L'orfano Z di Sue Grafton

Sue Grafton porta con sé l'ultima lettera dell'alfabeto.

Sue Grafton porta con sé l'ultima lettera dell'alfabeto.

Sue Grafton aveva voglia di uccidere il suo ex marito quando stavano affrontando in tribunale per la custodia del figlio e, quell'aggressività contenuta divenne il suo primo romanzo poliziesco, A per l'adulterio (A da Alibi in originale).

"Invece di passare la mia vita in prigione, ho pensato a qualcosa di molto meglio: ucciderlo in un libro e ricevere anche dei soldi per questo ..."

Grafton non solo ha incanalato le profonde emozioni negative generate dal suo divorzio scrivendo un romanzo eccellente, ma ha involontariamente creato la prima detective donna a rompere gli stereotipi delle donne usate più e più volte fino a quella data.  

Kinsey mihone Fu una rivoluzione nel genere: la prima donna, oltre a Miss Marple di Agatha Christie, che assume il protagonismo e il carico pesante del genere noir, "detective" come preferiva chiamarlo Grafton. Kinsey non è la ragazza del detective, non è la vittima, non è l'assistente, è lei che affronta i cattivi e risolve i casi più complicati.

Non era nelle intenzioni di Sue Grafton che non avesse mai voluto includere alcuna rivendicazione sociale nei suoi romanzi e questo rende Kinsey ancora più eccezionale. È naturale, è autentico e come ogni personaggio ben costruito accade come persone reali: ad alcuni piace e ad altri non piace.

Kinsey sopravvive a un'infanzia dura e indifferente a causa della morte dei suoi genitori quando aveva solo cinque anni. Sua zia gli ha dato tutto ciò di cui aveva bisogno per crescere e non un briciolo di affetto. All'età di 32 anni, quando la serie di L'alfabeto del crimineLei è un investigatore privato, uno di quegli investigatori che si occupano di casi noiosi e burocratici, fino a quando un caso diventa più complicato del solito e la saga ha inizio. Vive in California, a Santa Teresa (ricorda Santa Bárbara, luogo di residenza di Sue Grafton, tanto quanto Vetusta ricorda Oviedo nella Regenta de Clarín), è intelligente e laboriosa, atleta ed esperta di difesa personale. Tra A de Alibi e Y de Yesterday, sono passati 25 anni, ma Kinsey Milhone è invecchiato a malapena e continua romanzo dopo romanzo essendo testardo, tenace, esuberante come nel suo primo caso. Nella vita di Kinsey non c'è un partner stabile, ma lei non è sola: durante i venticinque salti del suo particolare alfabeto è accompagnata da Rosie, la sua amica e proprietaria del ristorante, grazie alla quale Kinsey mangia qualcosa di diverso dal digiuno cibo, accompagnato per il suo inseparabile bicchiere di Chardonnay e da Henry, l'affascinante vecchio proprietario dell'appartamento dove vive in affitto.

A for Adultery non solo ha aiutato Sue Grafton a superare i suoi brutti momenti, ma ha anche iniziato una saga ampia e di successo che è continuata con B for Beasts (B per Bulglar in originale) fino al E da ieri, pubblicato nel 2017 e che non è stato ancora tradotto in spagnolo.

"Uno scrittore californiano il cui lavoro supera lo standard di eccellenza letteraria". Premio letterario Ross McDonald

A for Adultery: The Beginning of the Alphabet of Crime

A for Adultery: The Beginning of the Alphabet of Crime

Vale la pena rileggere questo ottimo Alfabeto a cui manca l'ultima lettera per poi finire con il libro delle storie Kinsey e io, dove l'autrice ha avuto il coraggio di scoprire la sua vita davanti ai lettori e di raccontarci quanto di Kinsey fosse lo specchio di Sue, cresciuta in una casa con due genitori alcolizzati.

Kinsey non arriverà mai sul grande schermo. La sua autrice, che ha iniziato la sua carriera come sceneggiatrice, lavorando, tra gli altri, all'adattamento dei romanzi di Agatha Christie, Sparkling Cyanide e Mystery in the Caribbean, ha sempre rifiutato di permettere a Kinsey di lavorare a Hollywood. Considerava che se lo avesse lasciato nelle mani degli sceneggiatori in balia del valore del profitto dei grandi imprenditori cinematografici, avrebbe cessato di essere quello che era, lo avrebbero rovinato, e temeva persino per la sua continuità: lo fece Non voglio rischiare che il volto dell'attrice che la rappresentava le sia entrato in testa nel momento in cui scrivo. Questo divieto passa come parte dell'eredità ai suoi figli e sua figlia lo ricordò dopo la sua morte.

Sue Grafton, americana, nata nel Kentucky nel 1940, laureata in Letteratura inglese e vincitrice di diversi importanti premi letterari, ci ha salutato nel dicembre 2017 dopo 25 puntate della saga, in assenza dell'ultimo che aveva programmato. da pubblicare nel 2019. Sue prende la Z per lei e anche se ci mancherà, avrà sempre un posto d'onore nelle nostre librerie e nei nostri cuori.


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.