Libri di Sonsoles Ónega

Sonsoles nega

Sonsoles nega

Quando gli utenti Internet immettono "Sonsoles Ónega Libros" nel proprio browser web, i risultati comuni vengono associati a Dopo l'amore (2017). È un lavoro basato su una storia di vita reale che, lo stesso anno in cui è stato pubblicato, ha portato Ónega a vincere il Premio Fernando Lara per i romanzi. Mille baci proibiti (2020) spicca anche tra le coincidenze, e non sorprende. Questo romanzo romantico contemporaneo è il libro più recente presentato dall'autore spagnolo.

La carriera di questo giornalista e scrittore ha ricevuto altri importanti riconoscimenti, evidenziando di aver vinto la terza edizione del Short Novel Literature Award, per Calle Habana, angolo Obispo. Oltre ai suddetti libri, lo scrittore ha pubblicato altri 3 lavori interessanti, tutti con grande ricettività da parte di lettori e critici letterari. Attualmente, l'autore lavora come presentatore sul canale Tele5.

Breve riassunto della vita di Sonsoles Ónega

Sonsoles Ónega Salcedo è nata a Madrid mercoledì 30 novembre 1977. È la secondogenita del matrimonio tra il famoso giornalista e scrittore galiziano Fernando Ónega e Marisol Salcedo. Durante la sua giovinezza, Sonsoles era nota per essere molto intelligente e amante della lettura, un hobby che le piaceva tra i libri della biblioteca di famiglia. Ispirato dalla traiettoria di suo padre, Ónega ha deciso di studiare una laurea in giornalismo e, dopo aver studiato presso l'Università CEU San Pablo di Madrid, ha conseguito la laurea.

Sonsoles Ónega ha sempre mantenuto la sua vita privata molto discreta. Si è sposata nel 2008 con l'avvocato Carlos Pardo, unione che ha dato vita a due figli. Il loro matrimonio si è concluso nel 2020, dopo un amichevole processo di separazione iniziato un anno prima.

Sonsoles Ónega, il giornalista

Dopo essersi diplomata con una specializzazione in media audiovisivi, ha iniziato i suoi primi passi come professionista in CNN +. Nel 2005 è entrato a far parte della rete televisiva Quattro. Dopo 3 anni di lavoro lì, è entrato a far parte del canale Tele5, dove ha servito per 10 anni come cronista parlamentare. In questo mezzo, la sua carriera giornalistica è stata in costante crescita.

Nel 2018, Sonsoles ha raccolto la sfida come moderatrice del programma “Ya es noon”, di cui è tuttora conduttrice. Tra le sue ultime apparizioni, ha animato i galà domenicali della prima stagione del la realtà "The strong house" nel 2020.

Sonsoles Ónega, lo scrittore

Ad oggi, Ónega ha creato 6 romanzi interessanti. Il suo primo libro, Calle Habana, angolo Obispo, è stato introdotto nel 2004; in questo lavoro l'autore mostra le esperienze di una Cuba oppressa. Dove Dio non era (2007) è stata la sua seconda pubblicazione. È un'opera ispirata agli eventi dell'attentato di Madrid noto come 11M. Successivamente, lo scrittore ha pubblicato Incontri a Bonaval (2010) y Noi che volevamo tutto (2015).

Sebbene le suddette opere siano di grande qualità letteraria, è stato il suo quinto libro a catapultarla al successo. Si tratta del romanzo Dopo l'amore (2017), basato su eventi reali. È una storia sviluppata in 592 pagine e parla di un amore clandestino che combatte nel mezzo della conflittuale Spagna degli anni '1930. Ora, Per continuare il lavoro della sua eccellente penna, la scrittrice ha pubblicato il suo libro nel 2020 Mille baci proibiti, che ha avuto una notevole accettazione.

Libri di Sonsoles Ónega

Ecco una breve rassegna delle opere di questo autore spagnolo:

Calle Habana, angolo Obispo (2005)

È il primo libro di Sonsoles Ónega. Si tratta di un breve romanzo narrativo, degno della terza edizione del Premio per i testi del romanzo corto. Presenta la storia di Cuba negli anni '90 e le conseguenze subite dalla dissipazione dell'Unione Sovietica. Tra le sue linee c'è un popolo cubano che giorno dopo giorno soffre e combatte senza armi contro il regime oppressivo di Fidel Castro. Questa storia nasce dalle esperienze dello scrittore durante un viaggio all'Avana nel 2000.

I suoi principali protagonisti sono Saivy Cisneros Ballín e suo figlio Sebastián; entrambi combattono a modo loro contro il castrismo. Saivy cerca di mantenere la sua casa in buone condizioni - mentre tutto intorno cade a pezzi -, mantenendo viva l'illusione del ritorno di sua moglie, che è riuscita a lasciare l'isola anni prima. Sebastián, da parte sua, fa le sue cose combattendo attivamente dal dissenso. È una storia piena di una dura realtà che milioni di cubani vivono ancora.

Dove Dio non era (2007)

È il primo romanzo scritto sull'attacco avvenuto a Madrid l'11 marzo 2004, dove ci furono 191 morti e quasi 2000 feriti. La storia inizia all'alba di quel giorno, descrivendo gradualmente le vite di vari personaggi. Tra loro ci sono un politico, un giornalista, un immigrato, un giudice e un pubblico ministero. Senza dubbio, una trama ricca di sfumature in cui tutti sono protagonisti che intrecciano la loro vita sui binari del treno.

Quel giorno un gruppo islamista salì sui vagoni della stazione di Alcalá de Henares e piantò esplosivi, provocando così un grande massacro. Ónega ha scritto questo libro incentrato sui sentimenti e le esperienze delle vittime, senza dare importanza agli autori. L'autrice afferma che i fatti presentati sono totalmente veri, con accuse raccolte da lei stessa durante i 3 anni consecutivi successivi all'evento.

Dopo l'amore (2017)

In questa occasione, Ónega presenta un romanzo d'amore ambientato nella Spagna degli anni '30, prima del Guerra Civil. Questo titolo di successo racconta una storia di passione nel nascondersi, basata su eventi reali. Il lavoro è stato realizzato così bene che ha vinto il XXII Premio Fernando Lara per i romanzi. I suoi personaggi principali sono: Carmen Trilla - una donna chiusa in un matrimonio infelice - e il capitano dell'esercito Federico Escofet.

Tutto si svolge in tempi in cui il Capitano Escofet ha avuto un ruolo importante in Spagna e nella lotta per l'indipendenza della Catalogna. Carmen, dal canto suo, ha vissuto momenti difficili, poiché era un periodo in cui le donne non avevano voce né voto. Entrambi vivono un amore ribelle che combatte contro la società e i conflitti di quel periodo. Una grande storia che cattura il lettore e lo avvolge in una difficile realtà vissuta dagli spagnoli.

Mille baci proibiti (2020)

Dopo il successo del suo libro precedente, Ónega presenta questo romanzo romantico contemporaneo, ambientato sulla Gran Via de Madrid. La storia inizia con l'incontro casuale tra Costanza - avvocato e da poco divorziato - e Mauro - prete arrivato da poco da Roma. La causalità ha unito due destinazioni che nella loro giovinezza vivevano una grande illusione, e che per vari motivi hanno dovuto separarsi.

I protagonisti, incontrandosi dopo 20 anni, rivivono tutte quelle sensazioni che erano state lasciate in sospeso. Dopo di ciò, scoppia una lotta interna di emozioni, passione e dinieghi perché è una relazione impossibile. Questa storia - narrata in terza persona - È stato scritto in 41 capitoli delicati in cui due anime gemelle desiderano semplicemente un lieto fine.


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.