Scrittura terapeutica, un vantaggio per la nostra mente

scrittura terapeutica

Probabilmente qualche volta hai sentito che stai per esplodere. La sopraffazione o la tristezza ci rendono incapaci di continuare la nostra giornata.

Esporre i nostri pensieri sulla carta può essere un modo molto efficace e salutare per sbarazzarsi di quei pensieri negativi.

In molte occasioni attraversiamo una fase in cui ci sentiamo tristi o apatici e non conosciamo il motivo di quel sentimento che ci invade. A volte è difficile canalizzare tutte quelle emozioni. Che sia rabbia, tristezza, malinconia o qualsiasi altro sentimento che ci mette in difficoltà, scriverne è un modo per curare le nostre menti e mettere in ordine le nostre idee.

Cos'è la scrittura terapeutica?

Scrittura terapeutica consiste nell'esprimere tutte le emozioni negative che ci fanno stare male. O perché è difficile per te aprirti a qualcuno o esprimere i tuoi sentimenti o perché non vuoi spiegare ciò che senti, questa terapia ti aiuterà.

Prendi un taccuino, un foglio di carta, un tovagliolo, il computer o qualsiasi altra cosa su cui puoi scrivere e rilascia tutto ciò che ti sta divorando dentro. Scrivi e basta.

Metodi di sviluppo e loro benefici

-Perdonare:

Non siamo santi. Nessuno. Probabilmente e anche se accidentalmente abbiamo ferito qualcuno. E ovviamente il contrario. Scrivere una lettera di scuse, anche se non la inviamo, può farci sentire meglio. Devi essere coraggioso e sincero. Pensa questo quello che scrivi è solo per te, quindi non aver paura. Se non sei onesto con te stesso, la terapia è inutile.

-Perdonare:

Se nel punto precedente abbiamo parlato di perdonare noi stessi, abbiamo anche l'opportunità di imparare a perdonare gli altri. Quando qualcuno che ci ha ferito, dedicagli qualche riga con tutto ciò che pensi del suo atteggiamento e dei tuoi sentimenti, aiuterà a sfogarsi. Se hai già più o meno cicatrizzato la cicatrice, raccontare dall'inizio tutto quello che è successo alla situazione attuale, ci farà finire di guarire quella ferita che ancora un po 'pungeva.

-Passa il duello:

Generalmente associamo la parola "lutto" alla morte di una persona cara. Tecnicamente, il dolore è il processo di adattamento emotivo a qualsiasi perdita. Che si tratti, come abbiamo detto, della morte, di un partner, di un lavoro o di qualsiasi altra cosa che sia stata la chiave della nostra vita. Scrivere dei sentimenti che hanno preso il sopravvento nella nostra mente ci aiuterà a calmare la nostra ansia. Metti su carta tutto quello che diresti al tuo ex partner, al capo che ti ha licenziato o alla banca. Vedrai come inconsciamente inizierai a rigettare il dolore o la rabbia e poi arriverà l'indifferenza verso quella persona. Fallo come lo diresti di persona e poi, se vuoi, fallo a pezzi.

Quando sfortunatamente ci riferiamo alla perdita vitale di una persona, lasciati andare semplicemente.

-Mantieni la tua gioia!

Non dovremmo essere lasciati solo con il male. Se in genere hai una serie negativa, non perdere nemmeno una buona giornata. Un buon modo è tenere un diario di pensieri e giorni positivi.. Versa in lui tutta la gioia che hai provato in quel giorno o momento. Il giorno ci vuole una spinta perché tutto è un po 'nuvoloso, prendiamo il taccuino e rileggiamo quello che ha scritto. Non c'è male che possa durare cento anni.

Il subconscio è molto potente. A volte devi tenergli testa e chiedergli perché gioca con noi in questo modo. Scrivigli, scrivi a te stesso, scrivi a quella persona o alla stessa vita che ti ha giocato uno scherzo e lascialo andare. Il bene? Non è necessario essere un crack per scrivere, devi solo lasciare che le parole escano da sole.

Il semplice atto di scrivere aiuta a mettere in ordine i tuoi pensieri. Attiva il nostro cervello, ci fa capire cose che non abbiamo capito o che non sapevamo esistessero. Scrittura stimola la nostra memoria e anche la nostra immaginazione.

E chissà ... forse un giorno tutto quello che hai scritto aiuterà qualcuno a superare i propri traumi o paure. Quindi ora sai come scrivere!


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.