Maria Goodin Autrice di una singola commedia?

La tua bugia più dolce: una storia difficile tra delizie gastronomiche

La tua più dolce bugia: una dura storia tra delizie gastronomiche.

Mary Goodin ci ha dato dentro 2013 La tua più dolce bugia. In questo, finora unico romanzo, le ha svuotato il cuore e la sua esperienza di volontaria in un centro per malattie mentali.

Ci sono volte, che le persone hanno una storia da raccontare al mondo e una sola. Nel caso di Goodin, che ha affrontato un dramma sociale in un romanzo gastronomico, ha costruito una storia diversa, in cui la realtà si mescola alla finzione, stravolge, separa e si intreccia con una facilità che aggancia.

Chi è Maria Goodin?

Maria è nata in Inghilterra, dove continua a vivere, nell'Hertfordshire. Laureata in letteratura inglese, ha lavorato come massaggiatrice amministrativa, insegnante e terapeutica. Pubblico La tua più dolce bugia in Inghilterra con il titolo Noce moscata, basato su una storia con lo stesso nome, seguito in Australia con il titolo La figlia del narratore e successivamente negli Stati Uniti con il titolo Dalla cucina della mezza verità. Dopo essere stato commercializzato nei paesi di lingua inglese, è stato tradotto in italiano, tedesco, svedese e spagnolo.

Chi di noi può assicurare la veridicità dei suoi ricordi?

Come sappiamo se le cose che viviamo sono reali o il prodotto della nostra immaginazione?

La tua più dolce bugia È un libro di quelli che si leggono in un pomeriggio, in cui le pagine girano senza accorgersene mentre si aprono le porte che contengono le emozioni e cresce la fame di continuare ad entrare nella storia. Questa non è l'unica fame che genera perché le delizie gastronomiche diventano un altro protagonista.

Il romanzo non ha caratteri in profondità, li conosciamo solo nella misura in cui servono da supporto per la storia che Maria vuole raccontare. Non sono personaggi rotondi eppure lo diventano indimenticabile anche se il tempo passa e altri libri occupano il posto più accessibile nella nostra memoria.

La protagonista, Meg, è appassionata di scienza ed è cresciuta tra l'odore di stufato e velature che esce dai fornelli di una madre che ha avvolto la sua infanzia nella fantasia e nelle fiabe. Il fantastico e meraviglioso mondo in cui sua madre l'ha cresciuta come se fosse Alice nel Paese delle Meraviglie, ha solo provocato il suo disgusto da quando i suoi compagni di scuola hanno iniziato a prenderla in giro.

«Nel mio primo ricordo sono molto piccolo e sono seduto sul pavimento della cucina con mia madre che sta per tagliare dei fagioli rampicanti. All'improvviso scappano dalle loro mani e iniziano a salire sui mobili »« - »« I fagioli mi solleticano e non riesco a smettere di ridere »

La realtà mascherata da amore e fantasia.

La realtà mascherata dall'amore e dalla fantasia

Mentre molti adulti perdono il mondo fantastico dell'infanzia, Meg ha difficoltà a distinguere quali sono le sue vere esperienze d'infanzia e quali sono le storie che sua madre ha immaginato per lei. Non sa com'è stata la sua infanzia, quindi non gli piace parlarne. Ha paura di metterlo in contrasto con il pensiero razionale delle persone intorno a lei. In quanto donna adulta, non vuole sentire nulla che non possa essere spiegato con la ragione, ha bisogno della sicurezza che le dà la logica. I loro dubbi e la loro ansia di aggrapparsi a ciò che è dimostrabile, ci fanno chiedere quante delle cose che ricordiamo siano vere, quante sono un prodotto di ciò che ci hanno detto e che la nostra memoria ha impostato come sua, e quante un miscuglio tra i due.

La frustrazione di Meg nei confronti della madre lascerà il posto alla scoperta della realtà abilmente celata dal velo dell'illusione con cui sua madre l'ha avvolta da bambina. È un storia dolce quanto dura, un diario sconnesso, ritmico e costante, che parla di amore sopra ogni cosa e che ci insegna che la memoria e la verità di solito non coincidono, ma ci fa anche capire questo ciò non rende il ricordo meno vero o la verità più reale. Nel bene e nel male, viviamo e sentiamo ciò in cui crede il nostro cervello: Che sia successo o meno è irrilevante.  

È una storia da leggere da soli pronti a ridere, piangere, emozionarsi e Credere che la bontà di una persona possa risplendere sul male del mondo anche se non può porvi fine.

Cosa ci porterà il futuro da Goodin?

Vorrei rileggere Maria Goodin, forse ho bisogno di più tempo o forse è stato così la sua unica storia, il suo regalo a tutti i bambini che crescono in un ambiente in cui non dovrebbero mai vivere, il suo omaggio a tutte le mamme che proteggono i propri figli nelle situazioni più estreme. Se è così, grazie per il tuo romanzo, Maria. Comunque sia, è riuscito a formare un capitolo del nostro passato, anche se a volte possiamo pensare di averlo solo immaginato.


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.