò non significa che altri autori in tutto il mondo non abbiano adattato la combinazione di magia e realtà nei suoi scritti. Il giapponese Murakami è il miglior esempio, dividendo la sua bibliografia in romanzi intimi e altri che giocano con universi metafisici. Il suo romanzo del 2002 Kafka sulla riva è forse il romanzo che meglio evoca quel fantastico mondo attraverso gli occhi di due personaggi e le rispettive storie: Kafka Tamura, un giovane di 15 anni che decide di lasciare la casa di famiglia per rifugiarsi in una biblioteca, e Satoru Nakata, un vecchio con la capacità di parlare con i gatti. Essenziale.

Figli di mezzanotte, di Salman Rushdie

Figli di mezzanotte di Salman Rushdie

India È uno di quei paesi unici al mondo in cui la magia e la spiritualità sono inerenti al comportamento della sua gente. Quindi, non siamo sorpresi dallo spreco di immaginazione che le storie di Rushdie sprigionano, soprattutto Figli di mezzanotte. Un romanzo ambientato a mezzanotte del 15 agosto 1947, giorno in cui l'India ottenne l'indipendenza dall'impero britannico e in cui Saleem Sinai, protagonista della storia, è venuto al mondo. Attraverso la sua storia, quella di un bambino che sviluppa abilità curiose, assistiamo alla storia recente dell'India e di una nuova generazione disposta a reinventare quel paese che sfida i sensi di viaggiatori e lettori.

Amato da Toni Morrison

Amato da Toni Morrison

Inserito nel 1987, Amato es un romanzo dedicato a quei "sessanta milioni e più" schiavi di origine africana che è morto dopo essere stato soggiogato attraverso l'Atlantico. Fatti storici rappresentati da Sethe, una schiava che decide di scappare con la figlia dalla piantagione del Kentucky dove vivono in schiavitù per raggiungere l'Ohio, uno stato libero. I fantasmi e gli orrori di una crociata che parla di tutti quei silenzi che per decenni hanno annegato uomini crudeli e anche la letteratura stessa. Pubblicato nel 1987, il romanzo ha vinto il Premio Pulitzer l'anno successivo ed è stato adattato al cinema con Oprah Winfrey nel ruolo di Sethe, un personaggio basato sulla schiava Margaret Garner.

Quali sono per te i migliori libri sul realismo magico che hai letto?

 


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

Un commento, lascia il tuo

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.

  1.   Il Burning Ranger suddetto

    Il Burning Llanero non è mai andato a Comala, fino a quando 55 quando è stato fondato, ha avuto ustioni di 3 ° grado. La pianura, invece, non perché non potesse muoversi.