Libri con i finali migliori

Cento anni di solitudine

Molte volte, parlando di letteratura con amici e letteratura, è venuta fuori quella frase curiosa: "il libro non è stato un grosso problema, ma alla fine valeva la pena leggerlo". Ed è allora che ci si chiede, vale la pena un libro se il suo esito non ci lascia con un buon gusto in bocca? La risoluzione di un fotogramma è sopravvalutata? Passiamo in rassegna questi seguenti libri con i finali migliori La cui revisione inizia con le ultime frasi di ciascuna.

Cent'anni di solitudine, di Gabriel García Márquez

Cent'anni di solitudine

Tuttavia, prima di giungere al verso finale, aveva già capito che non sarebbe mai uscito da quella stanza, poiché era previsto che la città degli specchi (o dei miraggi) sarebbe stata spazzata via dal vento e bandita dalla memoria degli uomini nell'istante in cui Aureliano Babilonia aveva appena decifrato i rotoli, e che tutto ciò che vi era scritto era irripetibile da sempre e per sempre perché i lignaggi condannati a cento anni di solitudine non avevano una seconda possibilità sulla terra.

Un mio vecchio amico era uno di quelli che ha detto quella frase menzionata nell'introduzione quando ho scoperto che indossava ancora Cent'anni di solitudine nella borsa. Subito dopo, anch'io ho avuto il coraggio di immergermi nelle storie di la Buendía e di quella città perduta dei Caraibi colombiani chiamata Macondo. Giorni di consultazione dell'albero genealogico dei suoi personaggi in un diagramma di Google, di collegamento di storie e di attesa di un epico finale che, in parte, conferma lo status di capolavoro della grande storia del nostro amico Gabo.

Via col vento, di Margaret Mitchell

Via col vento di Margaret Mitchell

«Domani penserò a tutto questo, a Tara. Là sarà più facile per me sopportarlo. Sì, domani penserò a un modo per parlare con Rhett. Dopotutto, domani sarà un altro giorno ”.

Con questa frase Ciò che il vento ha preso, un romanzo multi-venditore di Margaret Mitchell pubblicato nel 1936 e adattato per il cinema nel 1939, ha lasciato un finale aperto all'immaginazione di un lettore che per tutte le pagine ha seguito la storia d'amore e di crepacuore di Scarlett O'Hara e Rhett Butler, personaggi costretti a sopravvivere nel mezzo della Guerra Civile. La domanda è: pensi che Scarlett avrebbe finalmente trovato un modo per riavere Rhett?

Delitto e castigo, di Fyodor Dostoevsky

Delitto e castigo

Ma qui inizia un'altra storia, quella del lento rinnovamento di un uomo, quella della sua progressiva rigenerazione, del suo graduale passaggio da un mondo all'altro e della sua sconcertante conoscenza di una realtà totalmente sconosciuta. In tutto questo ci sarebbe materiale per una nuova narrazione, ma la nostra è finita.

Durante tutto il lavoro di Dostoevskij, il lettore ha incontrato anche i demoni di Rodion Raskolnikov, uno studente che un giorno ha deciso di uccidere un usuraio e rubare tutti i suoi soldi per aspirare alla vita di successo che credeva di meritare. E nonostante una narrazione che molti continuano a considerare complicata a seconda di quale pubblico, il lavoro si stava dirigendo verso un epilogo con arie di lieto fine nonostante l'infamia che la storia ha distillato in gran parte della trama.

Ti piacerebbe rileggere Delitto e castigo?

Il piccolo principe, di Antoine de Saint-Exupéry

Il piccolo principe di Antoine de Saint-Exupéry

Esaminalo attentamente così da sapere come riconoscerlo, se un giorno, viaggiando per l'Africa, attraversi il deserto. Se vi capita di passare, non affrettatevi, vi prego, e fermatevi un po ', proprio sotto la stella. Se un bambino viene da te, se ride e ha i capelli d'oro e non risponde mai alle tue domande, indovinerai immediatamente chi è. Sii gentile con lui! E fammi sapere subito che sei tornato. Non lasciarmi così triste!

E così è finito uno dei le opere più senza tempo della storia. Perché così Saint-Exupéry si è trasformato in un aviatore sperduto in mezzo al deserto, tutti noi abbiamo riacquistato la fede nel mondo grazie a quel bambino venuto dallo spazio per analizzare meglio la nostra società degli stessi esperti. Uno dei libri con i migliori finali, senza dubbio.

Leggere Il Piccolo Principe?

Ana Karenina, di León Tolstoy

Anna Karenina

Ma da oggi la mia vita, tutta la mia vita, qualunque cosa possa accadere, non sarà più irragionevole, non sarà priva di significato come è stata fino ad ora, ma in ogni suo momento avrà l'indubbio senso di bene, che devo infondere in esso.

Nonostante una prima edizione che suscitò discordia tra Tolstoj ei suoi editori, il tempo finì finalmente per confermare la grandezza dell'esito di uno dei grandi opere della letteratura russa. La determinazione di Vronsky, che anela a morire dopo il suicidio di Anna Karenina, concentrandosi su una vita più semplice e instillando le migliori intenzioni attraverso la figlia del protagonista, è diventato un risultato più che positivo.

Canne e argilla, di Vicente Blasco Ibáñez

Canne e fango

E mentre il lamento dello zio Tòni squarciava il silenzio dell'alba come un grido di disperazione, La Borda, vedendo la schiena del padre, si sporse sul bordo della tomba e baciò la testa livida con un bacio ardente, di immensa passione, d'amore. senza speranza, osando, davanti al mistero della morte, rivelare per la prima volta il segreto della sua vita.

Il triangolo formato da Tonet, Neleta e La Borda in Canne e fango Si è conclusa con la morte di Tonet e l'intenzione della sorella adottiva di confessare un segreto che ha portato per tutto il romanzo.

La Regenta, di Leopoldo Alas Clarín

la Regenta

Dopo la chiusura era preoccupato di aver sentito qualcosa lì dentro; premette il viso contro il cancello e guardò verso il fondo della cappella, scrutando nell'oscurità. Sotto la lampada immaginò di vedere un'ombra più grande di altre volte ... E poi raddoppiò la sua attenzione e udì un fruscio come un debole gemito, come un sospiro.Oppure, entrava e riconosceva lo sgomento Reggente.Il Celedonio provava un desiderio miserabile, una perversione della perversione della sua lussuria: e per godere di uno strano piacere, o per provare se gli piaceva, chinava la sua faccia disgustosa su quella di il reggente e baciò le labbra. Ana è tornata in vita strappando le nebbie di un delirio che le ha causato nausare come. credeva di sentire sulla bocca il ventre viscido e freddo di un rospo.

E così, Ana, protagonista di la Regenta, ha ceduto all'emarginazione da parte del popolo di Vecchio, quel luogo nelle province dove Clarín fece una delle grandi critiche alla società La Restauración.

Quali sono per te i libri con i finali migliori?


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.