"La lettura dovrebbe essere una forma di felicità."

Biblioteca-Borges

Borges esposto durante questa intervista, molto prima che io nascessi, un riflesso che è riuscito ad aprirmi gli occhi. Ho capito, grazie alle parole del genio argentino, che durante il mio viaggio per diventare scrittore professionista aveva perso la concentrazione. Cosa intendo con questo? Ebbene, aveva reso la lettura (e per estensione la scrittura) un obbligo, a lavoro. Forse uno carino, e uno che ero disposto a intraprendere, ma dopotutto lavoro. Se leggevo era per migliorare, per imparare a costruire personaggi e trame interessanti, per ottenere materiale per le mie recensioni, per assorbire la buona letteratura o per evitare di commettere gli errori del cattivo. Ma avevo dimenticato la cosa più importante, il motivo per cui, da bambino, ho cominciato a leggere: perché mi ha reso felice.

Il piacere non è obbligatorio

«Penso che la frase che richiede la lettura sia una contraddizione, la lettura non dovrebbe essere obbligatoria. Dovremmo parlare di piacere obbligatorio? Perché? Il piacere non è obbligatorio, il piacere è qualcosa di ricercato. Felicità obbligatoria? Cerchiamo anche la felicità. »

Il problema per quelli di noi che si dedicano alla letteratura è che il confine tra il nostro lavoro e il nostro hobby è molto sottile. Nel mio caso, la letteratura è il mio hobby, ma anche il mio lavoro (come disse una volta lo scrittore giapponese Nisio Isin), ed è per questo che lo prendo molto sul serio. Nella misura in cui (ora me ne rendo conto), mi sono sforzato di leggere libri, e di scrivere su determinati argomenti, proprio perché, forse a livello inconscio, pensavo che i lettori, il mondo, e in definitiva la società uno scrittore. E così tutto ciò che era ludico, emozionante, insomma intimo, gioioso e divertente nella letteratura stava lentamente morendo dentro di me.

Alcuni di noi sono stati educati a pensare che il lavoro debba essere noioso e che ci sia qualcosa di sconveniente e disgustoso nel goderselo. Forse questo è il motivo per cui, quando si tratta di leggere e scrivere, mi sono sabotato. E cosa ne ho ricavato da tutto questo? Letture che non mi hanno reso felice, tempo perso, ricerca infruttuosa per soddisfare le aspettative degli altri. L'ho capito, dopo averci pensato a lungo lo scrittore-lettore (Beh, non riesco a concepire l'uno senza l'altro) può essere realizzato solo attraverso una ricerca quasi edonistica della felicità. Che deve leggere i libri che vuole leggere, e scrivere di ciò che vuole scrivere, al meglio delle sue capacità, per non sentire come la sua arte, il suo lavoro e la sua vita affondino nelle più assurde sciocchezze.

Biblioteca di Babele

Leggiamo per essere felici

«Se un libro ti annoia, mettilo giù, non leggerlo perché è famoso, non leggere un libro perché è moderno, non leggere un libro perché è vecchio. Se un libro è noioso per te, lascialo ... quel libro non è stato scritto per te. La lettura dovrebbe essere una forma di felicità ".

In definitiva, penso che tutta questa faccenda sia riassunta in una questione di priorità e di tempo, perché tutti noi un giorno moriremo. Anche se da questa lapidaria affermazione non dovremmo estrarre alcun messaggio nichilista. A differenza di: dobbiamo essere consapevoli che la vita è brevissima, che gli anni vanno e vengono, e che è assurdo aggrapparsi alle vane apparenze. Da parte mia, non voglio guardare indietro e rimpiangere il mio passato. Oggi Perseguo l'arte pura, la gioia infantile di scoprire nuovi mondi nella lettura, l'incommensurabile piacere di creare le mie storie. Questa, per me, è la letteratura. Questa, per me, è la vita.

Tuttavia, queste sono le mie conclusioni, che certamente non devono essere d'accordo con le tue. Ho fallito nel mio tentativo di comportarmi in modo razionale, responsabile e adulta; per trasformare il mio lavoro di scrittore in quello di impiegato statale o impiegato. Sono felice solo quando ascolto il mio cuore e il mio cuore dice alla mia mente che è sbagliato. Quindi, per una volta, lo ascolterò. Non voglio servire da modello, né vi consiglio di seguire le orme di questo sognatore immaturo e incorreggibile; Ma permettimi l'arroganza di raccomandare a te, che sei un lettore, ea te, che forse sei uno scrittore, di ricordare le parole di Borges: "La lettura dovrebbe essere una forma di felicità".


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.