L'utilità dell'inutile

L'utilità dell'inutile.

L'utilità dell'inutile.

L'utilità dell'inutile. Manifesto, è un libro del professore e filosofo italiano Nuccio Ordine. È stato tradotto in spagnolo da Jordi Bayod e pubblicato dalla casa editrice Acantilado nel 2013. Affronta in modo critico la retrocessione delle materie umanistiche nell'educazione civica. Ebbene, secondo l'opinione dello scrittore calabrese, la mercificazione delle materie educative e tecniche è prioritaria a favore di attività “redditizie”.

Analisti letterari come Miguel Guerra (2013) dell'Università di Saragozza sono stati enfatici nel sostenere gli approcci incorporati in L'utilità dell'inutile. Guerra esprime: "... attraverso ognuna delle sue pagine troverai sicuramente un aneddoto, una citazione, un'osservazione che giustifica la necessità di divulgare questo libro". Il lavoro di Ordine esprime premesse la cui validità sembra essere riaffermata giorno dopo giorno.

Sull'autore, Nuccio Ordine

Nuccio Ordine è nato a Diamante, in Calabria, il 18 luglio 1958. È considerato un'autorità sulle questioni rinascimentali e attuali di Giordano Bruno. Attualmente insegna Letteratura italiana presso l'Università della Calabria. È anche membro onorario del Center for Italian Renaissance Studies presso l'Università di Harvard e della Alexander von Humboldt Stiftung.

Allo stesso modo, Ordine fa parte dello staff aggiunto di numerose università americane (Yale, New York) ed europee (EHESS, École Normale Supérieure Paris)., Istituto universitario di Parigi, tra gli altri). Le sue opere sono state tradotte in più di 15 lingue. È anche editorialista per Corriere della Sera e direttore di prestigiose collezioni rinascimentali a Napoli, Torino e Milano.

Per entrare nel contesto, un frammento dell'opera

"Nell'universo dell'utilitarismo, in effetti, un martello vale più di una sinfonia, un coltello più della poesia, una chiave inglese più che un quadro: perché è facile subentrare nell'efficacia di un utensile mentre è sempre più difficile capire a cosa si può servire la musica, la letteratura o l'arte.

«Le pagine che seguono non pretendono di formare un testo organico. Riflettono la frammentazione che li ha ispirati. Per questo anche il sottotitolo —Manifesto— potrebbe sembrare sproporzionato e ambizioso se non fosse giustificato dallo spirito militante che ha costantemente animato quest'opera ”.

Struttura del lavoro

Fin dall'inizio, l'autore esprime le sue motivazioni per la scrittura del saggio, che si basano sul suo spirito militante. Allo stesso tempo, Ordine chiarisce che la sua premessa non era quella di elaborare una scrittura organica, quindi la sua storia non è né oggettiva né completa. Usa analogie tratte da testi di periodi diversi presentati in un certo ordine cronologico per giustificare la sua argomentazione L'utilità dell'inutile.

I tre capitoli

Il libro è diviso in tre capitoli:

  • Il primo approfondisce i vantaggi della letteratura e di altre arti "inutili".
  • Il secondo è dedicato alla trasformazione positiva guidata dalla praticità del profitto nell'insegnamento, nella ricerca e nella cultura.
  • Il terzo capitolo analizza le conseguenze dannose dell '"illusione" del possesso sul dignitas homalis. In chiusura (perfetta), viene esposto un saggio di Abraham Flexner.

Le discipline umanistiche nel XNUMX ° secolo

Nuccio Ordine.

Nuccio Ordine.

Nell'introduzione di L'utilità dell'inutile, l'intellettuale italiano descrive in dettaglio la trama materialistica predominante nell'educazione attuale. In questo contesto, programmi educativi e budget ministeriali sono previsti con un evidente disprezzo per le discipline umanistiche. Ebbene, sono aree di essenza libera e distaccata, separate da "applicazioni più pratiche" e redditizie.

Al contrario, la conoscenza umanistica va ben oltre la coltivazione dello spirito. Grazie alla loro natura altruista, questi sono cruciali per l'evoluzione della civiltà e lo sviluppo culturale dell'umanità. Inoltre, Ordine difende che il carattere dell'educazione integrale non può essere influenzato relegando la conoscenza finalizzata a scopi non utilitaristici e / o commerciali.

Compassione e buon senso

Ordine non vuole mostrare le discipline umanistiche al di sopra di ogni altra conoscenza. Piuttosto, descrive il valore intrinseco della scienza, delle materie tecniche e della competitività. Tuttavia, insiste sul fatto che anche le discipline pratiche hanno un valore aggiuntivo, molto diverso da quello mercantilista. Pertanto, tutte le aree di formazione dell'essere umano possono essere orientate contemporaneamente verso il pensiero critico e compassionevole; non sono esclusivi.

L'utile futilità della letteratura

Secondo Wilson Enrique Genao in Quaderno di pedagogia universitaria (2015), l'autore riprende le riflessioni interdisciplinari di "ecclesiastici come Vincenzo Padula" per difendere la tua tesi. Aggiungi "poeti e scrittori come Ovidio, Dante, Petrarca, Boccaccio, Cervantes, Shakespeare, Dickens, García Lorca, Márquez. E filosofi come Socrate, Platone, Aristotele, Kant, Michel Montaigne, Martin Heidegger e Paul Ricoeur… ”.

In questo modo, sottolinea l'importanza di leggere i grandi maestri della letteratura senza concentrarsi sull'ottenere alcun beneficio o istruzione specifica. Ordine sostiene che lo scopo principale di queste letture filosofiche è ludico. Tuttavia è innegabile il contributo in termini di consapevolezza umanistica e di pensiero profondo, che spesso rappresentano i più difficili da spiegare.

Mancia vs. utilitarismo

Di fronte all'archetipo dell'utilitarismo e della dottrina mercantilista fondamentalista, Ordine offre il valore dell'illusione, degli ideali e del distacco. La gratuità si contrappone alla concezione dell'uomo di Heiddiengger, che, travolto dalla quotidianità, conduce un'esistenza priva di colore. Vale a dire - senza attaccare direttamente il capitalismo - l'autore indica un sistema educativo che forma macchine senza anima.

Una persona senza tempo per contemplare "cose ​​inutili" è prigioniera dei propri bisogni primari, un essere senza un'esistenza piacevole. Il filosofo del diamante conclude il primo capitolo sottolineando il ruolo perentorio delle discipline umanistiche nella formazione di cittadini responsabili, metodici e socialmente impegnati.

L'università-azienda e gli studenti-clienti

Il secondo capitolo si concentra sul paradosso che ancora risveglia la qualità ottocentesca dell '"arte per l'arte" nella società odierna. Di conseguenza, è diventato molto difficile superare la tendenza della trasformazione apparentemente inarrestabile delle università in aziende. In tali circostanze, gli studenti assumono senza esitazione il ruolo di clienti motivati, soprattutto, da un futuro di prosperità materiale.

Citazione di Nuccio Ordine.

Citazione di Nuccio Ordine.

Quindi, "se il cliente ha sempre ragione", la qualità dell'insegnamento cede al pregiudizio di conseguire la laurea nel più breve tempo possibile. Questa circostanza trascina anche i docenti, trasformati in meri burocrati servili dell'ingranaggio commerciale dell'università-azienda. Di conseguenza, Ordine ritiene imperativo ridisegnare un sistema universitario finalizzato quasi esclusivamente alla produzione di "personale redditizio".

E l'arte?

Laura Luque Rodrigo dell'Università di Jaén, scompone il significato dell'idea di Baudelaire citata da Ordine: “l'uomo utile fa paura”. Nella sua pubblicazione (2014) di Il genio malvagioLuque chiede: “Questo significa che dobbiamo fuggire dall'utilità? L'arte per definizione deve essere inutile per essere bella?

Luque sostiene: "... nel corso della storia, (l'arte) ha avuto varie funzioni, sia essa catechetica, glorificante, politica, puramente estetica e così via. Alla fine, quindi, tutta la creazione ha un'utilità, sebbene il risultato, l'oggetto finale, non abbia alcun interesse da parte del creatore come è successo a Aureliano Buendía, il cui ultimo vantaggio era l'esperienza, quindi, se lo vogliamo, troveremo sempre funzionalità a tutta la creazione ”.

Arte e cultura in tempi di crisi

Nuccio Ordine usa frasi di Henry Newman e Victor Hugo per recriminare i tagli di bilancio alle materie umanistiche nei programmi educativi. Insiste persino nel raddoppiare i portafogli destinati a programmi culturali e artistici in situazioni avverse. Di conseguenza, l'autore non concepisce alcuna proiezione didattica se è progettata priva dei grandi classici.

Il possesso uccide: Dignitas hominis, Love, Truth

Nella terza parte di L'utilità dell'inutile, Ordine delibera sulle false aspettative derivate dalla ricchezza e dal potere. Rappresenta la posizione sprezzante del filosofo italiano di fronte all'atteggiamento superficiale di chi apprezza gli altri in base all'abbigliamento. Allo stesso modo, il filosofo italiano analizza il tema dell'amore e delle relazioni interpersonali dominate dal fattore immancabile del possesso.

Nell'ambito di dignità umana, l'amore e la verità sono il territorio propizio per manifestare il vero altruismo. Pertanto, nel criterio di Ordine è impossibile apprezzare il dignità hominis secondo i parametri convenzionali della società odierna. Incarna una grandissima contraddizione che cerca di esprimere la gratuità nel mezzo di una "civiltà" incapace di rompere gli schemi materialistici della propria pedagogia.

Conclusione e saggio di Abraham Flexner in allegato

Insieme, il manifesto di Nuccio Ordine e il saggio di Flexner invitano il lettore a una riflessione permanente per riconoscere la propria dignità. Una condizione realizzabile solo attraverso un'istruzione incentrata su una formazione completa, senza pregiudizi o tagli di budget causati da (la scusa dei) tempi di crisi. Pertanto, è necessario riconsiderare in tal senso per trovare una risposta adeguata alla nostra era digitale.

Infine, Flexner esorta a disinibire la naturale curiosità delle persone con l'obiettivo di promuovere "la libera ricerca di conoscenza inutile". Perché è importante? Ebbene, in passato l'umanità ha già dimostrato le preziose conseguenze trascendentali della libertà creativa dell'essere umano. Se un oggetto apparentemente "inutile" è innocuo, che senso ha trattarlo come un oggetto dannoso o pericoloso?


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

Un commento, lascia il tuo

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.

  1.   Luciano tanto suddetto

    la banalizzazione della "commercializzazione", come una sorta di difetto di civiltà, nega almeno un aspetto del libro di Ordine: se non vado in libreria (di persona o online), ha deciso di acquistare il suo libro, ne autorizzo il pagamento con la mia carta, spero che una mail me lo porti, non leggerei mai cosa contiene Questa del materiale contro lo spirituale-reale è un'esagerazione che confonde. Ai più indigenti e schietti. (E ho il libro in tre lingue, per via delle sfumature, vedi?).
    Ne ho parlato allo stesso autore, via twitter, che almeno ha riso, guarda caso ...