La lingua delle farfalle

Manuel Rivas.

Manuel Rivas.

"Il linguaggio delle farfalle" è uno dei 16 racconti inclusi nella raccolta di racconti del saggista, poeta e giornalista galiziano Manuel Rivas. Originariamente era stato scritto in galiziano e tradotto in spagnolo dall'autore stesso. La storia parla dell'amicizia di un timido bambino di sei anni con il suo insegnante di scuola in una modesta città della Galizia nel 1936, poco prima della guerra civile.

Dalla sua pubblicazione nel 1995, È stato elencato come una delle migliori opere scritte nelle lingue spagnola e galiziana. Alcuni critici lo considerano addirittura uno dei pezzi più originali del genere nella letteratura universale. Il suo "prestigio" è cresciuto ancora di più dopo l'adattamento cinematografico diretto da José Luis Cuerda, presentato in anteprima al Festival di San Sebastián nel 1999.

L'autore

Manuel Rivas è uno dei personaggi più importanti della letteratura galiziana. Nel 2009 è entrato a far parte della Royal Galician Academy e nel 2011 l'Università di A Coruña gli ha conferito la distinzione Doctor Honoris Causa. Nonostante sia giornalista di professione, è riuscito a combinare il suo aspetto di "uomo di notizie", con una penna instancabile per poesie, saggi e racconti.

È nato ad A Coruña il 24 ottobre 1957. All'età di 15 anni si guadagnava già da vivere come giornalista scrivendo per il giornale L'ideale galiziano. Dopo aver terminato il liceo, si è trasferito a Madrid per studiare Scienze dell'Informazione. Subito dopo si è unito Teima, il primo settimanale pubblicato interamente in galiziano. Attualmente collabora con vari mezzi di stampa, tra cui il quotidiano Il Paese.

ambientalista

Oltre a dedicarsi alla scrittura da diversi punti di vista, Rivas è un eminente ambientalista. Nel 1981 ha partecipato a una spedizione in una trincea atlantica dove sono stati scaricati i rifiuti nucleari. Quella protesta si è conclusa con il divieto dell'Organizzazione marittima internazionale di utilizzare i fondali oceanici come cimitero per i rifiuti atomici.

Come risultato del "Disastro della Prestige", una nave petrolifera affondata al largo delle coste della Galizia nel 2002, ha portato alla creazione della piattaforma cittadina Mai più. Inoltre, è uno dei partner fondatori di Greenpeace, Spain Chapter e il suo lavoro è stato riconosciuto da istituzioni come Amnesty International.

Che tu mi ami (Nome dell'opera in galiziano)

Cosa mi vuoi, amore?

Cosa mi vuoi, amore?

Puoi acquistare il libro qui: Cosa mi vuoi, amore?

Cosa mi vuoi, amore? è una raccolta di 16 storie con un tema comune: l'amore. È un sentimento affrontato da diverse prospettive, con una gamma molto ampia in grado di comprendere (quasi) tutte le varianti coperte dal termine. Non tralascia nemmeno un argomento, che - nel bene e nel male - è altrettanto essenziale: il crepacuore.

Rivas, attivo nel poesia e il racconto di fine anni '60, con questo titolo, ha raggiunto la sua definitiva consacrazione. Il suo primo libro è stato il romanzo La matita del falegname (1988); vincitore di numerosi premi e portato al cinema da Antón Reixa. Successivamente, ha pubblicato un'altra raccolta di storie: Un milione di mucche (1990), un audace mix di lirica moderna con poesia di composizione libera.

"La lingua delle farfalle"

La lingua delle farfalle

La lingua delle farfalle

Puoi acquistare la storia qui: La lingua di ...

"La lingua delle farfalle" è la seconda delle storie incluse in Cosa mi vuoi, amore? La prima storia dà il nome alla pubblicazione. È una narrazione estremamente semplice a livello strutturale. In esso, la fantasia più infantile di un bambino di sei anni è precisamente e quasi impercettibilmente completata da un elaborato rapporto giornalistico. Inoltre, nessun dettaglio è stato lasciato al caso.

Pertanto, il lavoro condensa molte informazioni in poche pagine (10). Nonostante non si approfondisca nelle descrizioni - l'autore non ha tempo per farlo - è molto fattibile localizzare nella Galizia rurale nel 1936. Per questo motivo, è possibile respirare tutti gli aromi della natura, sentire le trame degli alberi, toccare i cespugli, salire sul Sinai "e vedere anche la lingua delle farfalle".

Un protagonista con cui piangere

Identificarsi con il passero, il bambino protagonista della storia, è facile. Quindi, il lettore avverte in prima persona la sua paura di andare a scuola a causa della paura instillata dal padre nei confronti degli insegnanti. Beh, presumibilmente, gli insegnanti "colpiscono". La narrazione è così ben fatta che lo spettatore può quasi percepire la puzza di urina quando il terrore fa perdere al bambino il controllo del suo sfintere.

E sì, quello che legge, se si immerge bene nelle lettere, è quello che accompagna il piccolo quando - vergognoso - scappa dopo aver pisciato i pantaloni davanti ai suoi compagni di classe. Tuttavia, in seguito tutto si calma grazie alla pazienza e alla gentilezza di Don Gregorio, il maestro con la faccia da "rospo". Quest'ultimo è un personaggio che ha un'enorme capacità di trasmettere conoscenza, una qualità inversamente proporzionale al suo aspetto poco attraente.

Una storia che sai già come andrà a finire

Don Gregorio è repubblicano, proprio come il padre del ragazzo. Pertanto, non è difficile indovinare le conseguenze se non nascondono i loro veri ideali politici quando i ribelli mettono fine all'esistenza della Seconda Repubblica spagnola.

Citazione di Manuel Rivas.

Citazione di Manuel Rivas.

Il primo non si piega. Il secondo, umiliato, finisce per difendere a gran voce cose in cui non crede. Nella sua disperazione per salvarsi, trascina il figlio innocente, che non comprende molto bene i fatti, ma sente che tutto è sbagliato. Alla fine, la bellezza viene spazzata via dalla barbarie. Sebbene i protagonisti della storia non lo sappiano, i lettori capiscono che la precedente "ingenuità" non tornerà mai più.

L'adattamento cinematografico

Con una sceneggiatura che ha avuto la collaborazione della sua Manuel Rivas, l'adattamento di José Luis Cuerda, in senso figurato, esplode (nel senso buono del termine). Al punto che Questo film è stato classificato come uno dei migliori prodotti in America Latina nell'intera storia della settima arte.

Infatti, il film ha vinto il premio per la migliore sceneggiatura adattata alla XIV edizione dei Goya Awards. Chi non ha ancora avuto modo di leggere questa storia è puntuale. Perché? Ebbene, ci vogliono solo 10 minuti per recarsi nelle praterie galiziane e ammirare, in prima persona, "Il linguaggio delle farfalle".


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

Un commento, lascia il tuo

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.

  1.   Gustavo Woltman suddetto

    È molto interessante incontrare i grandi scrittori di lingua castigliana, vedi ero molto curioso di leggere il loro libro e vedere il film.
    -Gustavo Woltmann

bool (vero)