Il compleanno di Jo Nesbø: i lettori ei loro libri e momenti preferiti

Jo Nesbo. Fotografia di Rosdiana Ciaravolo (Getty Images)

Jo Nesbo celebrare il loro oggi 62 giri intorno al sole e così celebriamo i suoi seguaci, che sono legioni in tutto il mondo. Questa volta ci dedichiamo alcune lettere ai suoi libri, per evidenziare quei momenti speciali, per quanto importanti, scioccanti, agghiaccianti o eccitanti. Naturalmente, quelli che compongono la serie di Harry Hole e altri titoli. Grazie mille a tutti coloro che hanno partecipatooppure attraverso i social network e i gruppi di lettori di questo scrittore nordico che resta ai vertici del genere noir. Ad aprile arriva il suo nuovo libro, l'uomo geloso.

Jo Nesbø — A proposito dei suoi libri

Queste sono alcune opinioni raccolte su Twitter e Facebook, da lettori anonimi e gruppi come Enganchados a Jo Nesbø.

  • James Bonfill (editore di Reservoir Books)

Con molta concorrenza, forse Nemesi, poiché parla di rapine, appare Beate, uno dei miei personaggi preferiti, e ha una sottotrama con gli zingari norvegesi.

  • Isabel (lettore)

Quello che mi ha colpito di più è stato Il leopardo, anche dalla serie Harry Hole Macbeth, L'erede y Il Regno. Sono brutali.

Mi piace l'ambientazione nordica perché non cade nei cliché e non si sofferma su di essi. Le trame sono imprevedibili e il personaggio di Harry con i suoi demoni è come una seconda trama. Con lui ti ecciti, ridi e ti spaventi allo stesso tempo, e quando finisci ti manca.

  • Ricardo Gamondes (lettore)

fantasma ha una delle aperture più elettrizzanti di Jo Nesbø, con quel topo che blocca la sua strada verso i suoi piccoli.

  • Maby Somavilla (lettore)

Il leopardo, con il tema di quello mela come strumento di tortura, era agghiacciante.

Sto finendo il mio primo libro su Nesbo: Robin. Così Ho appena incontrato Harry Hole. So che non so molto del suo passato e del suo futuro, quindi ti dico che prenderei un caffè con lui, niente alcol per potermi parlare della sua famiglia, soprattutto di sua sorella e dei film , di letteratura... Non credo fosse disposto a parlare di molto di più. È molto geloso della sua intimità e dei suoi sentimenti che protegge con quell'aspetto da duro, ma tenero dentro. Mi piace la tua indipendenza quando si tratta di posizionarsi e di non cercare di rendere come lui nessuno, la sua onestà, la sua perseveranza nella ricerca della verità. Non è un uomo facile con cui convivere, ovviamente, ma penso Continuerò a conoscerlo meglio attraverso i libri.

  • Nuria Alvarez (lettore)

È passato molto tempo da quando ho letto, per me, la migliore scena di Nesbø. Forse per quello che ho provato, per come me lo ha messo addosso, e per la mia faccia di assoluto stupore. Era dentro Il Redentore, il quinto della serie Harry Hole. E il momento era già la fine, quando Hole parla con il suo capo Møller, un uomo integro, leale, onesto e una brava persona. Tuttavia, quel finale di svolta mi ha lasciato senza parole e lo sguardo perduto. Non potevo crederci. È uno di quelli che mi ha colpito di più.

  • Arantxa Garcia Ramos (lettore)

Sono venuto a Nesbø (come la stragrande maggioranza) attraverso Robin.

Non avevo mai sentito quel cognome così facile da pronunciare prima (rispetto al resto dei suoi colleghi nordici) e mi ha catturato la sinossi di un libro che ha unito due delle mie grandi passioni: i gialli e la seconda guerra mondiale. Tuttavia, non poteva immaginare di aprire la porta a qualcosa di molto più grande. Nesbø e il suo tormentato ma sempre amato Harry Hole mi hanno colpito fino al midollo e stavo bevendo uno dopo l'altro tutti i libri della serie finché, all'improvviso, wham!: Il leopardo.

Capisco tutte quelle menti per le quali Il leopardo era troppo, per chi doveva chiudere il libro, ma per me invece ha prodotto un intoppo così brutale che fino ad oggi non ho rilasciato Jo o Harry o nessuno dei loro colleghi.

E sì, nonostante la dipendenza, io sono di quella specie rara che non fa tremare il polso aprendo un libro in cui sa che gli mancherà Hole (dopotutto è il mio odiato migliore amico). Ma sappiamo tutti che Nesbø ci compenserà aprendo crepe nei nostri cuori in modo che gli esseri piacciano Sonny Lofthus (L'erede), nuovi arrivi Roy e Carl (Il Regno) o quello Roger Brown (Headhunters), che mi ha tenuto incollato al sedile durante un viaggio in treno a Barcellona che speravo non finisse mai (e avevo paura, lo ammetto).

L'unica cosa che non ti perdonerò mai, Jo, è quello che mi hai fatto Polizia. Non giocare con quello.

Davvero, lanciati senza paura e senza pregiudizi. Nesbo Non è un puro romanzo nero nordico, è qualcosa di più grande. È la luce che si fa strada nell'oscurità più assoluta.


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.