Juan Gelman. Anniversario della sua nascita. Alcune poesie

Juan Gelman È nato in un giorno come oggi nel 1930 a Buenos Aires. Finì per vivere in esilio in Messico, dopo aver lasciato l'Argentina quando fu istituita la dittatura militare. Ha iniziato a scrivere poesie da bambino. Successivamente ha lasciato la laurea in Chimica per dedicarsi interamente alla scrittura. Ha vinto diversi premi di poesia, dal Nacional in Argentina, dal Juan Rulfo o dal Premio di poesia iberoamericana Ramón López Velarde. E nel 2007 gli è stato conferito il Premio Cervantes. Nella sua memoria, questo è un file selezione di alcune delle sue poesie.

Juan Gelman - Poesie scelte

Un altro maggio

quando hai passato con il tuo autunno al seguito
Può attraverso la mia finestra
e hai fatto segnali con la luce
delle foglie finali
Cosa volevi dirmi forse?
Perché eri triste o dolce nella tua tristezza?
Non l'ho mai saputo ma sempre
c'era un uomo solo tra gli ori della strada

ma io ero quel bambino
dietro la finestra
quando hai speso maggio
come proteggere i miei occhi

e l'uomo sarei io
Adesso che ricordo

Una donna e un uomo trascinati dalla vita ...

Una donna e un uomo portati nella vita,
una donna e un uomo faccia a faccia
Abitano nella notte, traboccano dalle loro mani,
si sentono salire liberi all'ombra,
le loro teste riposano in una bellissima infanzia
che hanno creato insieme, piene di sole, luce,
una donna e un uomo legati dalle loro labbra
riempiono la notte lenta con tutta la loro memoria,
una donna e un uomo più belli nell'altro
prendono il loro posto sulla terra.

Epitaffio

Un uccello viveva in me.
Un fiore ha viaggiato nel mio sangue.
Il mio cuore era un violino.

Volevo o no. Ma a volte
mi amavano. Anche io
mi hanno fatto felice: la primavera,
mani unite, quanto sono felici.

Dico che l'uomo deve essere!

Qui giace un uccello.
Un fiore.
Un violino.

Sciabola

La poesia nuota nel vento e risplende.
Non sa chi è fino a quando
che lo trascinano qui, dove
morirà sicuramente
all'aperto con le bestie.
Vorrei capire le bestie
per capire la mia bestia. Il
ti fa davvero gemere con sussulti animaleschi.
Quale grazia è stata conquistata nel tuo respiro?
Nessuno che non sia andato perduto.
Il sospetto crepita sotto il morbido.
In queste mani.

La porta

Ho aperto la porta / amore mio
sollevare / aprire la porta
Ho la mia anima incollata al mio palato
tremando di terrore

il cinghiale mi ha calpestato
l'asino selvatico mi ha inseguito
in questa mezzanotte di esilio
Anch'io sono una bestia

Assenza di amore

Come sarà, mi chiedo.

Come sarà toccarti al mio fianco.
Sono pazzo per l'aria
che cammino che non cammino.

Come sarà sdraiarsi

nel tuo paese di seni così lontano.
Cammino dal povero Cristo alla tua memoria
inchiodato, bonificato.

Sarà così com'è.

Forse il mio corpo esploderà tutto quello che ho sperato.
Allora mi mangerai dolcemente
pezzo dopo pezzo.

Sarò quello che dovrei

Il tuo piede. La vostra mano.

Fabbriche dell'amore

E ho costruito la tua faccia.
Con le divinazioni dell'amore, ho costruito il tuo volto
nei cortili lontani dell'infanzia.
Muratore con vergogna,
Mi sono nascosto dal mondo per scolpire la tua immagine,
per darti la voce,
per mettere dolcezza nella tua saliva.
Quante volte ho tremato
appena coperto dalla luce estiva
Come ti ho descritto con il mio sangue
Puro mio,
sei composto da quante stazioni
e la tua grazia discende come quanti crepuscoli.
Quanti dei miei giorni hanno inventato le tue mani?
Che infinito numero di baci contro la solitudine
affonda i tuoi passi nella polvere.
Ti ho officiato, ti ho recitato per le strade,
Ho scritto tutti i tuoi nomi in fondo alla mia ombra,
Ti ho preparato un posto nel mio letto
Ti ho amato, veglia invisibile, notte dopo notte.
È così che cantavano i silenzi.
Anni e anni ho lavorato per farti
prima di sentire un solo suono dalla tua anima.

Alza le braccia ...

Alza le braccia
chiudono la notte,
scatenalo sulla mia sete,
tamburo, tamburo, il mio fuoco.

Possa la notte coprirci con una campana,
che suona dolcemente ad ogni colpo d'amore.

Seppelliscimi l'ombra, lavami con la cenere,
Scava dal dolore, pulisci l'aria:
Voglio amarti gratis.

Distruggi il mondo perché questo accada,
fai partire il mondo perché questo accada.


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.