Kindle e il caso della scomparsa di 1984

Con il lettore di e-book Accendere Può succedere qualcosa di simile a quello che è successo con gli iPod: senza essere il miglior prodotto delle sue caratteristiche sul mercato, e talvolta sottoponendo l'utente a restrizioni arbitrarie, Potrei finire per vincere con una frana. O a causa di un'attenta immagine del marchio o per il semplice fatto che a causa della sua popolarità finisce per sembrare l'unica opzione. In effetti, si può anche pensare che questo sia già accaduto, almeno negli Stati Uniti d'America.

Accendere

Stock David sifry.

Tuttavia, ci sono validi motivi per considerarlo forse Kindle non è il modello di e-book che dovrebbe essere egemonico. Le righe seguenti hanno solo lo scopo di sottolineare alcuni dei perché.

Il punto debole di Kindle è questo utilizza un formato di file per salvare il testo dei libri chiamati AZW che nessuno sa come funziona, solo Amazon. Il che è veramente preoccupante. Non solo perché è strettamente accompagnato da quello che è stato chiamato gestione dei diritti digitali, quelle istruzioni informatiche mediante le quali l'editore di un libro può decidere che non ti permette di fare cose che, con un libro cartaceo, potresti fare. Non è l'unico problema. Il problema fondamentale è che Amazon può fare ciò che vuole con questo formato. Puoi estrarre un nuovo schema da questo formato in modo che i lettori più recenti comprendano gli AZW in modo diverso, quindi prima devi acquistare un nuovo lettore per leggere i nuovi titoli e in secondo luogo potrebbe arrivare un momento in cui il tuo lettore non è in grado di capire i primi libri AZW che hai acquistato, quindi non sarai mai più in grado di accedere al suo contenuto.

C'è un modo per risolvere questo problema, ed è facile: per Amazon pubblicare come funziona AZW in modo che se, a un certo punto in futuro, Kindle smette di sapere come visualizzare un tipo di file AZW per la prima volta, qualcuno che lo desidera accedere al suo contenuto, nel peggiore dei casi, puoi sempre chiedere a un programmatore di applicazioni per computer di trovare soluzioni al problema, sulla base delle informazioni pubblicate da Amazon. Tuttavia, Amazon non ha fatto una cosa del genere, né prevede di farlo: Se spieghi al mondo come funzionano i tuoi archivi, il mondo saprà come funziona la gestione dei diritti digitali e chiunque potrebbe aggirare le restrizioni che impone ai lettori. Queste restrizioni possono significare (in generale, non in particolare Kindle) impedire all'utente di copiare il libro a un amico, stamparlo o convertirlo in un altro formato in modo che possa essere letto (per qualsiasi motivo) su un dispositivo diverso. , e così via. Anche impedire completamente l'accesso al testo se è già trascorsa una settimana, due settimane o un mese dalla sua prima apertura, tra le altre cose.

In questo senso, il programmatore Richard Stallman, iniziatore di libre software, ha scritto nel 1996 un breve distopia, Il diritto di leggere, in cui alcuni studenti si trovano di fronte a un dilemma etico: devono decidere se aiutare i loro compagni di classe dando loro accesso a informazioni utili per i loro studi (con il pericolo di essere puniti per aver violato le leggi sul copyright) oppure scelgono di attenersi alla legge soffocante. Uno dei paragrafi si legge in questo modo:

C'erano modi per aggirare i controlli della SPA [Autorità per la protezione del software] e dell'ufficio centrale delle licenze, ma erano anche illegali. Dan aveva avuto un partner nella sua classe di programmazione, Frank Martucci, che aveva un debugger illegale, e lo usava per aggirare il controllo del copyright dei libri. Ma l'ha raccontato a troppi amici, e uno di loro lo ha denunciato alla SPA in cambio di una ricompensa (era facile tentare, tradire i suoi amici, studenti con grossi debiti). Nel 2047 Frank era in prigione; ma non hackerando, ma disponendo di un debugger.

Queste parole possono sembrare esagerate e fanno certamente parte di una storia di fantasia. Ma da una storia che, Attraverso l'iperbole, mira a far vedere al lettore i pericoli di modelli chiusi come il Kindle. E in effetti, la realtà non è molto lontana da ciò che viene raccontato Il diritto di leggere.

Quanto segue è successo la scorsa settimana. Nel catalogo di libri elettronici che Amazon ha messo a disposizione degli utenti del proprio Kindle c'erano, tra molti altri, 1984 y La fattoria degli animali di George Orwell. A un certo punto, la società si è resa conto che in realtà non aveva i diritti necessari per venderlo, quindi li ha rimossi dall'elenco dei libri disponibili. In quel preciso momento, le persone che avevano comprato quei libri hanno visto come anche loro sono scomparsi dai rispettivi Kindle.

Come è possibile? Il motivo è semplice, almeno dal punto di vista giuridico. Il giornalista Juan Varela lo spiega così: «I libri digitali non ti appartengono. Pensi che siano tuoi, che li possiedi con le loro letture e il PVP. Non. Gli editori e le librerie digitali li affittano effettivamente».

E questo è il secondo grande problema con il modello Kindle, che i libri, una volta acquistati, non sono di proprietà dell'acquirente, ma sono concessi in licenza dagli editori e, naturalmente, stabiliscono i termini come meglio credono, riservandosi le prerogative che sembrano opportune e concedendo pochissimi diritti all'acquirente. Per ottemperare a un quadro normativo con tante restrizioni, non c'è dubbio, è necessario un sistema di controllo, in cui Amazon deve sapere come usi il suo dispositivo (che non è mai completamente tuo: è soprattutto loro) e te lo fa firmare accetti tale arbitrarietà nei termini e nelle condizioni del servizio. A proposito, parlando di distopie: che tutto questo è successo con un libro del genere 1984 è ancora una divertente ironia.

Idealmente, ovviamente, approfitta del vantaggi di avere libri in formato elettronico senza sprecare sforzi, come ha fatto Amazon, nel promuovere artificialmente svantaggi e arbitrarietà che dopotutto danneggiano tutti coloro che sono interessati al fatto che i libri siano scritti, distribuiti e letti il ​​più possibile.

Links

  • Kindle truffa
  • Il futuro della lettura (un'opera teatrale in sei atti)

Riferimenti


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

Un commento, lascia il tuo

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.

  1.   Francisco suddetto

    Kindle in realtà non è così restrittivo. Legge altri formati, come MOBI e c'è più di un programma che trasforma quasi tutti i formati in MOBI, come Calibre. Ho un Kindle 3 e quello che mi resta è la lettura.