Stefan Zweig: libri

Stefan Zweig

Citazione di Stefan Zweig

Quando un utente di Internet richiede la ricerca "Libri di Stefan Zweig", i risultati mostrano i titoli più famosi dello scrittore, giornalista, biografo, drammaturgo e attivista sociale austriaco. In effetti, lo scrittore viennese è stato un prolifico creatore di storie, battendo record di vendite e diventando l'autore di lingua tedesca più tradotto del periodo tra le due guerre.

In particolare, Zweig è diventato molto famoso grazie a lui nouvelles (romanzi brevi). Tra questi comprendono: Paura (1920) Lettera di uno sconosciuto (1922), La confusione dei sentimenti (1927) y romanzo di scacchi (1942). Ha anche scritto diversi romanzi acclamati dalla critica, come ad esempio pietà pericolosa (1939) y L'ebbrezza della metamorfosi (pubblicato post mortem nel 1982).

La letteratura di Stefan Zweig

Zweig ha pubblicato diciassette testi biografici, un'autobiografia e più di 40 titoli tra cui libri di saggistica, racconti, opere teatrali, poesie, romanzi e nouvelles. in tutti i tuoi post lo scrittore austriaco ha mostrato meticolosità nella sua tecnica narrativa ed è stato attento alla costruzione dei suoi personaggi. Per questo motivo, gli analisti letterari lo descrivono spesso come "uno scrittore vecchio stile".

Allo stesso modo, la completezza delle sue indagini è palpabile in opere come il saggio Tre Maestri (1920), che comprende gli studi di Zweig su Balzac, Dickens e Dostoevskij. Sulla stessa linea, l'autore austriaco ha approfondito la vita e il pensiero di Friedrich Hölderlin, Heinrich von Kleist e Friedrich Nietzsche, tra gli altri.

Sinossi di tre romanzi seminali di Stefan Zweig

Lettera di uno sconosciuto (Breve einer Unbekannten, 1922)

un famoso romanziere —identificato solo come “R”— torna a Vienna dopo una vacanza, nel giorno del suo 41esimo compleanno. Quindi, prendi un lettera di una donna sconosciuto cosa dice ho letto tutto il suo lavoro e sentire intensamente innamorata di lui. La signora afferma inoltre di conoscerlo da due decenni, quando aveva otto anni e lo osservava di nascosto dalla casa accanto.

Più tardi, quando la ragazza aveva 18 anni, divenne una delle numerose cortigiane dello scrittore e rimase incinta. Nonostante le sue circostanze, sceglie di essere una madre single per non interferire con le faccende del letterato. Tuttavia, il bambino è morto e la donna misteriosa decise di scrivergli una lettera, che doveva leggere "solo dopo la sua morte".

pietà pericolosa (Ungeduld des Herzens, 1939)

Anton Hoffmiller, un ufficiale di cavalleria austro-ungarico ordinato alla frontiera dell'impero, è invitato a una festa nella casa di un ricco proprietario terriero locale. L'evento è sontuoso, diametralmente opposto alla noiosa routine della caserma. Lì, il protagonista, eccitato da glamour e vino, invita la graziosa figlia dell'ospite a ballare.

ma, in quel momento il soldato scopre che la ragazza è paralizzata a causa di una terribile malattia. A poco a poco, compassione e senso di colpa finiscono per commuovere Hofmiller, che finisce coinvolto in uno strano complotto con intenzioni apparentemente nobili. Sebbene lo scopo fosse quello di riportare in salute l'erede, il piano porta a un tragico intreccio.

romanzo de scacchi (Die Schachnovelle, 1941)

Una partita a scacchi si svolge a bordo di una nave tra due rivali ostili: il dottor B, un passeggero anonimo, contro Mirko Czentovic. Quest'ultimo è il campione del mondo e dimostra gli automatismi di una macchina. D'altra parte, le strategie del dottor B si basano sulle sue stesse esperienze angoscianti, poiché è stato imprigionato e interrogato dalla Gestapo per mesi.

Precisamente, in quella prigionia, il Dr. ha rubato un manuale di scacchi e ha ricreato compulsivamente i giochi nella sua mente come un modo per alleviare la sua sofferenza. Ma il match contro Czentovic rivive il suo trauma insieme al rispettivo “vizio scacchistico”, mentre anticipa nella sua testa i movimenti del match. Al culmine della storia, il Dr. annuncia la sua capitolazione a uno spietato rivale.

Alcuni fatti biografici su Stefan Zweig

Stefan Zweig

Stefan Zweig

Nascita e famiglia

Nacque a Vienna il 28 novembre 1881. Era il secondo figlio del matrimonio ebraico tra Moritz Zweig, un ricco uomo d'affari tessile, e Ida Brettauer, discendente di una famiglia di banchieri. Riguardo alla tua fede, l'intellettuale austriaco in seguito dichiarò che lui e suo fratello avevano ereditato la religione ebraica "solo per caso di nascita".

Influenze, gioventù e studi

Il giovane Stefan ha osato inviare le sue poesie ai giornali locali quando era solo uno studente delle superiori. Infatti, all'età di 16 anni aveva già ultimato diversi manoscritti e raccolte su Goethe, Mozart e Beethoven. Dopo, ha studiato Filosofia e Storia della Letteratura all'Università di Vienna.

Durante il periodo universitario compaiono le sue prime pubblicazioni.: i racconti sogni dimenticati (1900) y Primavera al Prater (1900), più le poesie corde d'argento (1901). Dopo aver conseguito il dottorato in Filosofia (1904), viaggiò attraverso l'Europa fino a stabilirsi a Salisburgo nel 1913. Dopo la sua partecipazione alla prima guerra mondiale, si dedicò alla predicazione del pacifismo per il resto della sua vita.

Amicizie notevoli

Stefan Zweig era un ammiratore del lavoro di Sigmund Freud (un problema palpabile nelle sue biografie e saggi). Non in vano, uno dei libri più famosi dell'autore viennese è un romanzo psicologico: pietà pericolosa (1939). Allo stesso modo, strinse amicizia con molti uomini trascendentali del suo tempo —soprattutto dopo il suo esilio nel 1934—; tra loro:

  • Eugenio Relgis
  • Hermann Hesse
  • Pierre Jean Jouve
  • Thomas Mann
  • Max reinhardt
  • Albert Einstein.

Matrimoni, vita personale e morte

Nel 1908 Zweig incontrò Friderike Maria von Winternitz, che sposò nel 1920. (hanno avuto due figlie). Lo aiutava spesso nelle sue ricerche, leggeva i libri inviati all'autore, scriveva lettere di riconoscimento per suo conto e lo sosteneva durante i suoi periodi di grave depressione. La coppia divorziarono nel 1938 e l'anno successivo la scrittrice viennese sposò Lotte Altmann.

Nel 1934, l'ascesa dell'antisemitismo lo costrinse all'esilio; ha vissuto a Parigi, Argentina, Paraguay e Brasile. Nel febbraio 1942 lo scrittore e la sua seconda moglie decisero di suicidarsi —per overdose di barbiturici— a Petropolis, Brasile. In tempi più recenti, l'eredità dell'autore viennese è tornata in auge grazie alle molteplici edizioni dei suoi testi nel corso degli anni 2010.

Biografie più note di Stefan Zweig

  • Momenti stellari dell'umanità (1927)
  • Guarigione mediante lo Spirito (1931)
  • Maria Antonietta (1932)
  • Maria stuart (1934)
  • Erasmo da Rotterdam (1934).

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.