Lupo della steppa

Lupo della steppa

Lupo della steppa

Lupo della steppa è un romanzo psicologico dello scrittore di prosa, saggista e poeta svizzero-tedesco Hermann Hesse. Rilasciato nel 1927 (la versione finale apparve un anno dopo), Lo Steppenwolf —Nome originale in tedesco — fu un libro molto apprezzato in Europa e di notevole successo editoriale. Tuttavia, l'autore teutonico si lamentò ripetutamente di essere stato frainteso.

A questo proposito, i critici letterari sottolineano che la storia del lupo ha la sua origine in una profonda crisi spirituale sofferta da Hesse nei primi anni 20. In ogni caso, è uno dei grandi classici della letteratura tedesca del XX secolo. Non a caso, questo titolo è considerato il capolavoro di uno scrittore la cui carriera è stata riconosciuta con il Premio Nobel per la Letteratura nel 1946.

analisi Lupo della steppa

Contesto del lavoro

Lo Steppenwolf È stato oggetto di innumerevoli tesi e studi accademici; la maggior parte coincidono nell'evidenziare la natura autobiografica del libro. Certamente, Ci sono somiglianze tra la psiche del protagonista della storia e la vita di Hesse. Infatti, tra il 1916 e il 1917 fu paziente del dottor Joseph B. Lang, reparto del famoso dottor Carl Gustav Jung, che l'autore incontrò in seguito.

La psicoterapia si è resa necessaria per la crisi esistenziale dello scrittore causata dalla morte del padre più la grave malattia di suo figlio Martin. Inoltre, la sua prima moglie ha sofferto di episodi schizofrenici (il matrimonio non ha mai superato quella trance). Dopo il suo divorzio nel 1923, Hesse attraversò un altro periodo di isolamento e depressione, entrambi evidenti nella storia del lupo.

Temi

L'argomento del testo riflette l'ostilità dello scrittore teutonico verso la società borghese del suo tempo. Allo stesso modo, Hesse usa la figura dell'animale come metafora per contrapporre due stili di vita: l'uomo e il lupo. Da un lato, l'uomo si occupa del comportamento civile, delle idee positive, dei sentimenti nobili e della concezione della bellezza delle cose.

Il cane è invece una figura la cui opinione del suo ambiente e di chi lo circonda distilla costantemente scherno e ironia. Indubbiamente, il carnivoro notturno è nemico dell'umanità e dei costumi socialmente accettati per contenere la vera natura selvaggia dell'uomo. R) Sì, la storia ruota attorno a un incessante dibattito morale all'interno della testa del personaggio principale.

Elementi di psicologia analitica

La trama stessa è un'analisi psicologica di Harry Haller, il protagonista, un brillante scrittore e poeta, mentalmente disturbato e abbattuto. Anche se fin dall'inizio questo Lui è incontaminato ed educato, il disordine nella tua stanza è il primo segno dei tuoi disturbi interni. Man mano che gli eventi si evolvono, i confini tra realtà e sogni diventano confusi.

In Haller, profondi sensi di colpa coesistono con evidenti delusioni di grandezza. Allo stesso modo, possiede un intelletto sublime che gli permette di apprezzare l'arte e di cogliere con sensibilità l'essenza degli elementi che lo circondano. Tuttavia, quella stessa intelligenza lo porta a perdersi nei suoi oscuri labirinti mentali nel mezzo delle sue deliberazioni filosofiche.

Riassunto di Lupo della steppa

Introduzione

Il primo narratore (si presenta come il "curatore" del manoscritto di Harry) è il nipote adolescente del proprietario della pensione in cui risiede il protagonista. Questo relatore esprime di tanto in tanto la sua opinione su Haller, che descrive come un uomo intelligente e riflessivo, ma spiritualmente disturbato.

Gli scritti di Haller

Il personaggio principale si descrive come uno straniero, pensatore, amante di Mozart e della poesia. Viene anche battezzato come "il lupo della steppa", un essere estremamente incompreso e solitario. Una sera decide di uscire, e viene raggiunto con una porta al "Teatro Magico", ma non riesce ad attraversarlo. lì vicino, si imbatte in un commerciante, che, dopo una breve conversazione, gli porge un piccolo libro.

Al ritorno nella sua stanza, Harry scopre che il libro parla di lui. L'opera contiene una serie di meditazioni filosofiche sulle virtù, sui problemi e sui difetti dei sedicenti lupi delle steppe. Tuttavia, il testo predice il suicidio del protagonista, cosa con cui concorda, poiché si sente piuttosto deluso dalla sua vita.

L'animale notturno

Dopo una lunga passeggiata, Harry entra nel bar "The Black Eagle", dove incontra Hermine, una giovane donna attraente che lecca gli uomini. Poi, Haller diventa una specie di suo seguace e accetta di rispettare tutti i suoi ordini (incluso ucciderla). In cambio, al protagonista viene offerto "di imparare a godere dei piaceri della vita".

Più tardi, Harry incontra Pablo, un musicista edonista e ospite del Teatro Magico. Anche, Hermine la presenta a Maria, che diventa l'amante di Haller. Alla fine, il personaggio principale osa ballare e ridere del lupo e dell'uomo. Successivamente, i passaggi sono carichi di risate, droghe e strane trance tra realtà e finzione all'interno del Magic Theatre.

La risoluzione

Negli spazi assurdi del teatro, Harry vive situazioni tipiche di un incubo; Arriva persino a discutere di filosofia ed esistenzialismo con una versione moderna e burlesca di Mozart. Vicino alla fine, Haller fa addormentare Hermine nuda accanto a Pablo, lui che ritiene come segnale per compiere la volontà della ragazza eccentrica.

Alla fine, il protagonista uccide Hermine con una pugnalata. Di conseguenza, è condannato a vivere per sempre. Come parte della punizione, deve sopportare le risate stridenti dei membri della corte per dodici ore. Alla fine, Haller decide di capovolgere la sua vita e si propone di imparare a ridere del suo destino.

Sull'autore, Hermann Hesse

Nascita e infanzia

Hermann Karl Hesse Nacque nella piccola città di Cawl, Württemberg, Germania, il 2 luglio 1877. Suo padre, Johannes Hesse, era un medico estone nativo discendente da predicatori cristiani; sua madre era Marie Gundert originaria dell'India. Durante la sua infanzia, piccolo Hermann studiò latino a Göppingen tra il 1886 e il 1891.

Dal 1891 il futuro scrittore Ha avuto forti discussioni con i suoi genitori e ha attraversato gravi crisi depressive (che ha affermato più volte in seguito). Inoltre, fuggì da un seminario evangelico e raramente trascorse sei mesi nello stesso istituto scolastico. Nel 1892, i suoi genitori lo mandarono in un sanatorio a Stetten im Remstal a causa dei suoi scritti suicidi.

Primi lavori

Le ultime scuole che ha frequentato sono state un'istituzione speciale a Basilea e il Gymnasium vicino a Stoccarda. Nel 1893 ha completato la scuola elementare e abbandonò la scuola. Successivamente, ha lavorato come assistente in un negozio di orologi e successivamente come libraio a Tubinga. Lì iniziò a leggere testi di mitologia, teologia e filosofia di autori come Goethe, Lessing e Schiller, tra gli altri.

La sua prima pubblicazione è apparsa su una rivista viennese nel 1986, la poesia madonna. Più tardi, Hesse pubblicò Liede romantiche (1898) y Eine Stunde hinter Mitternacht (1899). In entrambe le collezioni, Hesse riflette l'influenza di famosi romantici tedeschi (Brentano, von Eichendorff e Novalis, principalmente).

Consacrazione letteraria e matrimoni

Il successo del romanzo Peter camenzind (1904) permise a Hermann Hesse di vivere di scrittura per il resto della sua vita. A quel tempo lo scrittore tedesco si era già interessato alla spiritualità (indù in particolare) ed era stato scartato per il servizio militare. D'altro canto, L'autore tedesco ha attraversato alcune difficoltà nella sua vita amorosa (è stato sposato tre volte).

coniugi

  • Maria Bernoulli, tra il 1904 e il 1923
  • Ruth Wegner, dal 1927 al 1927
  • Ninon Dolbin, dal 1931 fino alla morte di Hesse nel 1962 per un'emorragia cerebrale.

Le opere più conosciute

  • Gertrudis (1910)
  • Demian (1919)
  • Siddhartha (1922)
  • Lupo della steppa (1927)
  • il gioco degli abalori (1943).

Legacy

Il lavoro di Hermann Hesse comprende più di 40 pubblicazioni tra romanzi, racconti, poesie e riflessioni, insieme a più di 3000 recensioni e modifiche. Pertanto, non sorprende che abbia venduto più di 30 milioni di copie in tutto il mondo, tradotte in più di 40 lingue. Inoltre, lo scrittore tedesco ha una vasta documentazione epistolare (più di 35.000 lettere) ed è stato un pittore eccezionale.


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.