La città dei vivi: Nicola Lagioia

la città dei vivi

la città dei vivi

la città dei vivi -La città della vita, in lingua originale- è il quinto romanzo scritto dal giornalista e scrittore italiano Nicola Lagioia. La prima edizione è stata pubblicata dalla casa editrice Supercoralli nel 2020. Successivamente, Random House Literature ne ha ricevuto i diritti, e l'ha pubblicata in spagnolo il 27 gennaio 2022. Il titolo è stato tradotto da Xavier González Rovira, e ha suscitato l'impatto e il terrore di alcuni dei suoi lettori a causa delle vicende narrate.

la città dei vivi, più che un romanzo, è una cronaca letteraria. Ebbene, sebbene contenga risorse caratteristiche della letteratura, come figure retoriche, tensione o climax, racconta i fatti di un terribile crimine reale avvenuto a Roma nel 2010. La trama è narrata nel miglior stile del classico di Truman Capote, A sangue freddo.

Sinossi di la città dei vivi

El leitmotiv di un criminale

Noi lettori siamo abituati ai classici mostri. Personaggi come Frankenstein di Mery Shelley, Dracula di Bram Stoker o il disumano Mr. Hyde di Robert Louis Stevenson hanno causato all'epoca una paura incommensurabile. Tuttavia, queste storie non sono altro che una scusa per presentare un problema morale del rispettivo tempo. Sono, insomma, una metafora. D'altra parte, i mostri dentro la città dei vivi sono reali.

L'antica Roma era un impero protetto da dei mitici. Oggi è una città dove può succedere di tutto, anche il più brutale dei crimini. La motivazione degli antagonisti di questa tragedia non era altro che il semplice fatto di uccidere, per sapere come ci si sente a prendere in mano la vita di un'altra persona e decidere il suo destino. E sì... proprio come qualsiasi monarca dispotico avrebbe fatto centinaia di anni fa; almeno, questa era l'unica cosa che il colpevole poteva dichiarare.

la trasgressione

la città dei vivi racconta la storia di tre persone le cui vite sono state intrecciate per sempre da un filo macabro. Tutto è iniziato nel 2016, quando due giovani di importanti famiglie italiane si trovavano in un appartamento alla periferia di Roma. Per giorni interi, tutto intorno a lui era droga duro, sesso e alcol, fino a quando, per il semplice piacere di soddisfare una morbosa curiosità, iniziarono ad invitare nella loro rubrica molte persone.

L'unico che ha accettato di partecipare è stato Luca Varani, un ragazzo di 23 anni a loro quasi sconosciuto che viveva nella periferia romana, e che a volte prestava prestazioni sessuali per soldi per pagare le bollette. All'arrivo i padroni di casa hanno offerto a Varani una grossa quantità di droga, alcol e 150 euro in cambio di sesso. Ben presto lo scambio divenne una specie di scusa I 120 giorni di Sodoma che si concluse con la morte del giovane.

L'indagine ossessiva di Lagioia

Dopo l'evento, Nicola Lagioia era il giornalista incaricato di realizzare la cronaca nera che sconvolse l'Italia. Durante la sua ricerca, l'autore si è ossessionato dai fatti fino a trasformare la sua piccola indagine in solido materiale con interviste e descrizioni dei passaggi oscuri di Roma, dove abita la notte della borghesia romana e la sua natura più sanguinaria. Inoltre, ha avuto accesso al contenzioso e ha persino corrisposto a uno degli autori.

Trovati i colpevoli, il compito di Lagioia era quello di informare il suo paese dell'accaduto. In questo modo, l'autore ha intrapreso la ricerca del passato. COSÌ, Si dedicò alla lettura degli atti giudiziari per quattro anni; ha intervistato gli amici ei parenti di tutte le persone coinvolte, era a conoscenza degli argomenti legali e ha visitato i circoli sociali di tutti i partecipanti.

Le informazioni ottenute dall'autore erano sostanziose, e il suo modo di narrare i fatti: magistrale. Non in vano, il suo lavoro è stato elogiato e la portata del suo libro è stata considerevole dentro e fuori il suo paese. Questa cronaca di una morte non annunciata non lascia indifferenti coloro che lo leggono.

Gli assassini

Manuel Foffo

È l'erede di una famiglia di commercianti con una buona posizione finanziaria. Foffo conobbe Marco Prato poco prima di Capodanno, e iniziò a frequentarlo sporadicamente. Giorni dopo, ha invitato il suo nuovo amico nel suo appartamento e gli ha promesso un'esperienza indimenticabile, una festa che sarebbe durata diverse notti. Apparentemente, Foffo aveva tendenze omosessuali represse e aveva 28 anni al momento dell'omicidio..

Marco Prato

Era un ragazzo di 29 anni di famiglia borghese. Era noto per la sua carriera infruttuosa come addetto alle pubbliche relazioni e per aver frequentato la scena gay a Roma. Si dice che fosse attratto da Foffo, ma lui, timoroso di ammettere che gli piacevano gli uomini, lo respinse sempre.. Fu Prato a ricevere nell'appartamento il giovane Varani. L'uomo era vestito da donna, era drogato e alterato dalla mancanza di sonno.

Non ha mai partecipato ai processi per l'omicidio del ragazzo, poiché si è suicidato nella sua cella prima che avvenissero.

Sull'autore, Nicola Lagioia

Nicola Lagioia

Nicola Lagioia

Nicola Lagioia —o La Gioia— è nato nel 1973 a Bari, in Italia. È un opinionista italiano, personaggio radiofonico e scrittore, noto per essere stato premiato per i suoi romanzi in diverse occasioni, con riconoscimenti come il Premio Strega e il Premio Viareggio. L'autore si è laureato in giurisprudenza all'Università di Bari, tuttavia, le lettere lo hanno chiamato davanti ai tribunali, sebbene il suo lavoro sia afflitto da cause giudiziarie.

Nicola è stato coinvolto in altre performance artistiche. Una di queste preoccupazioni lo ha portato a partecipare a progetti cinematografici e altri media. È stato anche il capofila di rubriche giornalistiche come Nichel, che si dedica alla divulgazione della letteratura italiana.. Inoltre, ha condotto programmi radiofonici come Pagina3. Dal 2017 è anche redattore della Fiera Internazionale del Libro di Torino.

Altri libri di Nicola Lagioia

romanzi solitari

  • Tre sistemi per la scomparsa di Tolstoj (2001);
  • Ovest per principianti (2004);
  • Segnalazione di tutto a casa (2009);
  • la ferocia (2014).

storie

  • Multa di violenza, Psiche e Aurora (2005);
  • un altro nuotatore (2012);
  • Spaghetti cozze e vongole (2012);
  • i miei genitori (2013);
  • Esquilino (2017).

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.