"La cella degli innocenti", un libro che mette sotto controllo l'attuale protocollo di detenzione sulla violenza di genere in Spagna

"La cellula degli innocenti", un libro che mette sotto controllo l'attuale protocollo di detenzione sulla violenza di genere in Spagna

La cella degli innocenti È il libro con il debutto  Francesco J. Lario, cosa modifica Red Circle Editorial. L'autore, che mette sotto controllo l'attuale protocollo di detenzione sulla violenza di genere in Spagna, presenta un'intera mostra di testimonianze reali di uomini vittime di false accuse attraverso la legge vigente. “Uomini che, dopo essere stati chiamati dal loro partner o ex partner, e pur essendo innocenti del delitto per il quale erano stati accusati, sono stati arrestati, ammanettati e rinchiusi in cella. Molti hanno perso la casa, i soldi, il lavoro e i figli ", come spiega l'autore.

Sicuramente conosci un caso, anche se non chiuso, di qualcuno che è stato ingiustamente denunciato per maltrattamenti. Personalmente ho avuto l'opportunità di discutere la questione con un poliziotto nazionale anni fa e la situazione è deprimente. Non solo per gli uomini che sono indifesi se la denuncia è falsa, ma perché questo riguarda anche le donne che sono realmente vittime di violenza di genere. 

Dopo tre anni di viaggi, ricerche e interviste in tutta la Spagna, Francisco J. Lario pubblica il libro La cella degli innocenti - False accuse di abuso, una realtà nascosta come "Assoluta necessità di rendere pubblico e portare alla luce questo degradante problema per tanti e questa dura realtà che lascia così tanti uomini in frantumi attraverso l'attuale legge globale sulla violenza di genere in caso di false accuse".

Revisionato e approvato da due avvocati e un giudice, in tutto questo lavoro l'autore assicura che il lettore troverà 30 strazianti casi reali di maschi vittime di questo tipo di denuncia, un'intervista con un membro della Polizia Nazionale del SAF (Service of Attention alla Famiglia) in cui ha in dettaglio l'effettivo protocollo di detenzione di tali denunce e il loro modo di agire anche nei casi in cui vedono chiare indicazioni che la denuncia può essere falsa; un colloquio con un giudice in cui la sua ultima frase è: "Sono una donna, e come giudice sono venuta a ripudiare la mia professione"; un altro colloquio con un avvocato, che racconta come è riuscita ad espellere dal suo ufficio diversi clienti dopo aver proposto loro di sporgere una falsa denuncia nei confronti del suo partner; un capitolo in cui cerco di trasmettere al lettore la sofferenza delle migliaia di bambini danneggiati da questo tipo di lamentele e condanne; Un manuale di aiuto per chiunque venga segnalato attraverso una falsa segnalazione coperta dall'attuale legge sulla violenza di genere, nonché definizioni di termini legali di interesse per chiunque stia attraversando un processo di separazione o divorzio ...

Francisco Lario sottolinea che il libro è diretto «A tutta la società in generale, perché per ogni uomo innocente rinchiuso e separato dai suoi figli, c'è dietro una moltitudine di donne che ne subiscono anche le conseguenze, come le loro sorelle, le madri (che non solo hanno un figlio rinchiuso dietro le sbarre ma anche automaticamente "perdono i nipoti" con ordinanze restrittive imposte all'imputato), nonne, amici, nuovi partner ... " 

“Ho voluto dare voce alle migliaia di uomini che sono stati ingiustamente allontanati dalla loro casa e che subiscono le conseguenze di questa legge, ovviamente concentrandosi sui casi di false accuse. Sono il primo a sollecitare che il vero molestatore debba essere perseguitato, denunciato e punito, ma non l'innocente. In questo libro non descrivo né nomino i casi in cui uomini crudeli, violenti e senza cuore? maltrattare fisicamente o psicologicamente una donna. Di questo, ovviamente, altri media sono già responsabili ", giudizio Francisco J.Lario.

Il libro è pieno di vere ingiustizie, storie commoventi di uomini che gridano dai tetti e hanno bisogno di essere ascoltati.

 

 

Puoiacquistare La cella degli innocenti qui.


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

2 commenti, lascia il tuo

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.

  1.   pilastro volpe suddetto

    Buongiorno, sono Pilar Yebo da circa tre anni con la mia compagna, viene denunciato x presunti maltrattamenti x la sua ex moglie ha sporto denuncia alla sua ex nel 2012 e fino a ottobre 2015 il processo non si è svolto e siamo stati ancora testimoni come il suo sua madre e non hanno voluto prenderla come testimone, lo stesso giudice ha detto che era imparentato con la presunta vittima, ha quattro figli in comune, il più grande ha 14 anni, noi abbiamo lei e gli altri tre lei ha.
    È un uomo incapace di fare del male a nessuna donna, abbiamo anche assunto un detective che ha le prove che quella che ha subito abusi era lei, non al contrario, che tutti dicono l'unica cosa che nessuno vuole parlare al suo compagno dopo la morte e molti altre cose di cui vorrei parlare questo è il mio numero 633650126 Abbiamo bisogno di aiuto e sono anche andato dal difensore civico e loro non possono fare nulla, contattatemi, chiedono al mio partner per due anni e tre mesi una cosa che faccio non mi associo l'unica cosa che mi è rimasta per Acer è che i media lo sappiano perché sono disperato così bene che non è nemmeno divorziato dopo quattro anni di processo e per finire siamo di nuovo dall'inizio perché lo psicologo che era il caso non aveva il titolo ed è per questo che siamo nella stessa cosa, per favore aiutatemi grazie per aver letto questo

  2.   Petrus Hernandez suddetto

    Il libro è molto buono e mi piace che il muro della falsa uguaglianza stia già cominciando a crollare. Ma l'autore cade nello stesso errore di molte altre persone, comprese molte che sono contrarie all'abuso delle leggi che esistono contro l'uomo. Mi riferisco al fatto che in più occasioni accenna al problema degli abusi, come se ci fossero solo donne maltrattate e non uomini, ad esempio quando dice di aver riconosciuto che "le donne maltrattate devono essere protette dallo Stato", invece di dire che "le persone maltrattate (uomini o donne) devono essere protette dallo Stato". Anche quando afferma che "se un uomo maltratta un altro uomo o una donna maltratta un'altra donna, questo non è un crimine, ma un'offesa", si dimentica di aggiungere: "o se una donna maltratta un uomo ...".