José Antonio Ramos Sucre: il poeta maledetto?

José Antonio Ramos Sucre, il poeta maledetto?

José Antonio Ramos Sucre, il poeta maledetto?

Alla fine del XIX secolo, la città di Cumaná (Venezuela) vide la nascita di uno dei suoi scrittori più dotati e più rappresentativi, José Antonio Ramos Sucre. Lo scrittore proveniva da una famiglia molto preparata intellettualmente, dove suo padre, Jerónimo Ramos Martínez, cercava di far prevalere la formazione accademica. Da parte sua, sua madre, Rita Sucre Mora, ha fortemente influenzato l'abilità comunicativa del giovane poeta. Fu grazie a lei che c'era un legame familiare con Antonio José de Sucre, il noto eroe venezuelano, poiché era la pronipote del Gran Maresciallo.

Fin dalla giovane età, il poeta è stato caratterizzato dall'essere molto egocentrico e solitario. Ramos Sucre trascorreva ore del suo tempo da solo a leggere, coltivando il tuo intelletto da solo. Purtroppo la sua vita è stata annerita da una condizione che lo ha afflitto fin da giovane e che lo ha segnato profondamente: l'insonnia.

Ramos Sucre, il filosofo, poeta e console

Insieme alla sua formazione da autodidatta, lo scrittore ha studiato al National College of Cumaná. In questa istituzione nello stato di Sucre, ha conseguito una laurea in filosofia all'età di 20 anni (1910). I suoi voti, ovviamente, erano eccezionali.

Sebbene lo scrittore volesse entrare all'Università Centrale del Venezuela senza perdere tempo, un'epidemia scoppiata nella città di Caracas ha impedito che ciò accadesse.. Tuttavia, e grazie alla sua formazione da autodidatta, non appena Ramos Sucre iniziò le sue attività accademiche, sostenne l'esame di ammissione ed entrò comodamente nel 1912.

Fu nel periodo di attesa che José Antonio debuttò formalmente come poeta pubblicando opere sui media regionali come L'illustrato zoppo. A soli 21 anni, lo scrittore stava iniziando a lasciare il segno Poesia ispanoamericana.

L'influenza della filosofia nel suo lavoro era notevole, così come l'amore per le lingue nelle sue traduzioni pulite. Lo scrittore, nonostante il suo carattere ritirato, produceva costantemente testi di vario genere, arrivando ad avere un vasto pubblico affascinato dalla sua penna. Non in vani diari come The Herald y El Nacional aprirono i loro spazi alla sublime prosa di Ramos Sucre.

A poco a poco, l'intelletto di Ramos Sucre lo ha portato a salire le scale della società e della politica, al punto che nel 1929 ha ricoperto la carica di Console del Venezuela in Svizzera. La nomina era però più che meritoria, il male che lo affliggeva persisteva, al punto da rovinargli il mondo.

José Antonio Ramos Sucre, il poeta maledetto?

Nello stesso momento in cui Ramos Sucre ottenne un posto nella poesia venezuelana, l'insonnia lo stava abbattendo. Le sue poesie ne sono un chiaro esempio, erano la fuga per denotare la sua sofferenza. Lo scrittore ha fatto molto per migliorare le sue condizioni, tanto che è andato in ospedali e cliniche psichiatriche per trovare una soluzione. Quello che riuscirono a curare fu l'amebiasi ad Amburgo, ma i problemi di salute causati dalla mancanza di sonno lo indebolirono.

È quasi incomprensibile capire come, insieme a una vita di successo personale, il dolore e il rimpianto siano passati a livello fisico. Tuttavia, leggere poesie come "Prelude" rende chiaro cosa stava realmente accadendo nel suo essere.

Frase da una poesia di José Antonio Ramos Sucre.

Frase da una poesia di José Antonio Ramos Sucre.

No, Ramos Sucre non era un "poeta maledetto", era un uomo dotato di un grande dono al quale sapeva brillare, ma purtroppo il destino dell'insonnia ha segnato il suo destino. Nel giorno del suo quarantesimo compleanno, e dopo diversi tentativi falliti, il poeta ha provato per l'ultima volta a togliersi la vita, e ci è riuscito. L'unica cosa che forse si può aggiungere per dare validità a quell'aggettivo con cui molti lo hanno qualificato è che non è morto sul colpo, ma che ha agonizzato per 40 giorni di seguito dopo aver consumato una dose di veronal.

«Preludio» (in segno del suo grande rammarico)

«VORREI essere nella vuota oscurità, perché il mondo ferisce crudelmente i miei sensi e la vita mi affligge, amata impertinente che mi dice amarezza.

Allora i ricordi mi avranno abbandonato: ora fuggono e tornano a ritmo di onde instancabili e ululano lupi nella notte che ricopre il deserto di neve.

Il movimento, fastidioso segno della realtà, rispetta il mio fantastico manicomio; ma l'avrò scalato a braccio con la morte. È una Beatrice bianca e, in piedi sulla falce di luna, visiterà il mare dei miei dolori. Sotto il suo incantesimo riposerò in eterno e non rimpiangerò più la bellezza offesa o l'amore impossibile ».


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.

bool (vero)