La foresta dei quattro venti

La foresta dei quattro venti

L'anno scorso il libro è stato messo in vendita La foresta dei quattro venti, romanzo giallo e giallo che in breve tempo ha ottenuto la seconda edizione. Potresti averlo visto nelle librerie e ha attirato la tua attenzione.

Ambientato in Cantabria, questo libro è uno di quelli di cui si parla di più, ma di cosa parla La foresta dei quattro venti? Chi lo ha scritto? Perché lo devi leggere? Te lo diremo.

Chi ha scritto La foresta dei quattro venti?

Chi ha scritto La foresta dei quattro venti?

Fonte: María Oruna

La foresta dei quattro venti non sarebbe un libro se l'autrice María Oruña non avesse avuto l'idea. Tuttavia, come molti altri romanzi che trattano una certa parte della storia, ha richiesto diversi anni di documentazione perché tutto fosse legato e ben legato. Alla fine del libro, infatti, la stessa scrittrice ha raccontato quali parti sono reali (della storia o leggenda) e quale è finzione, così da farci un'idea della grande ricerca che ha svolto.

Ma chi è María Oruna?

María Oruna è nata nel 1976 a Vigo. È una scrittrice galiziana e questo libro, La foresta dei quattro venti non è affatto il suo primo libro. Il grande successo è arrivato a questa autrice con la sua trilogia Puerto Escondido, tre libri che sono stati pubblicati dalla casa editrice Destino e che hanno segnato il debutto nel romanzo poliziesco, con un successo travolgente perché è stato presto tradotto in catalano, tedesco e spagnolo. .

La foresta dei quattro venti è l'ultimo romanzo dell'autrice, che ha pubblicato nel 2020, in piena reclusione, ma che non le ha impedito di riuscirci.

Ora, è solo una scrittrice? Ebbene, la verità è che no. Veramente La sua formazione è in giurisprudenza, dal momento che è un avvocato. Ma questo non l'ha spinta a lottare per essere una scrittrice e anche un'editorialista. Per 10 anni ha lavorato come avvocato del lavoro e commerciale, e nel 2013 ha lanciato il suo primo romanzo autopubblicato, La mano del arquero, che parlava di molestie sul posto di lavoro e abuso di autorità. Secondo l'autore, il romanzo si basava su casi che lei stessa aveva conosciuto attraverso il suo lavoro.

Di cosa parla La foresta dei quattro venti

Di cosa parla La foresta dei quattro venti

Fonte: María Oruna

Dovresti conoscere La foresta dei quattro venti che è un romanzo che si svolge in due tempi. Da un lato, il passato, dove ci sono il dottor Vallejo e Marina, la loro quotidianità nel XIX secolo e tutto ciò che questo implicava, sia per un uomo che per una donna.

D'altra parte, hai il presente, con Jon Bécquer, una specie di ricercatore che è a caccia della veridicità, o meno, di una leggenda.

La storia si interseca tra le due linee, poiché tutti i personaggi sono strettamente imparentati tra loro. Si può dire che, sebbene il punto nevralgico sia un omicidio che collega il XIX secolo con quello attuale di Jon Bécquer, man mano che il romanzo avanza si vede come i personaggi siano molto più legati al mistero principale: la leggenda dei nove anelli.

Secondo questa leggenda, c'erano nove anelli di nove vescovi che avevano poteri magici, capaci di guarire. Ma non vi sveleremo altro per non sventrare nulla del libro.

Vi lasciamo sinossi:

All'inizio del XIX secolo, il dottor Vallejo viaggiò da Valladolid in Galizia insieme a sua figlia Marina per prestare servizio come medico in un potente monastero di Ourense. Lì scopriranno alcune usanze molto particolari e vivranno la caduta della Chiesa. Marina, interessata alla medicina e alla botanica ma senza permesso di studio, combatterà contro le convenzioni che il suo tempo impone alla conoscenza e all'amore e sarà immersa in un'avventura che manterrà un segreto per più di mille anni.

Ai nostri giorni, Jon Bécquer, un insolito antropologo che lavora alla ricerca di pezzi storici perduti, indaga su una leggenda. Appena iniziate le sue indagini, nel giardino dell'antico monastero compare il cadavere di un uomo vestito con un abito benedettino del XIX. Questo fatto farà addentrare Bécquer nelle foreste della Galizia in cerca di risposte e discendendo i sorprendenti gradini del tempo.

Personaggi principali

Nella Foresta dei Quattro Venti incontreremo molti personaggi ma, ci sono tre di loro, che si distinguono per avere la voce che canta, o perché l'autore si concentra su di essi. Questi sono:

  • Dottor Vallejo. È legato al personaggio (anche principale) di Marina, poiché è sua figlia. La sua cronologia appartiene al passato, poiché vi racconterà la sua storia all'inizio del XIX secolo, quando si stabilì in Galizia con sua figlia per lavorare come medico nel monastero di Ourense.
  • Marina. Lei è forse la vera protagonista del romanzo. Arrivò al monastero di Ourense nel 1830 e iniziò ad interessarsi di medicina (dal padre) e botanica (dai monaci e da suo padre). Quindi, si discosta da ciò che è "normale" per una donna in quel momento, e prima di questo. La sua condizione di donna significa che deve lottare contro queste limitazioni imposte.
  • Jon Becquer. È un personaggio basato su un altro realmente esistito. Nel libro è un detective d'arte che è dietro la leggenda dei nove anelli. Alcuni lo descrivono come un Indiana Jones ma tende a non piacergli a causa della sua personalità.

È un libro unico o una saga?

Molte volte leggere un nuovo scrittore ci mette un po' di paura, soprattutto per la moda attuale di pubblicare bilogie, trilogie e saghe composte da tanti libri, dove la storia non finisce.

Se teniamo anche conto che prima di questo, María Oruña ha pubblicato una trilogia, è normale che tu abbia il dubbio che il libro sia unico o parte di una saga.

Ed è l'autrice stessa che ha messo in chiaro: a storia autoconclusiva. Cioè, inizia e finisce nello stesso libro; senza più. Ciò rende tutta la ricerca e la trama condensata in un unico libro che può essere facilmente letto in un paio di giorni (purché ti agganci, ovviamente).

Perché dovresti dare una possibilità alla foresta dei quattro venti?

Perché dovresti dare una possibilità alla foresta dei quattro venti?

Fonte: María Oruna

Sai già qualcosa in più su La foresta dei quattro venti, ma forse non vuoi ancora provarlo, o non sai se davvero dovresti leggerlo o meno. Ci sono diversi motivi per farlo:

  • È un libro unico e autoconclusivo. Se non hai mai letto l'autore prima, entrare in una trilogia può essere troppo. Ma puoi leggere un libro con un inizio e una fine per scoprire se ti piace la sua penna o no.
  • Si tratta di un parte della storia della Spagna. Molte volte sappiamo di più sulla storia di altri paesi rispetto al nostro. Ed è davvero triste. Quindi, se vuoi sapere come vivevano le persone in quella zona della Spagna nel XNUMX° secolo e conoscere anche l'alchimia, la botanica, la medicina ... puoi fare un tentativo.
  • La la donna ha un ruolo da protagonista nel romanzo. E che stiamo parlando dell'Ottocento, ma vedremo come la donna qui si vendichi in modo molto suggestivo.

Hai letto La foresta dei quattro venti? Cosa ne pensi di lui?


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.