Libri per mangiarli: storie tra i fornelli.

Romanzi gastronomici: la letteratura dei sensi.

Romanzo gastronomico: la letteratura dei sensi.

Di cosa parla il cibo, che, intrappolato tra una bella storia, attira così tanti lettori? Romanzo gastronomico con chef come protagonisti, storie biografiche o di fantasia con la cucina come palcoscenico principale, avventura dove la gastronomia gioca un ruolo di primo piano, e anche quello letterario includono nelle loro pagine le ricette dei piatti che vi compaiono.

Non è giusto citarne alcuni perché non è possibile citarli tutti, né sarebbe giusto lasciarli nell'oblio solo perché ci sono così tanti capolavori in questo genere che non stanno tutti in un unico articolo.

Di quei romanzi con ricette ...

Il primo romanzo in cui mi sono trovato, inaspettatamente, molte ricette è stato L'uomo non vive di solo caviale dalla mano di uno dei grandi della letteratura tedesca, Johannes M. Simmel (Vienna, 1924-2009). Un romanzo Di spie! In cui un banchiere londinese, chiamiamolo Thomas Lieven, tradito dai suoi compatrioti nel mezzo della Seconda Guerra Mondiale, diventa una spia indipendente e conquista tutte le fazioni ei personaggi più diversi con la sua eleganza inglese e le buone arti in cucina.

«Il cittadino Thomas Lieven fu costretto a combattere nel corso di azioni tanto impressionanti quanto grottesche contro le seguenti organizzazioni: l'Abwehr tedesco e la Gestapo, i servizi segreti britannici, il Deuxième Bureau francese, il Federal Bureau of Investigation americano e il Soviet Servizio di sicurezza statale. "

L'autore incluso in ogni capitolo le ricette dei piatti che compaiono in esso. Piatti del mondo, riassunti abbastanza magistralmente in cQualsiasi buongustaio può sfoggiare un trattamento imprevisto, con cui non avrebbe mai osato se non fosse stato il suo lettore.

Vive tra le pentole, chi non ricorda Like Water for Chocolate?

Laura Esquivel (Messico, 1950) ha scritto nel 1989 questo capolavoro di realismo magico, che è considerato uno dei romanzi più rilevanti del XX secolo. Tradotto in più di trenta lingue. Nel pieno della rivoluzione messicana, la storia d'amore tra una cuoca, Tita e Pedro, innamorati fin da bambini, che diventa marito di sua sorella Rosaura, a causa degli impedimenti della madre a sposare Tita. Pedro e Rosaura hanno un figlio, che Tita alleva come suo, a causa della malattia di Rosaura. Il bambino muore e l'unico rifugio di Tita è la cucina. In una storia di passioni, tristezza e oppressione raccontata come in una favola, dove le fate soffrono e piangono. Non ci sono ricette a Como Agua para el Chocolate, ma quando il lettore chiude l'ultima pagina, ha la sensazione di aver passato gli ultimi anni nella cucina di Tita, con la voglia di passare gli anni successivi a cucinare quaglie in salsa di petali di rosa.

La cucina: confidenze ed emozioni dove nessuno può sentirle.

La cucina: confidenze ed emozioni dove nessuno può sentirle.

Lo chef vive.

Dal realismo magico al realismo quasi escatologico, selvaggio, comico e talvolta crudele de Il cuoco, il lavoro di Simon Wroe (Camberwell, 1982)

"A dire il vero, la mia passione è la scrittrice, ma siccome il successo e la fama, che indubbiamente merito, sembravano ritardati, ho dovuto affrontare il problema più immediato, cioè pagare l'affitto"

Nel suo primo romanzo, lo scrittore-chef, ci racconta la sua vita nelle cucine di uno slum, El Swam, con un boss e torturatore pazzo e alcuni colleghi che sono nella saga o non sopravvivono più di pochi giorni in la squadra, i suoi rapporti con un padre tossico di cui non riesce a liberarsi, non nella sua testa, non nella sua squallida stanza. Dopo aver letto questo libro, è difficile tornare in un ristorante senza pensare a quali scene macabre stanno accadendo dietro la porta della cucina.

La gastronomia come sfondo del romanzo poliziesco.

Un cuoco spagnolo, Xavier Gutierrez (San Sebastián 1960), dal ristorante Arzak, esplora a nuovo genere, la Noir gastronomico, in quella in cui le vittime sono legate alla gastronomia o al mondo del vino. Produttori di vino, critici gastronomici o Il nome della serie di romanzi dice tutto: Il profumo del crimine. Il suo protagonista, un ufficiale dell'Ertzaintza, di nome Vicente Parra. Una combinazione impossibile da dimenticare.

Il romanzo gastronomico, quella combinazione di arti che consola le nostre menti stimolando il nostro appetito.


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.