Raccomandazioni letterarie per commemorare "Market Garden"

copertina del libro

Copertina dell'edizione inglese del libro «a bridge too far»

Oggi, 17 settembre 2016, Sono passati 72 anni dall'operazione "L'orto del mercato". Una delle operazioni più importanti svolte dagli alleati nel quadro della seconda guerra mondiale.

Il piano di Montgomery era di liberare l'Olanda attraverso un attacco combinato tra una forza aviotrasportata che avrebbe dovuto mantenere intatti un certo numero di ponti chiave (Settore) e una forza terrestre che ha dovuto unire questi ponti mentre avanzava (Giardino).

Infine, ciò che ci si aspettava non è stato raggiunto e gli Alleati hanno dovuto prolungare la guerra per alcuni mesi in più a causa di l'impossibilità di liberare l'Olanda nel mese di settembre. I tedeschi quindi vinsero tatticamente la battaglia.  e hanno smascherato gli errori di approccio di Montgomery.

In ogni caso questa operazione è una delle più studiate per l'ampiezza del personale e del materiale destinato alla sua realizzazione. Dobbiamo considerare che siamo davanti a lui più grande calo di paracadutisti e forze aviotrasportate in una singola battaglia nella storia. Tutto questo con il disastroso esito di un totale di circa 18.560 soldati alleati e tedeschi uccisi. Dati ai quali bisogna aggiungere un numero indeterminato, ma elevato, di vittime tra i civili olandesi.

Vorrei saperne un po 'di più su detto capitolo storico e apprezzare in prima persona il sacrificio dei soldati, da una parte e dall'altra, durante i terribili combattimenti che hanno avuto luogo sul suolo olandese, di consigliare due libri che secondo me sono fondamentali per affrontare questa battaglia.

Prima di tutto, voglio parlarvi di quello che forse è il libro per eccellenza di "Market Garden " e quello che, agli amanti del cinema, risulterà più familiare per il suo adattamento diretto da Richard Attenborough con lo stesso titolo. Mi riferisco al libro scritto da Cornelius Ryan dal titolo "A Bridge Too Far".

Cornelius Ryan è considerato uno degli scrittori che si riferisce al tema della seconda guerra mondiale. Fatto che si basa sulla pubblicazione del suddetto libro e di un altro dal titolo: "Il giorno più lungo", portato sul grande schermo anche da Ken Annakin, Andrew Marton e Bernhard Wicki.

Le sue esperienze come corrispondente di guerra durante il conflitto gli hanno permesso di scrivere queste opere in modo magistrale. Pertanto, per me, "Un ponte molto distante" deve essere il libro da comodino di tutti coloro che sono interessati a questo capitolo della guerra che ha colpito l'Europa a metà del XX secolo.

Infine, vorrei presentarvi un altro libro che considero una meraviglia per il suo rigore storico e lo stile letterario. Sto parlando di "Sconfitta sul Reno" di Antonio Muñoz.

14359229_10154134078209051_8122110266835862584_n

Libro «Sconfitta sul Reno» di Antonio Muñoz.

Un lavoro fantastico che ci permette di capire quali aspetti hanno portato alla sconfitta tattica degli alleati, quali conseguenze storiche ha comportato questa sconfitta e quale portata di risorse belliche ha comportato tale impresa. Lavoro che, quindi, credo debba figurare nella mia selezione personale per commemorare questo anniversario.

Vi saluto e vi invito a imparare leggendo dal passato in modo che, nel presente, nessuno commetta gli stessi errori e si rammarica di non averli letti quando suonava.

Buon fine settimana.

 


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.

bool (vero)