Lolita di Nabokov. Frasi del tuo classico per questo venerdì di Dolores.

Es Venerdì di Dolores. Prima operazione fuori dalle vacanze di Pasqua e onomastica dei dolori che siamo nel mondo, non importa quanto abbiano insistito anni fa per cambiare la data al 15 settembre. Per quelli di noi della vecchia scuola e con molti Lolas in famiglia continuiamo a celebrarlo anche oggi.

E il mio regalo per questo primo giorno di processioni e torrijas è una recensione di Acqua e Sapone, il più letterario e famoso fuori dalla penna dello scrittore nazionalizzato americano e nato in Russia Vladimir Nabokov. Ci va un breve analisi con una selezione di Frasi.

su Acqua e Sapone

Pubblicato per la prima volta in 1955, Acqua e Sapone è considerato da molti critici come un file capolavoro della letteratura mondiale contemporanea e a classico moderno. Ai suoi tempi lo era respinto da quattro editori, essendo elencati come pornografico. Fu L'Olympia Press, un piccolo editore di Parigi specializzato in opere erotiche, che ha osato pubblicarlo. Tre anni dopo è apparso negli Stati Uniti.

Ha immediatamente alzato a polvere di scandalo, polemica e polemica, oltre alle accuse di sfidare i tabù e di mostrare apertamente i desideri più indicibili e oscuri della società. La sua popolarità è diventata ancora maggiore quando Stanley Kubrick l'ha portata al cinema en 1962 con una sceneggiatura dello stesso Nabokov. Hanno recitato in esso James Mason, Shelley Winters, Peter Sellers e Sue Lyon. Successivamente ci sono state più versioni ma questa è la più ricordata.

Quindi abbiamo un lavoro con diversi prismi di lettura che vanno dalla storia romantica ed erotica al ritratto di una società abbastanza autoindulgente. E, naturalmente, in questi nuovi tempi di inquisizione, censura letteraria, arrobas e x per i generi grammaticali e tanta correttezza politica, l'hanno già messa sotto i riflettori. La storia dell'ossessione Umberto Umberto, insegnante quarantenne, perché la giovanissima Lolita non lascia nessuno indifferente.

 Alcune delle sue frasi

  • Lolita, luce della mia vita, fuoco delle mie viscere. Il mio peccato, la mia anima. Lo-li-ta: la punta della lingua intraprende un viaggio di tre gradini lungo il palato fino ad appoggiarsi, nel terzo, sul bordo dei denti. Era Lo, solo Lo, la mattina, quando era in piedi a un metro e ottanta su un piede rivestito di calzino. Era Lola quando indossava i pantaloni. Era Dolly a scuola. Era Dolores quando ha firmato. Ma tra le mie braccia era sempre Lolita.
  • È stato amore a prima vista, a prima vista, a ogni vista.
  • Ed eccola lì, persa tra tutti, a rosicchiare una matita, detestata dai maestri, con gli occhi di tutti i ragazzi fissi sui capelli e sul collo, mia Lolita.
  • A quel punto ero in uno stato di eccitazione che rasentava la follia; ma allo stesso tempo aveva l'astuzia di un pazzo.
  • Penso che tutto sia questione di amore; più ami un ricordo, più è forte e strano.
  • Era tutto pronto. I nervi del piacere erano scoperti. Basterebbe il minimo piacere per liberare tutto il paradiso.
  • All'improvviso eravamo follemente, goffamente, spudoratamente, dolorosamente innamorati l'uno dell'altro ...
  • Oh, Lolita, tu sei la mia ragazza, proprio come Virginia era di Poe e Beatriz era di Dante.
  • L'ho guardata e guardata, e sapevo con la stessa certezza che dovevo morire, che l'amavo più di qualsiasi cosa immaginata o vista sulla terra.
  • Immaginami: non posso esistere se non mi immagini.
  • Ci amiamo con amore prematuro, con la violenza che spesso distrugge le vite degli adulti.
  • Là, sul molo sabbioso, a pochi metri dai nostri anziani, restiamo stesi tutta la mattina in un parossismo pietrificato, approfittando di ogni benedetta crepa aperta nello spazio e nel tempo; la sua mano, seminascosta nella sabbia, scivolava verso di me, le sue belle dita marroni si avvicinavano sempre di più, come nei sogni;
  • Urlò con un'improvvisa nota stridula nella sua voce, scosse il corpo, si contorse e gettò indietro la testa, e la mia bocca piagnucolosa, signori della giuria, raggiunse quasi il suo collo nudo, mentre soffocavo contro il suo seno sinistro il l'ultimo battito cardiaco più lungo di estasi che l'uomo o il mostro abbia mai conosciuto.

Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.