L'enigma della stanza 622

Citazione di Joël Dicker.

Citazione di Joël Dicker.

L'enigma della stanza 622 è l'ultimo romanzo dello scrittore svizzero Joël Dicker. La sua versione originale in francese è stata pubblicata nel marzo 2020. Tre mesi dopo è stata presentata in spagnolo, con le traduzioni di Amaya García Gallego e María Teresa Gallego Urrutia. Come i suoi lavori precedenti, è un thriller.

Sebbene il protagonista porti lo stesso nome dello scrittore, non è un'autobiografia. Di, Dicker sostiene: “…c'è una piccola parte di me, ma non racconto la mia vita, non racconto me stesso... ". Allo stesso modo, l'autore ha fatto una dedica speciale al romanzo: "Al mio editore, amico e insegnante, Bernard de Fallois (1926-2018). Speriamo che un giorno tutti gli scrittori del mondo possano incontrare un editore così eccezionale".

Riassunto di L'enigma della stanza 622

Inizio dell'anno

Nel gennaio 2018, Joël attraversa un momento difficile della sua vita: È morto Bernard de Fallois, suo grande amico ed editore. L'uomo era stato una figura rappresentativa nella vita del giovane. Gli deve il successo della sua carriera di scrittore, così decide di onorarlo. Subito si rifugia nel suo ufficio per scrivere un libro dedicato al suo mentore Bernard.

Un incontro meraviglioso

Joël è uno scrittore un po' isolato; mantiene infatti frequenti contatti solo con la sua fedele assistente Denise. È lei che lo incoraggia ogni giorno a prendere aria fresca e fare esercizio. Un giorno quando torna dalla corsa si imbatte inaspettatamente in Sloane, il suo nuovo vicino. Nonostante si siano scambiati solo poche parole, il giovane è affascinato dalla donna attraente.

Amore fugace

Da quel momento, Joël era interessato a saperne di più su SloaneMa non ha avuto il coraggio di chiederle di uscire. Una notte d'aprile, per caso, coincidono in un concerto d'opera, parlano e dopo aver finito l'atto escono a cena. Da lì, entrambi vivono due mesi di intensa passione che immergono Jöel in quella che considera la piena felicità. In più, diventa la musa ispiratrice che gli permette di continuare con il libro in onore di Bernard.

Tutto è crollato

Poco per volta Joël si è concentrato più sulla scrittura che sul trascorrere del tempo con la sua amata. Gli incontri erano solo fugaci, che ha portato alla frattura di un rapporto che sembrava perfetto. Sloane ha deciso di porre fine a tutto attraverso una lettera che lascia con il custode dell'edificio. L'idillio di Joël crolla dopo aver letto la lettera, così decide di fuggire immediatamente da quel luogo in cerca di tranquillità.

Viaggio nelle Alpi

Ecco come Joël sale al famoso hotel Palace di Verbier nelle Alpi svizzere. All'arrivo, un particolare particolare cattura l'attenzione dello scrittore: la stanza che Ti hanno assegnato il soggiorno è 621 e quello attiguo si identifica con "621 bis". In sede di consultazione spiegano che detta numerazione è dovuta a un delitto commesso anni fa nella stanza 622, evento non ancora risolto.

Scrittore vicino

Anche Scarlett soggiorna in hotel, un apprendista romanziere che si è recato in quel posto per riordinare dopo il suo divorzio. Lei è nella stanza 621 bis, e quando ha incontrato Joël gli ha chiesto di istruirlo con alcune delle sue tecniche di scrittura. Allo stesso modo, gli racconta l'enigma che circonda il luogo in cui si trova e lo convince a indagare sul caso per risolverlo.

Progresso della ricerca

Man mano che l'indagine procede, Joël scopre fatti importanti che circondano l'omicidio. Nell'inverno del 2014 i dirigenti della banca svizzera Ebezner si sono incontrati in albergo per nominare il nuovo presidente dell'ente. Rimasero tutti al Verbier per la notte della celebrazione. La prossima mattina sembrava morto uno dei direttori: l'ospite nella stanza 622.

L'intrepida coppia svela una serie di segreti che li portano all'assassino. Così verranno alla luce artifici, complotti, tradimenti, triangoli amorosi, corruzione e il gioco di potere che circonda la dirigenza bancaria svizzera.

analisi L'enigma della stanza 622

Dati base dell'opera

L'enigma della stanza 622 È fatto da 624 pagine, diviso in 4 parti principali sviluppato in Capitoli 74. La storia è contato in prima e terza persona, e la voce narrante si alterna tra i vari personaggi. Allo stesso modo, in più occasioni la trama si sposta dal presente (2018) al passato (2002-2003); questo per conoscere i dettagli dell'omicidio e le persone coinvolte.

Personaggi

In questo libro l'autore ha presentato una varietà di personaggi ben realizzati che si dipanano nel corso della storia. Tra questi, spiccano i suoi protagonisti:

Joël dicker

Condividi con l'autore sia il suo nome che la sua professione di scrittore. Ha viaggiato sulle Alpi per liberarsi dopo due eventi traumatici. Lì, grazie a una donna attraente e interessante, si lancia in un'indagine per omicidio. Infine, scopre l'assassino e rivela la grande corruzione che circonda il caso.

Scarlett

È una romanziere inesperto che ha deciso di trascorrere alcuni giorni diversi guidata dalla sua recente separazione coniugale. Sta nella stanza accanto a quella di Joël Dicker, quindi approfitta dell'apprendimento delle tecniche di questo famoso scrittore. Lei Sarà di grande aiuto per indagare sul misterioso omicidio avvenuto anni fa.

Chi l'Autore

Joël dicker è nato il 16 giugno 1985 a Ginevra, Svizzera. È figlio di un libraio ginevrino e di un insegnante di francese. La sua formazione scolastica è avvenuta nella sua città natale, al Collège Madame de Staël. Nel 2004 -Prima di entrare all'università- ha frequentato corsi di recitazione a Parigi per un anno. Tornò a Ginevra, e nel 2010 ha conseguito la laurea in giurisprudenza presso l'Université de Genève.

Joël dickerNei suoi primi giorni come scrittore vissuto un aneddoto interessante al essere squalificato da un concorso di letteratura giovanile. Dicker aveva presentato il suo account La tigre (2005), ma è stato respinto perché i giurati hanno ritenuto che non fosse l'autore dell'opera. Gli è stato poi assegnato il premio internazionale per i giovani autori francofoni e il testo è stato pubblicato in un'antologia con altri racconti vincitori.

Quello stesso anno iscritto al Prix des Ecrivains Genevois (un concorso per libri inediti), con il romanzo Gli ultimi giorni dei nostri padri. Dopo essere stato il vincitore, è riuscito a pubblicarlo nel 2012 come il suo primo lavoro formale. Da lì, la carriera dell'autore è stata in aumento. Attualmente detiene quattro titoli che sono diventati I più venduti e con cui ha conquistato più di 9 milioni di lettori.

Libri di Joel Dicker


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.