Le quattro stagioni di Manuela

manuela_1 manuela_2 manuela_3

Manuela Saenz Era l'ultimo grande amore del Liberatore, Don Simon Bolivar. Lo ha accompagnato durante i suoi ultimi otto anni, dove la realtà politica che lo teneva in tensione, e addirittura lo affliggeva, era stata abbastanza dura da finire per ucciderlo con la tubercolosi. Manuela lo ha sempre aiutato. Manuela lo ha sempre amato. Con un carattere intemperente, euforico, calcolatore, anche se inconsapevole in molti casi, Manuela si è arresa al suo amore e al suo odio, senza limitare in alcun modo la sua emozione. Ed è sempre stato fedele al Liberatore, anche dopo la sua morte.

«Le quattro stagioni di Manuela»È un libro di Victor von Hagen, che copre, appunto, le quattro stagioni de "La Sáenz" e gli incidenti accaduti durante la sua storia d'amore con il Liberatore. Ripercorrendo i momenti più significativi della Rivoluzione liberatrice in America Latina, entriamo nel mondo di personaggi mitici come quelli che furono i nostri stessi fondatori.

Un lavoro che ho appena letto e che consiglio vivamente. L'autore è un antropologo ed etnologo, e si è distinto anche in opere come «Il mondo dei Maya", O"L'impero degli Incas«. Ma, personalmente, penso che abbia scoperto, con questo libro, la verità di una donna che ha fatto la storia. Essendo che le opere delle grandi donne di solito sono lasciate passare, per questo motivo "la storia è raccontata dai vincitori e dai machisti".

Manuela Sáenz era molto, Manuela era "la Liberatrice del Liberatore".


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

6 commenti, lascia il tuo

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.

  1.   Blog di letteratura suddetto

    Ho adorato questa recensione. Metterò un link nel mio prossimo "Il meglio della quindicina". Saluti!

  2.   Jose Castellano suddetto

    Ho letto il libro qualche anno fa e l'ho cercato per comprarlo e non riesco a trovarlo, ovviamente è un'opera che nobilita la figura del liberatore del liberatore.

  3.   Feipe Ek-Kaleins suddetto

    Mi rattrista molto il fatto che nel commento al libro, nemmeno la più piccola parola si riferisca a ciò che realmente erano i compagni di Bolivar nella sua azione, perché tutti lo hanno tradito, soprattutto Santander, che era un uomo molto ambizioso e ladino. Mi piace che l'abbia detto Von Hagen perché non è nemmeno colombiano o venezuelano, nemmeno latinoamericano, quindi non lo chiamano sovversivo o comunista o almeno parziale. La realtà che il libro menziona è che la maggioranza ha tradito non solo Bolivar ma anche l'America Latina; l'unico rimasto fedele fino alla fine è stato l'Ecuadoriano. Mi rattrista, dico perché Von Hagen insiste su questo, soprattutto nell'atteggiamento di Santander quando è tornato dall'esilio perché Bolivar è morto. La prima cosa che ha fatto, secondo Von Hagen, e gli credo perché sostiene le sue affermazioni con una bibliografia travolgente, bandire Manuelita perché era inorridita da lei e poiché la società ignorante non la capiva, è morta a Paita in solitudine, fraintesa e accusata da tutti, compresi molti del clero cattolico che ancora la condannano. Lo scrittore è un cristiano cattolico militante. So che alla fine Santader fece come gli avevano detto i consoli gringo britannici, perché era nemico della comunità latinoamericana. Leggi la poesia Oda a Roosvelt di Ruén Dario; era anche un sognatore. I latinoamericani vogliono pensare e parlare in inglese; non c'è più dignità. Dove sono i cuccioli sciolti del leone spagnolo? Sono diventati gattini addomesticati.

  4.   Diego Hugo Andrade suddetto

    Il miglior romanzo sulla fine di Bolívar è stato appena pubblicato in America Latina: «Tutto porterà il suo nome», dello scrittore spagnolo Fermín Goñi, che ha realizzato un magnifico romanzo sul generale Francisco de Miranda. devi seguire questo autore ...

  5.   Rodrigo Villamil suddetto

    Ho letto questo libro meraviglioso, molti anni fa, 40 anni fa. Vorrei rileggere, PDF, è un'opzione.

  6.   Noraima suddetto

    Saluti, dove posso trovare il libro Le quattro stagioni di Manuela Saenz. Grazie