Carl Gustav Jung: Libri

Citazione di Carl Gustav Jung

Citazione di Carl Gustav Jung

L'importanza di Carl Gustav Jung nella medicina del XNUMX° secolo è fuori di ogni dubbio. Non sorprende che sia considerato il fondatore della psicologia analitica per i suoi contributi fondamentali alla psichiatria moderna. Inoltre, questo eminente medico nato in Svizzera eccelleva in altri campi correlati, come: antropologia, filosofia, religione, letteratura e archeologia.

di conseguenza, è abbastanza ingiusto — e conciso — valutare l'eredità di Jung senza tener conto della versatilità del suo lavoro. Per questo motivo, tutti i suoi libri conosciuti sono brevemente descritti in questo articolo. In effetti, i suoi testi hanno influenzato innumerevoli scienziati e intellettuali molto importanti del suo tempo e delle generazioni a venire.

I libri e gli scritti più noti di Carl Gustav Jung

simboli di trasformazione (1912)

Wandlungen e Symbole der Libido —titolo originale in tedesco— è, nelle parole dell'autore, “un ampio commento su un'analisi pratica degli stadi prodromici della schizofrenia”. Lo studio si basava sugli appunti del dottor Théodore Fluornoy riguardo alle fantasie della signorina Frank Miller (che compaiono anche in appendice a simboli di trasformazione).

Nel testo Jung spiega che le continue allegorie al mitologia contenuto nei sogni ad occhi aperti di Miller erano indicazioni delle prime fasi della schizofrenia. Di conseguenza, la prognosi del medico svizzero era di imminente collasso schizofrenico. Ma una tale previsione non si è avverata e Jung in seguito ha affermato che il libro affronta effettivamente alcune questioni critiche della sua stessa psiche.

sette sermoni a morte (1916)

Questa raccolta di documenti gnostici è stata inizialmente pubblicata sotto uno pseudonimo e fa parte della serie Il libro rosso (Novus di fegato – pubblicato nel 2009). È un insieme delle riflessioni di Jung sui suoi "confronti con l'inconscio" e i diversi stati di coscienza. Queste deliberazioni sono state condivise solo privatamente mentre l'autore era in vita.

Tipi di personalizzazione (1921)

Questo libro è stato originariamente pubblicato in lingua tedesca con il nome di Tipologia psicologica (tipi psicologici) nel 1921. Nel 1923 fu tradotto in inglese e successivamente entrò a far parte del sesto volume di Le opere raccolte di C. G. Jung.

È considerato uno dei testi più trascendentali dello psicologo svizzero a causa del suo approccio alle quattro funzioni della coscienza. Jung li ha raggruppati in funzioni non razionali (sensazione e intuizione) e funzioni di giudizio o razionali (pensiero e sentimento). A loro volta, questi sono modificati dai due principali tipi di atteggiamento: estroverso e introverso.

L'uomo moderno in cerca di un'anima (1933)

Questo saggio riflette su alcune delle esperienze drammatiche di Jung alla fine degli anni '1920 e all'inizio degli anni '30. copre diversi argomenti legati allo gnosticismo, alla teologia, alla filosofia dell'Estremo Oriente e alla spiritualità in generale. Per fare ciò, l'autore ha fatto ricorso all'analisi dei sogni e all'applicazione di questa tecnica a fini psicoterapeutici.

Jung, inoltre, esplorò -secondo lui- le fasi della vita (dalla prospettiva dell'uomo arcaico) e confrontò le sue teorie con quelle di Sigmund Freud. Dopo, l'autore discute il rapporto tra psicologia e letteratura prima di culminare in una meditazione sui problemi spirituali dell'uomo moderno nel dopoguerra. prima guerra mondiale.

psicologia e alchimia (1944)

Questo titolo compare anche nel dodicesimo volume di Le opere raccolte di C. G. Jung. Il testo esplora le analogie tra l'alchimia —l'ipotesi centrale di Jung sulla coscienza collettiva—, il dogma cristiano e il simbolismo psicologico. Allo stesso modo, l'autore spiega l'interrelazione tra i processi chimici e le componenti mistiche parallele dell'alchimia.

Rispondi a lavoro (1952)

Rispondi a Hiob -nome originale in tedesco- è un'opera che rimanda al significato del Libro di Giobbe della Bibbia. Per Jung, questi brani biblici costituiscono il "dramma divino" del cristianesimo e riaffermano l'unità tra Dio e l'essere umano. L'argomento e lo sviluppo di questo libro è stato elogiato da personalità come il teologo John Shelby Spong e lo scrittore Joyce C. Oates..

ricordi, sogni, pensieri (1962)

Erinnerungen, Träume, Gedanken -Nome originale- è un'autobiografia di Carl Jung scritta insieme ad Aniela Jaffé. Il libro è stato pubblicato in tedesco un anno dopo la sua morte (avvenuta il 6 giugno 1961) e in inglese nel 1963. Il testo copre i dettagli dell'infanzia dello psicologo svizzero, la sua vita personale e l'esplorazione della sua psiche.

L'uomo ei suoi simboli (1964)

Jung ha contribuito alla prima parte di questo libro —chiamato “Un approccio all'inconscio”— ed è stata la sua ultima opera scritta prima di morire. Gli altri autori sono: Joseph L. Henderson ("Miti primitivi e uomo moderno"), Marie-Louise von Franz ("Il processo di individualizzazione"), Aniela Jaffé ("Simbolismo nelle arti plastiche") e Jolande Jacobi (" I simbolismi all'interno di un'analisi individuale”).

Lo scopo della pubblicazione era, attraverso numerose illustrazioni e descrizioni, di spiegare chiaramente le teorie di Jung a lettori non specialisti. Un fatto curioso di questo libro è che Jung ne ha rifiutato la realizzazione in prima istanza. Tuttavia, ha cambiato idea in gran parte a causa del gran numero di lettori che gli hanno scritto attraverso la BBC.

Sintesi biografica

Carl Gustav Jung

Carl Gustav Jung

Nascita, infanzia e studi

Karl Gustav Jung (nome germanico) nacque a Kesswil, Turgovia, Svizzera, il 26 luglio 1875. Suo padre, Paul Jung, era uno psicologo e pastore. piccolo carlo ha avuto un'infanzia solitaria, molto segnata dalle osservazioni sul comportamento dei suoi genitori e quelli intorno a lui, nel tentativo di capirli.

Allo stesso modo, la vivida immaginazione della sua infanzia alimentava il suo bisogno di analizzare le credenze religiose, in particolare quelle del padre, e le tradizioni della sua terra natale. Perciò, La sua scelta di studiare psicologia all'Università di Basilea era abbastanza logica. (1895 – 1900), così come il suo master presso l'Università di Zurigo (1905).

Alcuni aspetti della sua vita professionale e personale

Jung sposò nel 1905 la figlia di un ricco uomo d'affari, Emma Rauschenbach, dalla quale ebbe cinque figli: Agathe, Franz, Marianne ed Helene. Sebbene la coppia sia rimasta insieme fino alla sua morte nel 1955, vari storici hanno notato almeno un paio di relazioni extraconiugali con Sabina Spielrein e Toni Wolff.

Allo stesso modo, lo psicologo svizzero ha partecipato alla prima guerra mondiale arruolato come medico nell'esercito britannico. Tuttavia, la neutralità della Svizzera significava che il suo personale medico prestava servizio da entrambe le parti della guerra. Poco prima del conflitto bellico, Jung finì di prendere le distanze dal dottor Sigmund Freud (Insieme svilupparono quelle che sarebbero diventate le basi della psicoanalisi).


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.