La madre di Frankenstein

Citazione della scrittrice Almudena Grandes.

Citazione della scrittrice Almudena Grandes.

La madre di Frankenstein è un romanzo storico di Almudena Grandes ed è il quinto capitolo della serie Episodi di una guerra senza fine. Questo titolo presenta una narrazione ambientata nella Spagna del dopoguerra. Allo stesso modo, il tema del libro mostra parte delle conseguenze psichiatriche causate dalla guerra civile e dal regime franchista.

Per questo, l'autore presenta centinaia di personaggi - alcuni fittizi, altri reali - nel mezzo della situazione storica di quel tempo. Lì, si svolge una trama sugli ultimi anni di vita di Aurora Rodríguez Carballeira, che appare rinchiusa in un manicomio. Inoltre, il libro espone le esperienze degne di fiducia di questa donna spagnola diventata famosa negli anni '30 per aver ucciso sua figlia.

Chi l'Autore

Almudena Grandes Hernández è nata a Madrid il 7 maggio 1960. Ha completato i suoi studi professionali presso l'Università Complutense di Madrid, dove si è laureato in Geografia e Storia. Il suo primo lavoro è stato in una casa editrice; Lì il suo compito principale era scrivere le note a piè di pagina delle fotografie nei libri di testo. Questa occupazione l'ha aiutata a familiarizzare con la scrittura.

Gara letteraria

Il suo primo libro, Le età di Lulu (1989), è stato un grande successo: tradotto in più di 20 lingue, vincitore dell'XI Premio Verticale La Sonrisa e adattato al cinema. Da allora, lo scrittore ha realizzato diversi romanzi che hanno ottenuto buoni numeri editoriali e il plauso della critica. Sono stati infatti portati al cinema anche quelli di seguito indicati:

  • Malena è un nome di tango (1994)
  • Atlante di geografia umana (1998)
  • Gli arie difficili (2002)

Episodi de una visita guerra infinito

In 2010, Grandes ha pubblicato Agnes e gioia, la prima puntata della serie Episodi di una guerra senza fine. Con questo libro, lo scrittore ha vinto, tra gli altri premi, il Premio Elena Poniatowska per il romanzo Iberoamericano (2011). Finora sono cinque le opere che compongono la saga; il quarto: I pazienti del dottor García, ha ricevuto il National Narrative Award 2018.

La madre di Frankenstein

Contesto del lavoro

Grandes ha incontrato la storia di Aurora Rodríguez Carballeira dopo la lettura Il manoscritto trovato a Ciempozuelos (1989), di Guillermo Rendueles. Incuriosito da questo personaggio, il Scrittore di Madrid ha proseguito le indagini per documentare in dettaglio il caso. Per questo motivo, in tutta la trama vengono presentati diversi eventi reali, che conferiscono alla storia un impatto maggiore.

Lo sviluppo colloca il lettore nel manicomio Ciempozuelos (vicino a Madrid), negli anni '1950. Il testo copre 560 pagine cariche di storia che descrivono le vicissitudini derivate da tanti conflitti armati. In questo modo, appare una trama attorno a 3 personaggi: Aurora, María e German, che alternano la prima persona nella narrazione.

Sinossi

Approccio iniziale

In 1954, la psichiatra tedesca Velásquez torna in Spagna per lavorare nel manicomio femminile di Ciempozuelos, dopo aver risieduto 15 anni in Svizzera. A causa dell'applicazione del nuovo trattamento con clorpromazina - un neurolettico utilizzato per ridurre gli effetti della schizofrenia - è severamente criticato all'interno del centro psichiatrico. Tuttavia, i risultati sorprenderanno tutti.

Tedesco presto scopre che una delle sue pazienti è Aurora Rodríguez Carballeira, una donna che ha generato curiosità fin dall'infanzia. Da bambino, ricorda di aver sentito la confessione fatta a suo padre, il dottor Velásquez, su di lui. omicidio di sua figlia. Così, lo psichiatra entra nel caso per trovare il trattamento migliore e cercare di migliorare i suoi ultimi giorni.

Il paziente

Aurora Rodríguez Carballeira è una donna estremamente sola, visitata solo da María Castejón, un'infermiera che ci abita da sempre (è la nipote del giardiniere). María prova un grande apprezzamento per Aurora, perché le ho insegnato a leggere e scrivere. Inoltre, ogni giorno le piace andare nella sua stanza, dove si dedica a leggere per lui, dato che Rodríguez sta diventando cieco.

La malattia

Aurora Ha il profilo di una donna molto intelligente, difensore dell'eugenetica e dei diritti delle donne. Sua soffre di una malattia che provoca allucinazioni, manie persecutorie e manie di grandezza. La storia racconta i suoi ultimi due anni di vita, dopo oltre due decenni di reclusione a causa del delitto commesso contro la figlia, di cui non si è mai pentito.

Determinata a creare la "donna perfetta del futuro", Aurora ha deciso di avere una figlia e di crescerla con i suoi ideali principali. La signora chiamava quella ragazza: Hildegart Rodríguez Carballeira - per lei era un progetto scientifico. In base a quel criterio, cresciuto un bambino prodigio, con grande successo in linea di principio. Ma, il desiderio di libertà della giovane donna e il desiderio di allontanarsi da sua madre hanno portato a un tragico finale.

Una giovane donna straordinaria

Hildegart Era estremamente intelligente, con soli 3 anni sapeva già leggere e scrivere. Era l'avvocato più giovane si è laureato in Spagna, mentre studiava altre due carriere: Medicina e Filosofia e Lettere. Inoltre, era un attivista politico in giovane età, quindi aveva un futuro molto promettente ... Troncato quando è stata uccisa da sua madre, a soli 18 anni.

Asilo Ciempozuelos

En La madre di Frankenstein, l'autore cerca di riflettere la realtà delle donne di quel tempo. Per questo motivo, Grandes utilizza come cornice il sanatorio mentale per donne di Ciempozuelos. Poiché questo asilo non era destinato solo a donne con problemi mentali, c'erano anche donne incarcerate perché volevano essere indipendenti o per vivere liberamente la loro sessualità.

Una storia d'amore impossibile

Una volta raggiunto Ciempozuelos, Il tedesco era attratto da María, una giovane donna repressa e frustrata. Lei, da parte sua, lo rifiuta, cosa che lascia perplesso il tedesco, che dovrà scoprire perché è così sola e misteriosa. Un amore proibito a causa delle circostanze di un paese dove regnano doppi standard, pieno di regole illogiche e ingiustizie ovunque.

I veri personaggi

La narrazione include diversi personaggi veri dell'epoca, come, ad esempio, Antonio Vallejo Nájera e Juan José López Ibor. Antonio era il direttore di Ciempozuelos, un uomo che credeva nell'eugenetica e che credevano che tutti i marxisti dovessero essere eliminati. Di conseguenza, ha promosso sparare agli adulti con quell'ideologia e consegnare i loro figli alle famiglie del Movimento Nazionale.

D'altro canto, López Ibor - pur non avendo amicizia con Vallejo - ha convenuto di aver maltrattato i cosiddetti "rossi" e gli omosessuali. Questo era uno psichiatra ai tempi di Franco, che praticava sessioni di elettroshock e lobotomie. Queste procedure sono state applicate solo agli uomini, poiché le donne non potevano avere l'indipendenza sessuale.

Altri membri della storia

Nella trama compaiono personaggi secondari (immaginari) che aiutano a completare la storia. Tra loro, padre Armenteros e le suore Belén e Anselma, che rappresentano l'entità religiosa all'interno del manicomio. Inoltre, Eduardo Méndez, uno psichiatra omosessuale, vittima in gioventù delle pratiche di López Ibor e diventa un buon amico di German e María.


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

Un commento, lascia il tuo

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.

  1.   Sergio Ribeiro Pontet suddetto

    Melena è un nome da tango (1994), è sbagliato. Il vero titolo dice "Malena" e non Melena. Inoltre, il titolo del tango a cui si fa riferimento è appunto », Malena; e non Melena.