La madre di Máximo Gorki

Madre

In questo Un tempo così turbolento e terrificante che affligge il popolo europeo, con la crisi economica, politica e istituzionale che è stata ricordata dopo la seconda guerra mondiale, sono favorevole a raccomandare, ogniqualvolta richiesto, la lettura appassionata di La madre di Máximo Gorki.

Gorky riflette in questo lavoro il risveglio della classe operaia, combattendo per quelli derechos che sono inerenti all'essere umano e che, a quel tempo, lo erano calpestato dallo zarismo (Governo, chiesa, magistratura, polizia ed esercito).

Gorky racconta la storia di Pelagia, conosciuto come "La madree ”, un carattere che simboleggia il risveglio del proletariato russo alla realtà socialista, ha detto che il risveglio ha portato a una lotta che avrebbe tolto la vita ad alcuni dei personaggi.

Dopo la morte del marito di Pelagia, che l'ha martirizzata, sia fisicamente che psichicamente, fino al momento della sua morte, suo figlio, Pavel, diventa più riservato. Presto Pelagia avrebbe scoperto, dopo un incontro a casa sua, che le ragioni di questo stato risiedono in lei Orientamenti politici, leader socialista nel lavoro in fabbrica. Nel tempo si svolgevano sempre più incontri, in cui si discutevano argomenti, si dibattono oggi e che, a poco a poco, fanno uscire la madre da quella paura istigata dallo zarismo a diventare, a seguito dell'arresto del figlio per motivi politici, in attivista, portando volantini alla fabbrica di suo figlio, trasportando giornali illegali nelle zone rurali o trasmettendo l'ideologia socialista alla classe operaia.

Infine, Pavel ei suoi collaboratori vengono condannati al carcere in Siberia in un processo che si chiamerebbe pantomima. Poco dopo, e quando la madre sta per trasportare di nuovo documentazione politica illegale, si rende conto di essere stata seguita da una spia zarista, arrestata e picchiata duramente.


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.