Le nuove generazioni leggono di meno?

Le nuove generazioni leggono di meno?

Le nuove generazioni leggono di meno?

Primo, è necessario essere chiari sui criteri per classificare l'intervallo di ogni generazione in base all'età delle persone. La categorizzazione più accettata oggi indica l'esistenza di tre grandi gruppi generazionali: la generazione X (nati tra il 1960 e il 1979), la generazione Y o la Millennials (nati tra il 1980 e il 1995) e la generazione Z (nati dopo il 1995).

Certo, non è una considerazione capace di lasciare tutti felici. Alcuni specialisti in psicologia insistono per aggiungere un nuovo gruppo: la generazione T, riguardante le persone nate dopo il 2010. Pertanto, è necessario esaminare le caratteristiche comuni di ciascuna generazione per rispondere alla domanda iniziale, «Le nuove generazioni leggono di meno?» La cosa più semplice sarebbe intuire che la risposta è "Sì, leggono di meno", ma…

I Millennials leggi di più

L'apparenza inganna. Sarebbe molto facile credere che la generazione X, o anche la cosiddetta baby boomer (nati tra il 1946 e il 1959) hanno una maggiore predilezione per la lettura, ma non è così. Sebbene Millennials sono diventati la prima generazione iperconnessa attraverso Internet, con alti valori etici e sociali, non hanno abbandonato i libri fisici per sostituirli con testi digitali.

Al contrario, secondo uno studio pubblicato da L'editor esperto degli Stati Uniti, durante il 2019 l'80% del Millennials leggere un libro in qualsiasi formato, di cui fino al 72% legge una copia stampata. Lo stesso post lo afferma dei Millennials Gli americani leggono una media di cinque libri all'anno. Allo stesso modo, al momento dell'acquisto non sono così consapevoli dell'autore quanto del design, del prezzo e della copertina.

Inoltre, la generazione Y ha incorporato la lettura online come elemento quotidiano della propria vita (Independent, 2016). Non è strano, c'è biblioteche digitali con tanto materiale consultabile gratuitamente. Di conseguenza, la lettura settimanale media - in quelli Millennials nato in America Latina, ad esempio, supera facilmente le 6 ore settimanali. Sebbene portali come Amazon non riportino un calo significativo delle vendite di libri stampati, la Generazione Z potrebbe modificare radicalmente questa preferenza.

Perché la Generazione Z può dare il massimo impulso al mercato dei libri digitali?

In modo molto semplice: quelli nati dopo il 1995 sono chiaramente più tecnologici. Allo stesso modo, mostrano un maggiore coinvolgimento nei confronti delle questioni ecologiche. Perciò, Gli individui della generazione Z tendono a considerare la stampa di libri come un'attività sacrificabile, inutile, contrario alla conservazione della natura.

Non generalizziamo

Ma Ciò non significa in nessuna circostanza che i membri della generazione Z leggano meno rispetto alle altre generazioni. No. Bene, avendo un maggior numero di fornitori di media di informazioni aggiornate, lo "Z-gen" può impiegare molto tempo a consumare informazioni ... ovviamente, un'altra cosa è che se hanno un criterio ben formato per distinguere veridicità del contenuto.

Reti e loro effetto

Il fenomeno dei social network ha accentuato questa tendenza grazie alla sua capacità di mettere in contatto persone con interessi comuni, che favorisce un maggiore scambio di informazioni. Poi, libri digitali o e-book sarà probabilmente il formato preferito dai lettori degli anni '2020. Inoltre, sarà il momento in cui i nati dopo il 1995 avranno un'età più rilevante a livello commerciale. Bene, anche se è necessario limitarlo il libro fisico continua a sovraperformare il digitale in termini di vendite e gusti.

Generazione T

Per quanto riguarda la generazione T, è troppo presto per determinare quali saranno le abitudini di lettura degli esseri umani nati dopo il 2010. Allo stesso modo, è molto difficile decifrare quale sarà l'impatto commerciale di questo gruppo sul commercio di libri. Queste sono persone "Nate con un dispositivo touch sotto il braccio", catalogato attraverso algoritmi progettati per raggruppare gusti e preferenze (Links - DW, 2019).

Infine, è necessario tener conto (secondo il portale BBVA, 2018) che La generazione T ha dal 2016 oltre l'80% dei bambini con una presenza su Internet. Include le immagini dei bambini nei social network dei parenti, nonché i propri profili gestiti dai genitori. Per questo motivo, il mondo analogico è un intero universo a loro sconosciuto ... mentre l'iperconnessione è un aspetto "comune e attuale".


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

Un commento, lascia il tuo

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.

  1.   Xavier suddetto

    Buon post. I dati, principalmente dagli Stati Uniti, suppongo possano essere estrapolati all'UE. È vero che leggono di più, ma con quale qualità?
    La facilità dell'autopubblicazione ha portato a migliaia di titoli e nuovi autori che ne approfittano. Nel mercato puoi vedere la scarsa qualità dell'edizione, i disegni, le correzioni e tutto lascia molto a desiderare.
    Immagino che dia per un altro articolo. Speriamo che questo scappi. Saluti.