Aísa Mighty Sea. Intervista all'autore di Chi ha visto una sirena?

Fotografia: per gentile concessione di Mar Aísa Poderoso.

Aísa Mighty Sea È di Saragozza, docente laureata in Storia e scrittrice. Il suo ultimo romanzo è ¿Chi ha visto una sirena? In questo intervista Ci racconta di lei, della sua carriera, dei suoi interessi e dei suoi progetti. Grazie per la tua gentilezza e il tuo tempo.

Mar Aísa Poderoso - Intervista 

  • LETTERATURA OGGI: Il tuo nuovo romanzo si intitola ¿Chi ha visto una sirena? Cosa ci racconti a riguardo e da dove nasce l'idea?

POTENZIALE MARE AÍSA: È un secondo caso dei fratelli Cárdenas, che può essere letto indipendentemente dal primo, Dostoevskij nell'erba. Sono romanzi noir polizieschi, ambientati principalmente a Logroño, la città in cui vivo da ventisei anni, e con protagonisti Diego Cárdenas, vice ispettore di polizia e sua sorella, Lucía, traduttrice. I due vivono un momento difficile, disincantati dalla vita. Proprio il loro sostegno reciproco e la loro complicità nella risoluzione dei casi li porteranno a ritrovarsi, a poco a poco.

Ci sono anche diversi microcosmi con personaggi secondari che hanno conquistato l'affetto dei lettori come il medico legale, i colleghi poliziotti di Diego o Lucía dell'agenzia di traduzioni. Ho cominciato a scrivere questo secondo caso, ancor prima di pubblicare il primo romanzo, perché ero convinto che questi personaggi avessero più di un viaggio; Io stesso volevo sapere quali direzioni avrebbero preso. 

L'inizio dei miei romanzi di solito mi arriva con un'immagine, un lampo. In questo caso si trattava di una sirenetta sulla facciata gotica di San Bartolomé, bella chiesa situata nel centro di Logroño. Proprio lì inizia il romanzo. Ha affrontato la sfida di mantenere l'essenza della prima, ma donandole novità.

In questo caso, Diego affronta l'apparizione di una coppia di anziani morti a casa sua, in quello che sembra un chiaro caso di violenza di genere. Il ritrovamento di alcune vecchie lettere nascoste in una toeletta, insieme a un'agenda in cui compaiono degli strani appuntamenti con un indovino, porterà a una svolta nelle indagini. Le ambientazioni del romanzo ci portano anche in posti come Parigi o Saragozza, mia città natale, in cui si svolge sempre una scena. 

I lettori mi stanno già inviando le loro impressioni; Lo adorano e apprezzano l'equilibrio tra una trama accattivante, i personaggi con cui si sentono a proprio agio e che vogliono incontrare, l'atmosfera e le emozioni. Mi sembra importante che, oltre alla trama, il lettore possa assaporare e trovare altri aspetti che continuano a risuonare una volta terminata. Un'altra singolarità sono i riferimenti all'arte, alla storia o al cinema classico, incorporato nella storia stessa. 

Adoro che mi dicano che vogliono finirlo per scoprire il mistero, ma che, allo stesso tempo, si sentano dispiaciuti per loro perché si sentono molto a loro agio all'interno del romanzo. Non svelerò molto di più, è meglio che i lettori stessi lo scoprano da soli.

  • AL: Ricordi il primo libro che hai letto? E la prima storia che hai scritto?

CARTA GEOGRAFICA: Scrivo perché sono un lettore. Una lettrice che legge ed è molto felice fin da quando era bambina. Prima di imparare a leggere, ricordo le storie che mi raccontava mia nonna prima di andare a dormire. Poi è arrivato il racconti fustellati di Ferrándiz. Dopo Enid Blyton, Vittoria Holt…E, infine, il salto alle centinaia di libri che mio padre aveva in libreria. indubbiamente, Agatha Christie È stata la grande scoperta. In seguito vennero altri autori come Pearl S. Buck, Leon Uris, Mika Waltari, Colette, ecc. Fin dall'inizio mi sono abituato ad andare con mio padre ogni venerdì in libreria ea comprare due libri per la settimana. Così ho anche cominciato a formare la mia biblioteca. Lo ricordo come pura felicità. 

Ho scritto la mia prima storia quando avevo sette anni, in seconda di EGB. Me lo ricordo perché quel corso che la mia insegnante mi ha dato da leggere a casa la sua copia di Il Piccolo Principe; Mi sentivo la ragazza più felice della terra. Questo mi ha incoraggiato a scrivere le mie storie in un quaderno che mia madre ha foderato con carta verde e blu.

Durante l' adolescenza, in alcune classi in cui era difficile per noi mantenere la nostra attenzione, ha scritto Storie romantiche per i miei compagni, ambientati in un paese da loro scelto, il resto spettava alla mia immaginazione. Curiosamente, è un genere che non ho più suonato.

Di nuovo dentro 2001 ho deciso di scrivere il mio primo romanzo. Per la mia formazione di Laurea in Storia ero attratto da genere storico. L'ho sottoposta a un premio prestigioso, che, ovviamente, non ho vinto. Tuttavia, mi è piaciuto molto quel viaggio a Madrid per consegnare il manoscritto all'editore stesso. È stata un'esperienza molto divertente e indimenticabile.

  • AL: Un capo scrittore? Puoi sceglierne più di uno e di tutte le epoche. 

CARTA GEOGRAFICA: Non potevo sceglierne uno; Ho apprezzato molti autori, i cui libri ho letto in diverse fasi e momenti della mia vita.

Amo la letteratura del XIX e la prima metà del XX: Giovanna Austen, Bronte, Flaubert, Stendhal, Balzac, Oscar Wilde, Tolstoj, Dostoevskij, Emilia Pardo Bazan, Squillante, Wilkie Collins, Edith Wharton, Scott Fitzgerald, Forster, Evelyn Waugh, Agatha Christie o Nemirovsky.

Più vicino nel tempo, potrei citarne molti altri: Isabel Allende, Carmen Martin Gaite, Paul Auster, Donna Leon, Pierre Lemaitre, Fred Vargas e molti altri. Hanno tutti in comune il fatto che mi hanno fatto divertire, riflettere o mi hanno commosso. Ognuno di loro ha lasciato un'impronta su di me; Ho imparato da tutti loro. Alla fine, lo stile di uno scrittore è costruito dalla sua personalità, esperienze e, naturalmente, letture.

  • AL: Quale personaggio in un libro ti sarebbe piaciuto incontrare e creare?

CARTA GEOGRAFICA: ne sceglierò due: Anna Karenina, con cui avrebbe avuto una conversazione sulla vita e sull'amore. Mi piacerebbe passeggiare con lei per le strade di San Pietroburgo, anche se penso che dopo aver bevuto il tè, il grande Tolstoj alla fine potrebbe essersi arrabbiato.

Un altro personaggio con cui mi piacerebbe passare una serata è con il grande Gatsby. Non mi dispiacerebbe fare un tour di New York in tua compagnia. Mi sembrano personaggi affascinanti, pieni di luci e ombre, di angoli e fessure, di sfumature.

  • AL: Qualche abitudine o abitudine speciale quando si tratta di scrivere o leggere?

CARTA GEOGRAFICA: Mi piace, se può essere, scrivi da solo e in silenzio, ma mi adatto. Come aneddoto ti dirò che Chi ha visto una sirena? L'ho finito a Saragozza, seduto su un divano, imprigionato dietro un materasso in una stanza affollata, mentre mio marito ei miei figli dipingevano e montavano mobili. A volte non puoi scegliere. 

Per leggere mi basta un buon libro, il resto mi è indifferente.

  • AL: E il tuo luogo e momento preferito per farlo?

CARTA GEOGRAFICA: Ci sono posti in cui mi concentro meglio. Nella mia casa Logroño ne ho un po' scrivania davanti a una finestra attraverso il quale vedo ondeggiare alberi e persone andare e venire; È un posto che mi dà serenità e dove mi sento molto a mio agio. Nel estateMi piace molto scrivere a casa mia a Medrano dove ne ho delle belle vista sulle montagne. Lì ho iniziato Chi ha visto una sirena? Tuttavia, Dostoevskij nell'erba È sorto durante una vacanza a Vinarós. Il mar è anche molto stimolante. 

Per quanto riguarda l'ora del giorno, preferisco scrivere a la mattina presto, quando tutti dormono ancora e la casa tace. Un'altra volta che di solito ne approfitto è nel pomeriggio. Mai di notte, allora preferisco leggere. Nel mio caso, la lettura mi nutre per continuare a scrivere. È un atto quotidiano.

Sono un insegnante e devo conciliare il mio lavoro e la mia vita familiare, ma Cerco di scrivere ogni giorno, anche se sono solo poche parole. Credo, senza dubbio, che tu possa sempre trovare il tempo per ciò che ti interessa e che ti appassiona.

  • AL: Ci sono altri generi che ti piacciono?

CARTA GEOGRAFICA: Come lettore amo il narrativa e mi godo anche il romanzo storico. Non escludo di lanciarmi un giorno come scrittore con questi generi.

  • AL: Cosa stai leggendo adesso? E la scrittura?

CARTA GEOGRAFICA:sto leggendo Istinto, di Ashley Audrain. È un romanzo affascinante, molto originale. Un thriller psicologico che parla di maternità e che emoziona, non lascia indifferenti. Da un punto di vista narrativo è molto interessante l'utilizzo del narratore in prima e seconda persona, così come i salti temporali. Lo consiglio, senza dubbio.

Sono con un terzo caso dei fratelli Cárdenas, situato in primavera. Dostoevskij nell'erba si sviluppa in autunno e Chi ha visto una sirena? in inverno. Tuttavia, ho nuove idee che ribollono nella mia testa. Per uno scrittore c'è un momento emozionante: quando pensi di poter essere vicino a una buona storia.

  • AL: Come pensi che sia la scena editoriale? Pensi che cambierà o lo ha già fatto con i nuovi formati creativi là fuori?

CARTA GEOGRAFICA: Non c'è dubbio che il tasso di pubblicazione es vertiginoso. Ci sono un paio di gruppi editoriali molto potenti che dominano il mercato e una moltitudine di piccoli e medi editori che devono competere con la qualità o con una proposta molto specifica. Tuttavia, è vero che ci sono diversi modi con cui un autore sconosciuto può arrivare alla pubblicazione dei suoi libri. Non ci sono mai state così tante possibilità e opportunità come adesso. Dopo la pubblicazione, inizia un viaggio in cui l'autore deve essere coinvolto al cento per cento. Senza dubbio, i social network sono un alleato indispensabile per farsi conoscere e promuovere i propri libri. Sappiamo tutti che non è facile e che l'offerta è enorme, ma per me, ogni lettore che investe tempo e denaro nel tuo libro è un premio meraviglioso Ciò compensa ampiamente lo sforzo investito. 

Nel mio cuore il mio sogno era pubblicare, ovviamente. Uno scrittore scrive perché gli piace, perché ama quel momento in cui si siede per creare personaggi e storie, perché ne ha bisogno come respirare. Ma, soprattutto, scrivi perché lo leggano, perché anche gli altri possano godersi le loro storie. 

È vero che la pubblicazione mi sembrava irraggiungibile. Per molto tempo mi sono dedicato alla scrittura in modo molto privato, solo mio marito lo sapeva. È il mio primo lettore, è molto critico nel migliore dei modi, ed è per questo che mi fido del suo giudizio. Qualche volta, deve succedere qualcosa che ti spinga a fare il primo passo. Nel mio caso, è stata la perdita di due persone molto care in pochissimo tempo. In quel momento ero pienamente consapevole che c'è un punto nella vita senza ritorno. Quando tutto finisce, prendi solo ciò che hai vissuto, ciò che hai goduto, ciò che hai amato. Pensavo di non volermi pentire quando era troppo tardi e che non avevo nulla da perdere a provarci.

È vero che ci sono molte persone che scrivono e vogliono pubblicare, dobbiamo essere realisti. È una gara di lunga distanza in cui devi prendere provvedimenti, essere persistente e lavorare seriamente Su di essa. 

  • AL: Il momento di crisi che stiamo vivendo è difficile per te o riuscirai a mantenere qualcosa di positivo per le storie future?

CARTA GEOGRAFICA: Siamo in un momento complesso, direi quasi in un cambio di tempo. Da storico so che le crisi accadono, anche se è molto dura mentre le vivi, e che dopo vengano sempre tempi migliori. Almeno, lo auguro alle nuove generazioni. Per quanto riguarda la letteratura, l'arte o la musica, forse le opere più imponenti sono sorte nei periodi più bui. La cultura è luce, salva sempre.


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.