Libri che preferiamo? vedere leggere. _Cyrano de Bergerac_, _The Phantom of the Opera_ e _Les miserables_

Libri che vediamo.

Vedere per leggere. Ammettiamolo, lo faccio: con alcuni libri non possiamo. Lungo, "spesso", difficile da seguire ... O semplicemente, e ovviamente è così per i più pigri, chi sono le loro versioni cinematografiche. Versioni che riassumono o adattano questi testi originali e li rendono più leggeri o più digeribili. O anche se li abbiamo letti, dobbiamo ammetterlo preferiamo "vederli".

Di solito ci capita soprattutto con Grandi opere dei migliori scrittori della storia. Anche se quelle versioni sono di gran lunga inferiori ai loro riferimenti letterari. Inoltre, di alcuni ce ne sono diversi tra cui scegliere. Oggi Sto parlando di tre grandi classici francesi. Lascia che ognuno applichi il proprio.

Cyrano de Bergerac - Edmond Rostand

Uno vede la parola Cyrano e l'altro è il volto (e il naso) di Gérard Depardieu. O forse il più vecchio del posto che vedono è quello di Jose Ferrer. O forse a Jose Maria Flotats, che lo hanno suonato da queste parti. Ma alza la mano chi ha letto i versi alessandrini del giocare che ha scritto il neoromantico francese Edmond Rostand e ha debuttato in 1897.

Insomma, ci sono innumerevoli volti nel cinema o in teatro nel tempo, ma quelli di Depardieu e Ferrer sono quelli che ricordiamo di più. Anche il più riuscito. Entrambi gli attori sono stati nominati per un Oscar (Ferrer lo ha vinto) per averlo riportato in vita Hercule-Savinien di Cyrano de Bergerac, il soldato del Settecento, poeta e riferimento romantico per eccellenza quale fu. 

Abbiamo visto tutti alcune delle sue versioni. Da quello di Ferrer nel 1950 a quello di Depardieu nel 1990, soprattutto quest'ultimo, che se ascoltato in francese raggiunge il sublime. E onestamente, ancora non lo leggo.

Il Fantasma dell'Opera - Gaston Leroux

Il phaaaantom dell'opera è qui ... nella mia mente ...

Perché è quello che angolo quando guardo quelle lettere. Non mi attengo a nessuna delle sue versioni cinematografiche, ma al musicale. Questo e il prossimo titolo sono considerati i migliori della storia. E se allo staff è stato chiesto dell'autore dell'opera letteraria, sicuramente molti hanno dato il nome di Andrew Lloyd Webber.

Il famoso compositore inglese ha rubato il sito al suo vero creatore, il Giornalista e scrittore francese Gaston Leroux. Autore prolifico di genere horror gotico e mistero, Leroux ha pubblicato il suo titolo più famoso in 1910. Ma colui che l'ha elevata alla gloria eterna è stato Webber con il libretto di un musical indimenticabile.

Sono innumerevoli i volti e le voci che i grandi cantanti di tutto il mondo hanno messo su di esso, dal mitico Michael Crawford fino alla grande Geronimo Rauch nella sua versione spagnola e anche in Londra. Alzi la mano chi ha visitato la capitale britannica e non ha visto quel poster sulla facciata del Teatro di Sua Maestà su Haymarket Street. Una parte del mio cuore più musicale è rimasta lì tre volte.

Ovviamente evidenzierò anche il file versione cinematografica del 1943 con uno dei miei attori classici preferiti, Claude Rains . Prima c'è quello di Lon Chaney Senior. E l'ultimo in cui ha recitato Gerald maggiordomo nel 2004. E ... non l'ho letto neanche io.

I Miserabili - Victor Hugo

Senti le persone cantare?

Cosa dire? Questo è uno dei più romanzi importanti di tutti i tempi. Ma alzi la mano chi l'ha letto INTERO. Non potevo e questa volta ci ho provato. Molto semplicemente, e nonostante i sostenitori dello scrittore francese, il alto musical di Claude-Michel Schönberg e Alain Boublil l'opera letteraria è stata mangiata.

La storia immortale del prigioniero Jean valjean, il suo implacabile inseguitore Javert, il piccolo Cosette e gli sfortunati Fantine è già infuso con altri testi e musica altrettanto immortali. Se qualcuno non ha ancora visto il musical, lascia che faccia del suo meglio per farlo, o almeno ascoltalo.

Ce ne sono stati anche molti cantanti che hanno prestato loro una voce. Dal più storico Colm Wilkinson fino all'ultimo e molto cinematografico Hugh Jackman. E in spagnolo, ancora l'argentino Rauch. Prometto di leggerne più della metà. Ma un giorno non ce la facevo più. E lì continua.

Comunque

Che cosa più titoli avete? Dai, fai quella lista.


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.