Lazarillo de Tormes: riassunto

Riassunto di Lazarillo de Tormes

Il Lazarillo de Tormes è uno dei libri che più mandano come lettura obbligatoria nelle scuole e negli istituti. Tuttavia, a volte, quando i bambini hanno bisogno di essere aiutati, abbiamo bisogno di un riassunto di Lazarillo de Tormes che ci aiuti a spiegare ai più piccoli tutto ciò che nasconde questo romanzo.

Vuoi avere un riassunto di Lazarillo de Tormes? Vuoi sapere tutto ciò che nasconde questa storia? Bene, allora te lo diremo.

Chi ha scritto Lazarillo de Tormes?

Davvero, Non si sa chi abbia scritto Lazarillo de Tormes. È anonimo anche se ci sono molti ricercatori e storici che hanno dato la paternità a vari scrittori.

Uno dei più antichi fu il frate Juan de Ortega, postulato dal frate José de Sigüenza. Tuttavia, ci sono più nomi come Diego Hurtado de Mendoza, Juan o Alfonso de Valdés, Sebastián de Horozco, Lope de Rueda, Pedro de Rúa, Hernán Núñez, il comandante greco, Francisco Cervantes de Salazar, Juan Arce de Otálora, Juan Maldonado, Alejo Venegas, Bartolomé Torres Naharro, Francisco de Enzinas, Fernando de Rojas o Juan Luis Vives.

Nonostante tutti questi nomi, non si sa con certezza e gli stessi ricercatori non sono d'accordo su chi fosse il vero autore, quindi rimane anonimo.

Di cosa si tratta

Lazarillo de tormes

Il Lazarillo de Tormes Racconta le avventure, della sua infanzia, di Lázaro, un ragazzo dispettoso che cerca di sopravvivere come meglio può.

Una delle sinossi che possiamo trovare nei tanti libri (visto che ci sono diversi adattamenti), ci dice:

«Lázaro, figlio di un ladro e acemilero, è rimasto orfano a Salamanca. Sarà al servizio di diversi maestri (un cieco, un hidalgo in bancarotta, un chierico avido, un frate mercenario, un buldero fasullo, ecc.), ed eserciterà vari mestieri, che permettono al narratore di fare una satira del diversi ceti della società del tempo e riflettere con ironia sul tema dell'onore".

Già un frammento del libro ci fa vedere che, nonostante usi un linguaggio più colto, si comprende bene e soprattutto si capisce quel picaresco che ha il ragazzo:

«Ebbene, fate sapere prima di tutto alla vostra VM (Vostra Misericordia) che mi chiamano Lázaro de Tormes, figlio di Tomé González e Antona Pérez, nativi di Tejares, villaggio di Salamanca. La mia nascita è stata all'interno del fiume Tormes, motivo per cui ho preso il soprannome, ed è stato così.

Mio padre, che Dio mi perdoni, era incaricato di provvedere un mulino per un'aceña, che è sulle rive di quel fiume, nel quale fu mugnaio per più di quindici anni; e quando mia madre fu una notte nel mulino ad acqua, incinta di me, lo partorì e là partorì me: affinché io possa veramente dire che sono nata nel fiume. Ebbene, quando ero un bambino di otto anni, accusavano mio padre di un'emorragia mal fatta nei sacchi di coloro che venivano lì a macinare, per cui è stato arrestato, ha confessato e non ha negato e ha subito persecuzioni per la giustizia . Spero in Dio che è in Gloria, perché il Vangelo li chiama beati. In questo tempo si fece un certo esercito contro i Mori, tra i quali fu mio padre, che in quel tempo fu esiliato per il disastro già menzionato, con la posizione di acemilero di un gentiluomo che vi andò, e col suo padrone, come un servo fedele, morì la sua vita".

Chi narra il Lazarillo de Tormes

Narratore Lazarillo de Tormes

Fonte: TimeToast

Sappiate che la storia è raccontata dal protagonista stesso, cioè da Lázaro o Lazarillo, che è colui che descrive la sua vita e agisce sia come narratore che come personaggio principale.

Questa cifra significa che il narratore, sebbene voglia esporre i fatti in modo oggettivo, non ci riesce, perché in fondo ha la voce del protagonista.

Lazarillo de Tormes: sintesi completa

Lazarillo de Tormes: sintesi completa

Fonte: scuola

Divideremo la storia in nove parti, una per ogni maestro che ha il giovane. In questo modo, sarà molto più facile per te capire e come riassunto di Lazarillo de Tormes sarà più facile vedere l'evoluzione del personaggio.

Primo maestro: il cieco

Del Lazarillo de Tormes, forse il maestro più riconosciuto e che tutti identificano è il cieco. Ma era davvero solo il primo.

In questa prima parte, la storia ci racconta l'infanzia di Lázaro, che è nato in una famiglia molto povera che vive vicino al fiume Tormes, da cui il cognome che ha. Suo padre è un ladro e un bel giorno muore. Sua madre, vedova, sposa un uomo di colore dal quale ha un figlio.

Ma sono così poveri la madre decide di dare Lazzaro a un cieco essere il suo padrone e prendersi cura di lui.

Il problema è questo il cieco è molto crudele e difficilmente gli dà da mangiare. Così, nel corso degli anni, Lázaro impara a essere malizioso, sfuggente, bugiardo, astuto e scaltro per sopravvivere.

Dopo i maltrattamenti subiti da Lázaro e la situazione insostenibile, si fa coraggio e lascia quel posto accanto al suo padrone cieco per cercare la sua vita.

Secondo Maestro: Il Chierico

Per un po' Lazzaro sarà senza padrone e si trasforma in un mendicante. Ma, a poco a poco, diventa un "operaio" di un ecclesiastico che diventa un chierichetto alle messe.

Lázaro è felice perché pensa che la sua situazione migliorerà, ma inizia a rendersi conto di essere ancora più affamato del suo primo maestro.

Cosa impari in questo caso? L'ipocrisia e la corruzione che si nasconde dietro il clero. Ed è che, dall'esterno, il sacerdote si comporta in modo molto gentile, gentile... Ma dall'interno, Lázaro sperimenta tutti gli aspetti negativi di quell'essere umano.

Dopo aver trovato un modo per uscire di lì, gravemente ferito, fugge a Toledo.

Terzo maestro: lo scudiero

A Toledo sopravvive ai primi giorni con l'elemosina che gli danno. ecco quando incontra uno scudiero che gli offre un lavoro.

Lázaro pensa che possa essere un colpo di fortuna perché stiamo parlando di un uomo con una buona posizione sociale. Ma se ne rende presto conto gli sguardi ingannano e che lo scudiero, sebbene sembri avere prestigio e onore, è in realtà povero come Lazarillo.

Quindi alla fine finisce per scappare da lui.

Quarto maestro: il Fraile de la Merced

Il Fraile de la Merced è consigliato a Lázaro da diversi vicini e decide di dargli una possibilità come maestro. Ama fare lunghe passeggiate ed è molto religioso. Da lui imparerai la promiscuità poiché non è molto empatico con le donne.

Inoltre riceve il suo primo regalo: un paio di scarpe.

Tuttavia, Lázaro si stanca di camminare così tanto e decide che non fa per lui. Quindi lo lascia.

Quinto maestro: il bouldering

Un buldero era, a quel tempo, una posizione della stessa Chiesa cattolica incaricata di consegnare tori in cambio di denaro.

Così, Lázaro si ritrova con la corruzione del clero, i trucchi, le trappole... Visto che questo non gli piace, con quel maestro dura solo quattro mesi e va alla ricerca di un altro più onesto.

Sesto maestro: il pittore

Il pittore è un maestro che passa inosservato a molti perché dura poco. Ed è che il fatto che il pittore sia tra "due mondi" fa sì che Lázaro non voglia continuare con lui.

Settimo Maestro: Il Cappellano

Nel caso del cappellano, ha un buon ricordo di lui, ed è proprio così il primo con cui inizia a lavorare impara a farlo e guadagna anche i suoi soldi.

Ma le condizioni in cui lavora sono miserevoli, anche se riesce a cambiare aspetto, vestiti, ecc. Da quattro anni lavora e risparmia il più possibile, quindi non appena ce l'ha, si licenzia.

Ottavo Maestro: Lo Sceriffo

Con l'ufficiale giudiziario succede qualcosa di simile al pittore. Non è d'accordo con i suoi pensieri, troppo negativi e legati alla morte per lo stesso Lázaro. Quindi alla fine finisce per lasciarlo in breve tempo.

Nono maestro: l'arciprete di San Salvador

L'ultimo dei maestri di Lázaro è l'arciprete di San Salvador. Con questo finisce la storia del Lazarillo poiché lo stesso arciprete lo presenta ad una serva di cui si innamora e con la quale si sposa.

La sua vita da quel momento inizia ad essere stabile e piena di felicità.

Il riassunto di Lazarillo de Tormes è più chiaro ora?


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.